Differenze tra le versioni di "Tercio viejo de Sicilia"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: i simboli corretti degli ordinali sono º e ª e modifiche minori)
Il ''Tercio di Sicilia'' era organizzato su 12 Compagnie da 150 a 200 uomini ciascuna, divise per il loro armamento in [[archibugieri]], [[moschettiere|moschettieri]] e [[picchiere|picchieri]]. Nel novembre del 1536 fu completata l’organizzazione del Terzo, aumentando il personale di 300 uomini per Compagnia.
 
La nascita di tali organizzazioni segnò il passaggio e la trasformazione dalle istituzioni militari medievali a quelle moderne. La prima mansione del tercio siciliano fu quello di occupare La Goletta di Tunisia, sotto il dominio Ottomano, obiettivo portato a termine con successo. Altre imprese furono le battaglie in Francia, nei Paesi Bassi, in Savoia, ma fu soprattutto contro gli Ottomani che il ''Tercio di Sicilia'' diede il meglio come a [[Battaglia di Lepanto|Lepanto]] e nella [[battagliaconquista di Tunisi (1535)|conquista di Tunisi]].
 
===Reggimento===
Nel 1705 il Tercio è diviso in tre unità, una delle quali conserva il suo nome e, con decreto del 1 giugno 1707, il "Tercio di Sicilia" diventa un reggimento sulla base di due battaglioni. Al rientro in Spagna nel 1736 (dopo che Carlo di Borbone riprende agli austriaci la sovranità sul [[regno di Sicilia]]), subisce un naufragio, perdendo parte di uomini e materiali e viene ricostituito come ''Regimiento de África''.