Differenze tra le versioni di "Evert Willem Beth"

→‎Pensiero scientifico: riutilizzo e ottimizzo nota, aggiungo suggerimento in paragrafo bibliografia
(→‎Biografia: aggiunto link interni)
(→‎Pensiero scientifico: riutilizzo e ottimizzo nota, aggiungo suggerimento in paragrafo bibliografia)
. All'inizio, cercò di pervenire ad una sintesi tra il [[neokantismo]] della [[Scuola di Marburgo]] e i risultati della ricerca sui [[fondamenti della matematica]] condotta dal [[Circolo di Vienna]]. Poi, rifiutando il concetto della filosofia come [[Weltanschauung]], giunse ad una filosofia dell'[[oggettività]] scientifica. Successivamente, dedicatosi a studi storici, assunse un atteggiamento critico nei confronti della filosofia e della teoria della conoscenza tradizionale. Infine, intraprese nuovi studi nel settore della [[logica matematica]], della [[semantica]] e della [[filosofia della scienza]]<ref name=":0" />.
Ha dato importanti contributi nel campo della teoria della logica con il metodo delle tavole semantiche, ovvero un procedimento sistematico ideato per la confutazione delle proposizioni, e identifica il concetto di verità logica con quello di proposizione inconfutabile<ref>{{Cita web|url=http://www.treccani.it/enciclopedia/beth_%28Enciclopedia-della-Matematica%29/|titolo=Beth|sito=http://www.treccani.it/|lingua=it-IT|accesso=2020-04-27}}</ref>.
A lui si deve una caratterizzazione propriamente semantica della logica intuizionista e un teorema, il teorema Beth-Padoa, che riguarda la teoria della definizione, in base al quale ogni concetto implicitamente definibile ammette, in ogni caso, anche una definizione esplicita<ref>{{cita web|urlname=https"://thebiography.us/en/beth-evert-william|titolo=Biography0" of Evert William Beth (1908-1964)|sito=https://thebiography>.us|lingua= EN|accesso=2020-04-27}}</ref>
 
== Note ==
<references/>
 
== Bibliografia ==
 
* Citare Garzantina Filosofia