Scettro di Brandeburgo: differenze tra le versioni

m
wikilink
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
m (wikilink)
Lo Scettro di Brandeburgo era situato presso i piedi di [[Orione (costellazione)|Orione]], in una grande ansa del fiume [[Eridano (costellazione)|Eridano]]. Apparve per la prima volta su una carta pubblicata dallo stesso Kirch sulla rivista scientifica ''[[Acta Eruditorum]]'' nel 1688, ma rimase ignorato per quasi un secolo, fino a quando [[Johann Elert Bode]], un altro tedesco, la reinserì di nuovo nel [[1782]] sul suo atlante celeste ''Vorstellung der Gestirne''. In quest'atlante Bode lo chiamò ''Der Brandenburgische Scepter'', ma nella sua ''Uranographia'' del [[1801]] utilizzò il nome originale latino di Kirch, ''Sceptrum Brandenburgicum''. Le sue stelle fanno attualmente parte di Eridano.
 
Malgrado non sia più riconosciuto dagli astronomi da molto tempo, la sua stella più brillante, nota adesso come {{STL|53 Eridani|Eri}}, viene spesso ancora oggi indicata come ''Sceptrum''.
 
==Collegamenti esterni==