Differenze tra le versioni di "Joseph-Louis Lagrange"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
}}<ref name=laei>{{Cita web|url=https://ia600507.us.archive.org/17/items/ilprimosecolodel00acca/ilprimosecolodel00acca_bw.pdf|titolo=Luigi Lagrange|editore=[[Accademia delle Scienze di Torino]]|accesso=2 gennaio 2014|sito=Il primo secolo della Reale Accademia delle Scienze di Torino|autore=Angelo Genocchi|pp=86-95}}</ref><ref>{{Cita pubblicazione |nome= Giovanni | cognome = Vacca | wkautore = Giovanni Vacca (matematico)||titolo= Sui primi anni di Giuseppe Luigi Lagrange|anno= 1901|rivista= Bollettino Bibliografico di Storia della Matematica|volume= 4|pp= 1-4}}</ref><ref>F. Burzio (1942) ''Lagrange'', Torino, Utet (nuova edizione Torino, Utet 1993 con prefazione di L. Pepe, ''Lagrange e i suoi biografi'', pp. XII-XLIII).</ref><ref>{{cita|Luigi Pepe in (a cura di) A. Conte, C. Mancinelli, E. Borgi, L. Pepe| nome= | titolo= Lagrange. Un europeo a Torino|pp. 9-20|cont}}.</ref><ref>{{cita pubblicazione | nome = George | cognome = Sarton | anno = 1944 | titolo =Lagrange's Personality (1736-1813) | rivista = Proceedings of the American Philosophical Society | numero = 88 | pp = 457-496}}</ref>
 
Viene unanimemente considerato tra i maggiori e più influenti matematici europei del [[XVIII secolo]]. La sua più importante opera è la ''Mécanique analytique'', pubblicata nel [[1788]], con cui nasce convenzionalmente la [[meccanica razionale]].
In matematica, è ricordato per i contributi dati alla [[teoria dei numeri]], per essere tra i fondatori del [[calcolo delle variazioni]], deducendolo nella "Mecánique", per aver delineato i fondamenti della meccanica razionale, nella formulazione nota come [[meccanica lagrangiana]], per i risultati nel campo delle [[equazioni differenziali]] e per essere stato uno dei pionieri della [[teoria dei gruppi]].
 
3 608

contributi