Differenze tra le versioni di "Zona demilitarizzata coreana"

m
nessun oggetto della modifica
m
[[File:KPA3-2a.jpg|thumb|Una parte della ZDC nordcoreana vista dall'Area di sicurezza congiunta nel gennaio 1976.]]
{{vedi anche|Divisione della Corea}}
Il 38º parallelo nord - che divide a metà la penisola coreana - era il confine originale tra gli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]] e le brevi aree amministrative coreane dell'[[Unione Sovietica]] alla fine della [[seconda guerra mondiale]]. Dopo la creazione della Repubblica Democratica Popolare di Corea (RPDC, informalmente "Corea del Nord") e della Repubblica di Corea (ROK, informalmente "Corea del Sud") nel 1948, divenne di fatto un confine internazionale e uno dei fronti più tesi nella [[Guerra fredda (1953-1962)|Guerra Fredda]].
 
Sia il Nord che il Sud rimasero dipendenti dai loro stati occupanti dal 1948 allo scoppio della Guerra di Corea. Quel conflitto, che provocò oltre tre milioni di vittime e divise la penisola coreana lungo linee ideologiche, iniziò il 25 giugno 1950, con un'invasione a pieno titolo della Corea del Nord attraverso il 38º parallelo, e si concluse nel 1953.
A causa di questo stallo teorico e di una vera ostilità tra il Nord e il Sud, un gran numero di truppe sono di stanza lungo entrambi i lati della linea, ciascuna delle quali protegge da possibili aggressioni dall'altra parte. L'accordo di armistizio spiega esattamente quanti militari e quale tipo di [[Arma|armi]] sono permesse nella ZDC. I soldati di entrambe le parti possono pattugliare all'interno della ZDC, ma non possono attraversare la Linea di demarcazione militare. Tuttavia, i soldati sudcoreani pesantemente armati pattugliano sotto l'egida della [[polizia militare]] e hanno memorizzato ogni linea dell'armistizio.<ref name="On Patrol in the DMZ">{{Cita news|url=https://www.theguardian.com/world/2016/mar/21/north-korea-south-korea-dmz-landmines |titolo=On patrol in the DMZ: North Korean landmines, biting winds and tin cans: As tensions on the peninsula escalate, a former South Korean guard describes life at one of the world's most fortified borders. NK News reports |giornale=The Guardian |data=21 marzo 2016 |accesso=18 aprile 2016 |autore=Ahn, JH |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160416132851/http://www.theguardian.com/world/2016/mar/21/north-korea-south-korea-dmz-landmines |dataarchivio=16 aprile 2016 }}</ref> Sporadici attacchi di violenza hanno ucciso oltre 500 soldati sudcoreani, 50 soldati statunitensi e 250 soldati della RPDC lungo la ZDC tra il 1953 e il 1999.<ref>{{Cita news|cognome=Potts |nome=Rolf |titolo=Korea's no-man's-land |url=http://www.salon.com/1999/02/03/feature_115/ |opera=Salon |accesso=31 gennaio 2013 |data=3 febbraio 1999 |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20130215050040/http://www.salon.com/1999/02/03/feature_115/ |dataarchivio=15 febbraio 2013 }}</ref>
 
[[Daeseong-dong]] (anche scritto Tae Sung Dong) e [[Kijŏng-dong]] (noto anche come "Villaggio della pace") sono gli unici insediamenti autorizzati dal comitato di armistizio a rimanere entro i confini della ZDC.<ref name="Tae">{{Cita news|url=http://www.stripes.com/article.asp?section=104&article=52586 |titolo=DMZ sixth-graders become graduates |giornale=[[Stars and Stripes (quotidiano)|Stars and Stripes]] |data=19 febbraio 2008 |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20090611232350/http://www.stripes.com/article.asp?section=104&article=52586 |dataarchivio=11 giugno 2009 }}</ref> I residenti di Tae Sung Dong sono [[Comando delle Nazioni Unite in Corea|governati e protetti dal Comando delle Nazioni Unite]] e sono generalmente tenuti a trascorrere almeno 240 notti all'anno nel villaggio per mantenere la loro [[Residenza (diritto)|residenza]].<ref name="Tae"/> Nel 2008, il villaggio aveva una popolazione di 218 persone.<ref name="Tae"/> Gli abitanti del villaggio di Tae Sung Dong sono discendenti diretti di persone che possedevano il terreno prima della Guerra di Corea del 1950-531950–53.<ref>{{Cita news|url=http://www.army.mil/-news/2009/01/26/16093-santa-mobbed-by-students-during-visit-to-joint-security-area/ |titolo=Santa mobbed by students during visit to Joint Security Area |editore=army.mil.com -The Official U.S. Army Website |accesso=11 dicembre 2009 |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20091124043626/http://www.army.mil/-news/2009/01/26/16093-santa-mobbed-by-students-during-visit-to-joint-security-area/ |dataarchivio=24 novembre 2009 }}</ref>
 
Per continuare a scoraggiare l'incursione della Corea del Nord, nel 2014 il governo degli Stati Uniti ha esentato la ZDC coreana dal suo impegno di eliminare le mine terrestri antiuomo.<ref>{{Cita news|url=https://blogs.wsj.com/korearealtime/2014/09/24/why-the-korean-peninsula-keeps-landmines/ |titolo=Why the Korean Peninsula Keeps Land Mines |cognome=Kwaak |nome=Jeyup S |giornale=Wall Street Journal |data=24 settembre 2014 |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20140924070350/https://blogs.wsj.com/korearealtime/2014/09/24/why-the-korean-peninsula-keeps-landmines/ |dataarchivio=24 settembre 2014 }}</ref> Il 1º ottobre 2018, tuttavia, un processo di 20 giorni ha iniziato a rimuovere le mine terrestri da entrambi i lati della ZDC.<ref>{{Cita news|url=https://www.telegraph.co.uk/news/2018/10/01/north-south-korea-begin-removing-landmines-along-fortified-border/|titolo=North and South Korea begin removing landmines along fortified DMZ|cognome=Agency|nome=Reuters News|data=1º ottobre 2018|opera=The Telegraph|accesso=19 novembre 2018|lingua=en|issn=0307-1235}}</ref>
|immagine2=Gijeong-ri Flag.jpg
|didascalia2=Il quarto pennone più alto del mondo (160 m) con la bandiera della Corea del Nord a [[Kijŏng-dong]] vicino a [[Panmunjom]]}}
Negli anni '80, il governo sudcoreano costruì un [[pennone]] con bandiera di 98,4 m a [[Daeseong-dong]]. In quella che alcuni hanno definito la "[[guerra del pennone]]", il governo nordcoreano ha risposto costruendo l'asta della bandiera Panmunjeom di 160 m a Kijŏng-dong, a solo 1,2&nbsp;km a ovest del confine con la Corea del Sud. Vola una bandiera da 270&nbsp;kg della Corea del Nord. A partire dal 2014, il pennone di Panmunjom è il quarto più alto al mondo, dopo il [[pennone di Gedda]] a [[Gedda]], in [[Arabia Saudita]], a 170 m, l'[[asta di Duşanbe]] a [[Duşanbe]], in [[Tagikistan]], a 165 metri e il palo nella [[Piazza delle bandiere]] a [[Baku]], [[Azerbaigian]], che è 162 m .<ref>{{Cita news|url=http://edition.cnn.com/2002/WORLD/asiapcf/east/02/19/koreas.dmz/ |titolo=CNN.com – Korea's DMZ: 'Scariest place on Earth' |accesso=23 ottobre 2007 |data=20 febbraio 2002 |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20071012164210/http://edition.cnn.com/2002/WORLD/asiapcf/east/02/19/koreas.dmz/ |dataarchivio=12 ottobre 2007 }}</ref><ref>{{Cita web|url=http://economy.ohmynews.com/articleview/article_blogview.asp?at_code=370439 |titolo=개성에 '구멍탄' 5만장 배달했습니다 |opera=economy.ohmynews.com |accesso=6 dicembre 2006 |lingua=ko }}{{dead link|date=July 2017 |bot=Al83tito |fix-attempted=yes }}</ref>
 
== Incidenti e incursioni relativi alla ZDC ==
 
Dalla demarcazione, la ZDC ha avuto numerosi casi di incidenti e [[Invasione|incursioni]] da entrambe le parti, anche se il governo nordcoreano di solito non riconosce mai la responsabilità diretta di nessuno di questi incidenti (ci sono eccezioni, come l'incidente dell'ascia).<ref>{{Cita web|url=https://fas.org/man/crs/RL30004.pdf |titolo=North Korea: Chronology of Provocations, 1950 – 2003 |formato=PDF |data= |accesso=2 febbraio 2012 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060905062431/http://www.fas.org/man/crs/RL30004.pdf |dataarchivio=5 settembre 2006 }}</ref> Questo è stato particolarmente intenso durante il conflitto ZDC coreano (1966-19691966–1969) quando una serie di schermaglie lungo la ZDC ha provocato la morte di 43 soldati americani, 299 sudcoreani e 397 nordcoreani.<ref>{{Cita libro|cognome=Bolger|nome=Daniel|titolo=Scenes from an Unfinished War: Low intensity conflict in Korea 1966–1969|editore=Diane Publishing Co|isbn=978-0-7881-1208-9|anno=1991}}</ref> Tra questi, il "''[[Blue House Raid]]"'' del 1968, un tentativo di assassinare il presidente [[Park Chung]] Hee alla [[Casa blu]].<ref>{{Cita web|url=http://cgsc.leavenworth.army.mil/carl/download/csipubs/scenes/scen_c3.pdf |titolo=Scenes from an Unfinished War: Low-Intensity Conflict in Korea, 1966–1968 |editore=Cgsc.leavenworth.army.mil |data= |accesso=2 febbraio 2012 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20090325103728/http://cgsc.leavenworth.army.mil/carl/download/csipubs/scenes/scen_c3.pdf |dataarchivio=25 marzo 2009 }}</ref>
 
Nel 1976, in minuti appena declassificati, il vice segretario alla difesa degli Stati Uniti William Clements disse al [[Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America|segretario di stato americano]] [[Henry Kissinger]] che c'erano stati 200 [[raid]] o incursioni nella Corea del Nord dal sud, anche se non dagli Stati Uniti.<ref>{{Cita web|url=https://history.state.gov/historicaldocuments/frus1969-76ve12/d286 |titolo=Minutes of Washington Special Actions Group Meeting, Washington, 25 August 1976, 10:30 a.m. |data=25 agosto 1976 |accesso=12 maggio 2012 |editore=[[Office of the Historian]], US Department of State |citazione=Clements: I like it. It doesn't have an overt character. I have been told that there have been 200 other such operations and that none of these have surfaced. Kissinger: It is different for us with the War Powers Act. I don't remember any such operations. |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20120925121535/http://history.state.gov/historicaldocuments/frus1969-76ve12/d286 |dataarchivio=25 settembre 2012 }}</ref> I dettagli di solo alcune di queste incursioni sono diventati pubblici, inclusi i raid delle forze della Corea del Sud nel 1967 che avevano sabotato circa 50 strutture nordcoreane.<ref>{{Cita news|url=https://www.koreatimes.co.kr/www/news/nation/2011/02/116_80936.html |titolo=S. Korea raided North with captured agents in 1967 |giornale=The Korea Times |autore=Lee Tae-hoon |data=7 febbraio 2011 |accesso=12 maggio 2012 |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20121001195904/http://www.koreatimes.co.kr/www/news/nation/2011/02/116_80936.html |dataarchivio=1º ottobre 2012 }}</ref>
Varie organizzazioni, come la coreana [[Konsult]], società di guide turistiche nordcoreane, hanno affermato che un muro stava dividendo la Corea, affermando che:
 
{{citazione|Nella zona a sud della linea di demarcazione militare, che attraversa la Corea in vita, c'è un muro di cemento che ... si estende per oltre 240 km da est a ovest, è alto 5-85–8 m, spesso 10-1910–19 m il fondo e 3-73–7 m di larghezza nella parte superiore. È circondato da intrecci di cavi e punteggiato da cannoniere, guardie e varietà di stabilimenti militari.<!-- non in citazione: [...] i governanti sudcoreani costruirono questo muro per un periodo di molti anni a partire dal 1977.--><ref>{{Cita web|titolo=DMZ: Demilitarized Zone|url=http://koreakonsult.net/Attraction_DMZ_eng.html|editore=''Korea Konsult''|accesso=16 aprile 2015}}</ref>}}
 
Nel dicembre 1999, [[Chu Chang-jun]], ambasciatore della Corea del Nord in Cina, ha ripetuto che un "muro" divideva la Corea. Ha detto che il lato sud del muro è pieno di terra, che consente l'accesso alla parte superiore del muro e lo rende effettivamente invisibile dal lato sud. Affermò anche che serviva da testa di ponte per qualsiasi invasione verso nord.<ref name="Wall">{{Cita web|url=http://www.korean-war.com/Archives/2000/12/msg00041.html |titolo=New York Times, 1999 |editore=Korean-war.com |data= |accesso=2 febbraio 2012 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20120308122740/http://www.korean-war.com/Archives/2000/12/msg00041.html |dataarchivio= 8 marzo 2012 }}</ref><ref>{{Cita news|nome= |cognome= |titolo=Tear Down the Korean Wall |url=http://www.kimsoft.com/1997/nk9912.htm |editore=DPRK UN Mission |data=3 dicembre 1999 |accesso=29 ottobre 2007 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060329064336/http://www.kimsoft.com/1997/nk9912.htm |dataarchivio=29 marzo 2006 }}</ref>
All'interno della stessa ZDC, nella città di [[Cheorwon]], si trova la vecchia capitale del [[regno di Taebong]] (901-918), un upstart regionale che divenne [[Goryeo]], la dinastia che governò una Corea unita dal 918 al 1392.
 
Taebong è stato fondato dal leader carismatico [[Gung Ye]], un brillante [[monaco buddhista]] ex [[monarca]] se pur sempre tirannico. Ribellandosi contro il [[regno di Silla]], allora dinastia regnante della Corea, proclamò il regno di Taebong - chiamato anche Later Goguryeo, in riferimento all'antico [[regno di Goguryeo]] (37 a.C.-668–668 d.C) - nel 901, con se stesso come re. Il regno consisteva in gran parte della Corea centrale, comprese le aree intorno alla ZDC. Mise la sua capitale a Cheorwon, una regione montuosa che era facilmente difendibile (nella Guerra di Corea, questa stessa regione avrebbe guadagnato il nome di "Triangolo di Ferro").
 
Come ex monaco buddista, Gung Ye promosse attivamente la religione del buddismo e incorporò le cerimonie buddiste nel nuovo regno. Anche dopo che Gung Ye fu detronizzato dai suoi stessi generali e sostituito da Wang Geon, l'uomo che avrebbe regnato su una Corea unita come primo re di Goryeo, questa influenza buddhista avrebbe continuato a svolgere un ruolo importante nel plasmare la cultura della Corea medievale.
 
==Ricollegamento di strade lungo la LDM==
Il 22 novembre 2018, la Corea del Nord e la Corea del Sud hanno completato la costruzione per collegare una strada di tre chilometri lungo la ZDC, 90&nbsp;km a nordest di Seoul.<ref name=nov22kr>https://en.yna.co.kr/view/AEN20181122006452315?section=national/defense</ref><ref name=nov22>https://www.aa.com.tr/en/politics/south-north-korea-connect-border-road-through-dmz/1318769</ref> Questa strada, che attraversa il confine terrestre MDL coreano, è composta da 1.,7&nbsp;km in Corea del Sud e 1.,3&nbsp;km in Corea del Nord.<ref name=nov22 /> La strada è stata ricollegata per la prima volta in 14 anni nel tentativo di assistere a un processo presso la Arrowhead Hill della Z, che prevedeva la rimozione delle mine e la riesumazione dei resti della Guerra di Corea.<ref>http://www.asianews.it/news-en/After-14-years,-a-road-to-unite-the-Koreas-and-recover-the-remains-of-the-fallen-45545.html</ref><ref>https://www.yahoo.com/news/north-south-korea-join-roads-124905264.html</ref><ref>https://www.cairnspost.com.au/news/national/north-and-south-korea-join-roads-after-14-years/video/af8a644187eb15024a900b16826ebd24</ref>
 
==Presenza di mine terrestri e residui della Guerra di Corea==
8 932

contributi