Differenze tra le versioni di "Baldassarre Castiglione"

Etichetta: Editor wikitesto 2017
Etichetta: Editor wikitesto 2017
}}
 
La sua prosa èe consideratala lezione che Castiglione offre sono considerate una delle più alte espressioni del [[Rinascimento italiano]]<ref>{{Cita|Motta, Castiglione}}:{{Citazione|L’opera, all’indomani della prima edizione (1528), si afferma, a livello internazionale, come autentico capolavoro e nuovo punto di riferimento nella letteratura etica e politica, sulla scia dei sublimi modelli antichi di Aristotele e Cicerone, di cui, consapevolmente, aggiorna e puntualizza la lezione.}}</ref>. Soggiornò in molte corti, tra cui quella di [[Francesco II Gonzaga]] a [[Mantova]], quella di [[Guidobaldo da Montefeltro]] a [[Urbino]] e quella di [[Ludovico il Moro]] a [[Milano]]. Al tempo del [[Sacco di Roma (1527)|sacco di Roma]] fu nunzio apostolico per [[papa Clemente VII]]. La sua opera più famosa è ''[[Il Cortegiano]]'', pubblicato a Venezia nel 1528, e ambientato presso la corte d'Urbino, ma scritto solo in seguito al soggiorno in quest'ultima. Si tratta della trattazione, in forma dialogata, di quali siano gli atteggiamenti più consoni a un [[Cortigiano|uomo di corte]] e a una "dama di palazzo", dei quali l'autore riporta raffinate ed equilibrate conversazioni che immagina si tengano durante serate di festa alla corte dei Montefeltro, attorno alla duchessa [[Elisabetta Gonzaga]].
 
== Biografia ==
 
== Collegamenti esterni ==
{{Collegamenti esterni}}
 
* {{Cita web|url=http://www.internetculturale.it/directories/ViaggiNelTesto/castiglione/index.html|titolo=Baldassarre Castiglione|editore=InternetCulturale|accesso=20 maggio 2020|autore=Uberto Motta|cid=Motta, Castiglione}}:
** {{Cita web|url=http://www.internetculturale.it/directories/ViaggiNelTesto/castiglione/c12.html|titolo=Il mito della duchessa|autore=Uberto Motta|cid=Motta, Elisabetta Gonzaga|accesso=20 maggio 2020}}
** {{Cita web|url=http://www.internetculturale.it/directories/ViaggiNelTesto/castiglione/b3.html|titolo=I carmi latini|autore=Uberto Motta|cid=Motta, i carmi latini|accesso=20 maggio 2020}}
** {{Cita web|url=http://www.internetculturale.it/directories/ViaggiNelTesto/castiglione/b19.html|titolo=La genesi del testo|autore=Uberto Motta|cid=Motta, genesi|accesso=20 maggio 2020}}
*{{Cita web|url=https://journals.openedition.org/laboratoireitalien/932|titolo=La traduzione del Cortegiano e l’aspirazione spagnola a una cultura degna della nuova condizione imperiale|autore=Mario Pozzi|data=2 dicembre 2015|cid=Pozzi|accesso=20 maggio 2020}}