Differenze tra le versioni di "Neoclassicismo"

nessun oggetto della modifica
Il '''neoclassicismo''' è una [[Moda|tendenza]] [[Cultura|culturale]] sviluppatasi nel '700. Nato come reazione al [[tardo barocco]] e al [[Rococò]] e ispiratosi all'[[arte antica]], in particolar modo quella [[Arte greca|greco]]-[[Arte romana|romana]], fu variamente caratterizzato, ma ben riconoscibile nelle varie [[arte|arti]], nella [[letteratura]], in campo [[teatro|teatrale]], [[musica]]le e nell'[[architettura]].
 
La sua teorizzazione prese vita a [[Roma]] con gli scritti dell'archeologo e storico dell'arte [[Johann Joachim Winckelmann]] e del pittore e storico dell'arte [[Anton Raphael Mengs]], mentre la costituzione di tale modello si ebbe soprattutto grazie alla scoperta, per volere del re di [[Napoli]] [[Carlo III di Spagna|Carlo III di Borbone]], delle antiche città di [[Ercolano antica|Ercolano]] e [[Pompei antica|Pompei]], lall'affermazione dell'[[archeologia]] come scienza e la diffusione di pubblicazioni sulle antichità greche.<ref>{{cita web|url= http://www.sapere.it/enciclopedia/neoclassicismo.html|titolo= sapere, ''Neoclassicismo'' }}</ref><ref>{{cita web|url= http://www.inftub.com/letteratura/L-ILLUMINISMO-I-TEMI42956.php|titolo= inftub, ''L'illuminismo - i temi'' }}</ref>
 
== Architettura e arti visive ==
Utente anonimo