Enrico I di Nassau-Siegen: differenze tra le versioni

 
Nel [[1292]] Enrico supportò il cugino [[Adolfo di Nassau]] nell'elezione a [[Re dei Romani|Re di Germania]], acconsentendo ad impegnare le proprietà dei Nassau a favore dell'arcivescovo di Colonia.<ref name=nota2 /> Enrico rimase nel tempo un alleato del cugino e in più occasioni, nel [[1294]], [[1295]] e [[1297]], fu comandante delle armate schierate contro [[Alberto II di Meissen|Alberto II di Meissen, langravio di Turingia]].<ref name=nota8 > Alfred Lück, ''Siegerland und Nederland'', Siegen, Siegerländer Heimatverein e.V., 1981 </ref> Nel biennio [[1297]]-[[1298]] Enrico fu deputato presso il Re di Germania e governatore del [[Margraviato di Meissen]] e Pleissnerland.<ref name=nota5 /><ref name=nota8 /> Durante il regno di Adolfo, Enrico partecipò inoltre alle campagne di [[Guido di Dampierre|Guido di Dampierre, conte di Fiandra]], contro re [[Filippo IV di Francia|Filippo IV ''il Bello'' di Francia]].<ref name=nota5 />
 
Il [[26 febbraio]] [[1298]] Adolfo promise ai cugini Enrico ed Emilio, contro il pagamento di 1.000 [[Marco (moneta)|marchi]], le [[Industria mineraria|miniere di di ferro ed argento]] di Ratzenscheid, vicino a [[Wilnsdorf]] nel [[Siegerland]], ed altre cave d'[[argento]] nei territori del Nassau.<ref name=nota8 /> Questa concessione fu l'atto costitutivo del ''Bergregal'', il diritto a sfruttare le risorse minerarie delle proprie terre, dei conti di Nassau. Il [[2 luglio]] [[1298]] Enrico ed Emilio combatterono al fianco di Adolfo nella battaglia di [[Göllheim]], durante la quale Adolfo trovò la morte.<ref> Jacob Wagner, ''Die Regentenfamilie von Nassau-Hadamar. Geschichte des Fürstenthums Hadamar. Erster Band'', Vienna, Mechitharisten-Congregations-Buchhandlung, 1863, p. 38 </ref>
 
 
Indipendentemente dalla fedeltà dimostrata al cugino durante le dispute contro [[Alberto I di Asburgo]], alla morte di Adolfo, Enrico si schierò dalla parte di Alberto. Già nel [[1301]], il Re di Germania accolse Enrico ed i fratelli nel proprio esercito con una ricompensa di 1.000 marchi. Parte di quella somma avrebbe dovuto essere pagata da Kraf di Greifenstein, ciò che pose le basi per le successive pretese dei conti di Nassau sulla signoria di [[Greifenstein (Assia)|Greifenstein]].<ref name=nota5 />
 
=== Conte di Nassau-Siegen ===