Differenze tra le versioni di "Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò"

Non c'è bisogno di scrivere nell'introduzione che l'autore è un matematico, altrimenti bisognerebbe anche scrivere che è un fotografo, un logico e un prete anglicano.
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(Non c'è bisogno di scrivere nell'introduzione che l'autore è un matematico, altrimenti bisognerebbe anche scrivere che è un fotografo, un logico e un prete anglicano.)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
|preceduto=[[Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie]]
}}
'''''Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò''''' o semplicemente '''''Attraverso lo specchio''''' (titolo originale ''Through the Looking-Glass, and What Alice Found There'', tradotto in [[lingua italiana|italiano]] anche con numerosi altri titoli)<ref name="Vegetti" /> è un [[romanzo]] [[fantastico]] del [[1871]] scritto dal matematico e scrittore ingleseda Charles Lutwidge Dodgson consotto lo pseudonimo di [[Lewis Carroll]], come seguito de ''[[Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie]]''.
 
Come nel precedente, il racconto è pieno di allusioni a personaggi, poemetti, proverbi e avvenimenti propri dell'epoca in cui Dodgson viveva. Mentre il primo libro gioca sul tema delle [[Gioco di carte|carte da gioco]], il secondo è incentrato sul tema degli [[scacchi]], per i quali l'autore fornisce uno schema di gioco all'inizio del libro.<ref>Lo schema di gioco presentato non è totalmente corretto, poiché la sequenza di mosse non segue sempre l'alternanza Bianco/Rosso.</ref>
Utente anonimo