Differenze tra le versioni di "Alberto Fortis"

2 336 byte aggiunti ,  1 anno fa
 
== Biografia ==
Trascorre l'infanzia e l'adolescenza a Domodossola, sua città natale. Il padre era un medico chirurgo promosso colonnello degli Alpini per i meriti acquisiti in un'azione umanitaria. È stato anche direttore sanitario della città. Nella sua famiglia c'è un altro luminare della medicina: il professor Lino De Gasperis - primo cugino della mamma di Alberto, scomparsa quando lui aveva 17 anni - che fu uno dei primi cardiochirurghi italiani di grande fama, nonché maestro del professor [[Gaetano Azzolina]]. Da bambino subisce già il fascino della musica e a 13 anni è batterista in una band giovanile chiamata i Paip's, dal nome del locale di [[Sestriere]] dove aveva iniziato a esibirsi davanti al pubblico come musicista<ref>{{Cita web|url=http://www.spaghettitaliani.com/Musica/Biografie/AlbertoFortis.html|titolo=Lo Spazio Musica di Spaghetti Italiani - Biografia di Alberto Fortis|sito=www.spaghettitaliani.com|accesso=2020-05-26}}</ref>. Inizierà poi a suonare il pianoforte a 18 anni.
Trascorre l'infanzia e l'adolescenza a Domodossola, sua città natale. Terminati gli studi superiori si trasferisce a [[Genova]] per iscriversi alla [[Facoltà universitaria|Facoltà]] di Medicina e Chirurgia. In quegli anni comincia a suonare il piano e a comporre canzoni. Dopo pochi esami si ritira dagli studi universitari e si sposta a [[Roma]], dove lavora come grafico e intanto cerca di introdursi, inizialmente senza successo, nell'ambiente musicale. L'anno successivo riprende la trafila presso i discografici, questa volta a [[Milano]], dove riesce a entrare in [[Polygram]] grazie al paroliere [[Alberto Salerno]]. L'azione congiunta di Alberto Salerno, che riesce a organizzare un incontro con i vertici della Polygram, la discografica [[Mara Maionchi]] e l'arrangiatore e produttore [[Claudio Fabi]], risultano decisivi per aiutare Alberto Fortis nel suo obiettivo di pubblicare il suo primo disco, che si chiama appunto ''[[Alberto Fortis (album)|Alberto Fortis]]'',<ref>''Mi ritornano in mente'' di Giacomo Gianfranco D'Amato - Editrice Zona, pag 181</ref> uscito nel 1979, accompagnato dalla [[Premiata Forneria Marconi]] al completo. Le canzoni ''A voi romani'' e ''[[Milano e Vincenzo]]'' vengono osteggiate dal circuito radio-televisivo ufficiale a causa dei testi, ma ottengono una grande diffusione soprattutto grazie alle [[Radio libere|emittenti libere]] che ne decretarono l'ampio successo.
 
Trascorre l'infanzia e l'adolescenza a Domodossola, sua città natale. Terminati gli studi superiori si trasferisce a [[Genova]] per iscriversi alla [[Facoltà universitaria|Facoltà]] di Medicina e Chirurgia. In quegli anni comincia a suonare il piano e a comporre canzoni. Dopo pochi esami si ritira dagli studi universitari e si sposta a [[Roma]], dove lavora come grafico e intanto cerca di introdursi, inizialmente senza successo, nell'ambiente musicale. L'anno successivo riprende la trafila presso i discografici, questa volta a [[Milano]], dove riesce a entrare in [[Polygram]] grazie al paroliere [[Alberto Salerno]]. L'azione congiunta di Alberto Salerno, che riesce a organizzare un incontro con i vertici della Polygram, la discografica [[Mara Maionchi]] e l'arrangiatore e produttore [[Claudio Fabi]], risultano decisivi per aiutare Alberto Fortis nel suo obiettivo di pubblicare il suo primo disco, che si chiama appunto ''[[Alberto Fortis (album)|Alberto Fortis]]'',<ref>''Mi ritornano in mente'' di Giacomo Gianfranco D'Amato - Editrice Zona, pag 181</ref> uscito nel 1979, accompagnato dalla [[Premiata Forneria Marconi]] al completo. Le canzoni ''A voi romani'' e ''[[Milano e Vincenzo]]'' vengono osteggiate dal circuito radio-televisivo ufficiale a causa dei testi, ma ottengono una grande diffusione soprattutto grazie alle [[Radio libere|emittenti libere]] che ne decretarono l'ampio successo.
 
Le canzoni ''A voi romani'' e ''[[Milano e Vincenzo]]'' vengono osteggiate dal circuito radio-televisivo ufficiale a causa dei testi, ma ottengono una grande diffusione soprattutto grazie alle [[Radio libere|emittenti libere]] che ne decretarono l'ampio successo. "Vincenzo" fa riferimento al famoso produttore discografico [[Vincenzo Micocci]], che ritardò l'avvio di carriera del giovane Alberto Fortis. I due si riappacificarono in seguito, con Fortis che nel 2010 pubblica il brano il brano "Vincenzo io ti abbraccerò". [[Vincenzo Micocci]] invece intitola la propria autobiografia "Vincenzo io ti ammazzerò"<ref>{{Cita web|url=https://www.lafeltrinelli.it/libri/vincenzo-micocci/vincenzo-io-ti-ammazzero-biografia/9788860631909|titolo=Libro Vincenzo io ti ammazzerò. Biografia di Vincenzo Micocci, un creativo nell'industria discografica - V. Micocci - Coniglio Editore {{!}} LaFeltrinelli|sito=www.lafeltrinelli.it|lingua=it|accesso=2020-05-26}}</ref>, a richiamare il brano di Fortis.
[[File:Piano Piano Festival 2.jpg|alt=|sinistra|miniatura|Alberto Fortis in concerto a Lecce nel luglio 2018]]
Nel [[1979]] Fortis apre il concerto di [[James Brown]] allo [[Stadio Alberto Braglia|stadio Braglia]] di [[Modena]].<ref>{{Cita libro|nome=Sergio|cognome=Bossi|titolo=1000 Notes... Stories of Music and Musicians...|url=https://books.google.it/books?id=USp7DwAAQBAJ&pg=PT77&dq=ALBERTO+FORTIS+JAMES+BROWN&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwiatMT27tbnAhWhy6YKHXcFBq0Q6AEIKzAA#v=onepage&q=ALBERTO%20FORTIS%20JAMES%20BROWN&f=false|accesso=2020-02-16|editore=Lulu.com|lingua=en|ISBN=978-1-326-16718-9}}</ref> Dopo una breve esperienza nel cinema, dove interpreta una piccolissima parte in ''[[Liquirizia (film)|Liquirizia]]'' di [[Salvatore Samperi]], esce il suo secondo album ''[[Tra demonio e santità]]'', un [[concept album]] incentrato sul dialogo tra il bene ed il male, ma ottiene un successo minore, mentre il terzo album, ''[[La grande grotta]]'' del [[1981]] si rivela essere il suo album più venduto, anche grazie a canzoni come ''Settembre''. Dopo l'uscita di ''[[Fragole infinite]]'' (1982) ed ''[[El nino (Alberto Fortis)|El nino]]'' (1984), Fortis continua a incidere album senza ottenere successo rilevante, e si trasferisce all'estero, negli Stati Uniti.
 
Dopo l'uscita di ''[[Fragole infinite]]'' (1982) ed ''[[El nino (Alberto Fortis)|El nino]]'' (1984), Fortis continua a incidere album senza ottenere successo rilevante, e si trasferisce negli Stati Uniti<ref>{{Cita web|url=https://www.rockol.it/artista/alberto-fortis/biografia|titolo=√ Biografia di Alberto Fortis {{!}} Le ultime news, concerti e testi|autore=Rockol com s.r.l|sito=Rockol|lingua=it|accesso=2020-05-26}}</ref>.
 
Nel [[2005]] prende parte a ''[[O' Scià]]'', il festival voluto da [[Claudio Baglioni]] sulla spiaggia dell'[[isola di Lampedusa]].
 
Nel [[2006]] ha preso parte alla terza edizione del reality show di [[Rai 2]] ''[[Music Farm (terza edizione)|Music Farm]]'', classificandosi quarto.
 
Dal 2008 è testimonial ufficiale dell'associazione di volontariato dei [[City Angels]].
 
Il 12 novembre [[2010]] è ospite nel programma televisivo ''[[I migliori anni]]'' di [[Carlo Conti (conduttore televisivo)|Carlo Conti]], in cui si esibisce con una versione modificata di ''Milano e Vincenzo'', cantando ''Vincenzo io ti abbraccerò''.
 
Il 30 settembre 2014 è uscito ''[[Do l'anima]]'', il suo nuovo album di inediti, a distanza di nove anni dal precedente progetto discografico. ''[[Con te (Alberto Fortis)|Con te]]'', è il diciannovesimo lavoro discografico ([[Extended Play]]) di Alberto Fortis, pubblicato nel [[2016]] da Sony Music Italy.
 
Nel [[2018]] esce il doppio album ''[[4Fortys]]'', col quale festeggia quarant'anni di carriera. Il disco comprende tutti i brani dell'album di esordio eseguiti in piano e voce live, alcuni brani celebri del repertorio e tre inediti: [https://www.youtube.com/watch?v=Srwn0CnuRFs ''Venezia''], [https://www.youtube.com/watch?v=MVVb9STlipY ''Maphya''] e ''Caro Giuseppe''. Il 14 dicembre [[2018]] esce il nuovo album raccolta in formato [[Disco in vinile|vinile]] ''[[I Love You (Alberto Fortis)|I Love You]]'' su etichetta [[Playaudio]] al quale segue, nel febbraio [[2019]], il singolo ''I Love You''.
 
Nel dicembre del 2019 il canale satellitare [[Sky Arte]] gli dedica una puntata del programma "33 giri Italian Masters"<ref>{{Cita web|url=https://arte.sky.it/temi/programmi-tv-11-dicembre-serie-musica-alberto-fortis/|titolo=La musica di Alberto Fortis|sito=Sky Arte - Sky|data=2019-12-09|lingua=it-IT|accesso=2020-05-26}}</ref> in cui narra in prima persona aneddoti sulla propria carriera e in particolare sull'incisione del suo primo album.
Nel [[2005]] prende parte a ''[[O' Scià]]'', il festival voluto da [[Claudio Baglioni]] sulla spiaggia dell'[[isola di Lampedusa]]. Nel [[2006]] ha preso parte alla terza edizione del reality show di [[Rai 2]] ''[[Music Farm (terza edizione)|Music Farm]]'', classificandosi quarto. Dal 2008 è testimonial ufficiale dell'associazione di volontariato dei [[City Angels]]. Il 12 novembre [[2010]] è ospite nel programma televisivo ''[[I migliori anni]]'' di [[Carlo Conti (conduttore televisivo)|Carlo Conti]], in cui si esibisce con una versione modificata di ''Milano e Vincenzo'', cantando ''Vincenzo io ti abbraccerò''. Il 30 settembre 2014 è uscito ''[[Do l'anima]]'', il suo nuovo album di inediti, a distanza di nove anni dal precedente progetto discografico. ''[[Con te (Alberto Fortis)|Con te]]'', è il diciannovesimo lavoro discografico ([[Extended Play]]) di Alberto Fortis, pubblicato nel [[2016]] da Sony Music Italy. Nel [[2018]] esce il doppio album ''[[4Fortys]]'', col quale festeggia quarant'anni di carriera. Il disco comprende tutti i brani dell'album di esordio eseguiti in piano e voce live, alcuni brani celebri del repertorio e tre inediti: [https://www.youtube.com/watch?v=Srwn0CnuRFs ''Venezia''], [https://www.youtube.com/watch?v=MVVb9STlipY ''Maphya''] e ''Caro Giuseppe''. Il 14 dicembre [[2018]] esce il nuovo album raccolta in formato [[Disco in vinile|vinile]] ''[[I Love You (Alberto Fortis)|I Love You]]'' su etichetta [[Playaudio]] al quale segue, nel febbraio [[2019]], il singolo ''I Love You''.
 
==Discografia==
252

contributi