Differenze tra le versioni di "Giorgio Armani (azienda)"

=== Le origini e gli anni settanta ===
La società nasce il [[24 luglio]] [[1975]] quando Giorgio Armani e Sergio Galeotti, con un capitale di circa 2.500.000 £, fondano a
[[Milano]] una casa di moda, con sede nell'atelier di [[Corso Venezia]]<ref>{{Cita libro|titolo = I love Milano|autore = Marina Moioli |wkautore = |url = https://books.google.it/books?id=yHfUCgAAQBAJ&printsec=frontcover&dq=i+love+milano+moioli&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwiixo2Zs5XqAhWB6qYKHdCNCLoQ6AEwAHoECAUQAg#v=onepage&q=i%20love%20milano%20moioli&f=false|via = Google Books |editore = [[Newton Compton Editori]]|città = Roma|anno = 2015|lingua = italiano|annooriginale = 2015||collana = Quest'italia|edizione = 1|capitolo = Giorgio Armani, il re della moda |p = |ISBN = 9788854182226|LCCN = |DOI = |OCLC = |id = |cid = |citazione = |accesso = 22 giugno 2020|urlarchivio = |dataarchivio = |urlmorto =}}</ref><ref>{{Cita news|lingua = italiano|autore = Patrizia Gatti|wkautore = |url = https://www.vogue.it/people-are-talking-about/l-ossessione-del-giorno/2014/07/giorgio-armani-compleanno|titolo = Giorgio Armani: 80 anni di stile|pubblicazione = [[Vogue Italia]]|città = |editore = [[Condé Nast Publications]]|data = 11 luglio 2014|p = |pp = |accesso = 22 giugno 2020|formato = |cid = |citazione = |urlarchivio = |dataarchivio = |urlmorto = }}</ref><ref name=stroncato>{{Cita news|lingua = italiano |autore = Redazione|url =http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1985/08/15/stroncato-da-infarto-galeotti-era-il-braccio.html |titolo = Stroncato da infarto Galeotti. Era il braccio destro di Armani|pubblicazione = [[la Repubblica (quotidiano)|La Repubblica]]|editore = [[GEDI Gruppo Editoriale]]|data = 15 agosto 1985|accesso=27 aprile 2020}}</ref>. Pochi mesi dopo esce la prima collezione di ''[[prêt-à-porter]]'' (Primavera/Estate 1976), che sfila al "Plaza Hotel" di Milano<ref>{{cita web|https://perfettamentechic.com/2019/09/28/giorgio-armani/|Giorgio Armani|lingua= italiano|25 giugno 2020}}</ref><ref name= 50anni>{{Cita news|lingua = italiano|autore = Nicoletta Cherubini|url = https://www.itals.it/sites/default/files/pdf-bollettino/CherubiniRaminelli_Bollettino_ITALS_n65_Settembre_2016.pdf|titolo = Italiano L2 e storia della moda italiana dagli anni '50 agli anni 2000|pubblicazione = Bollettino Itals|data = settembre 2016|p = 60|accesso = 25 giugno 2020|formato = pdf}}</ref>. Del [[1978]] è il contratto di licenza con il Gruppo Finanziario Tessile grazie al quale la società si espande e apre una nuova sede dotata di sala stampa e diversi showroom<ref>{{Cita web|autore = Archivio di Stato di Torino|url = http://archiviodistatotorino.beniculturali.it/naviga-patrimonio/percorsi-tra-le-carte/storie-d-archivio/torino-citta-moda/|titolo = Gruppo Finanziario Tessile (GFT)|lingua= italiano|accesso = 27 dicembre 2015}}</ref><ref>{{Cita libro|titolo = Atlante della comunicazione|autore = Fausto colombo |url = https://books.google.it/books?id=3c01muRkPOAC&printsec=frontcover#v=onepage&q&f=false|via = Google Books |editore = [[Hoepli]]|città = |anno = 2005|lingua = italiano|annooriginale = 2005|capitolo = Abito|url_capitolo = |p = 4||ISBN = 8820333597|accesso = 25 giugno 2020}}</ref><ref>{{Cita libro|titolo = I cretini non sono mai eleganti-Giorgio Armani in parole sue|autore = paolaPaola Pollo|url = |via = Google Books|editore = [[Rizzoli]]|città = |anno = 2013|lingua = italiano|annooriginale = 2013|edizione = 1|capitolo = Eventi fondamentali|p = |ISBN = 9788858669020|accesso = 25 giugno 2020}}</ref><ref>{{Cita libro|titolo = Il mito Versace|autore = Minnie gastel|url = |via = Google Books|editore = [[Baldini Castoldi]] |città = [[Milano]]|anno = 2007|lingua = italiano||capitolo = Il derby|p = |ISBN = 9788868651534|accesso = 25 giugno 2020}}</ref>. Nello stesso anno, lo stilista disegna il vestito con cui [[Diane Keaton]] partecipa alla cerimonia per l'assegnazione dei [[premi Oscar]]<ref>{{Cita news|lingua = italiano |autore = Giorgia Cantarini|wkautore = |url = https://www.lofficielitalia.com/moda/storia-giorgio-armani-stilista-moda-carriera-vita-successi|titolo = Giorgio Armani: ieri, oggi e domani la storia di un successo|pubblicazione = [[L'annoOfficiel|l'Officiel successivoItalia]]|editore = Editions Jalou|data = 12 maggio 2020|accesso = 27 giugno 2020}}</ref>. Nel [[1979]] l'azienda si espande oltreoceano, dove lo stilista fonda la "''Giorgio Armani Corporation''". Alla fine degli [[Anni 1970|anni settanta]] la ''maison'' {{cn|è una delle più note aziende di moda del mondo<ref name= 50anni /><ref>{{cita web|https://www.cameramoda.it/it/associazione/news/914/|La storia della moda italiana: Giorgio Armani|lingua= italiano|27 giugno 2020}}</ref><ref>{{Cita news|lingua = italiano|autore = Redazione|url = https://www.millionaire.it/impara-dai-leader-la-storia-giorgio-armani/|titolo = Impara dai leader: la storia di Giorgio Armani|pubblicazione = Millionaire|data = 11 luglio 2019|accesso = 27 giugno 2020}}</ref><ref>{{Cita libro|titolo = Essere Armani|autore = Renata Molho|url = https://books.google.it/books?id=X3uXCgAAQBAJ&printsec=frontcover&hl=it#v=onepage&q&f=false|via = Google Books|editore = [[Baldini+Castoldi|Baldini Castoldi]]|città =[[Milano]]|anno = 2015 |lingua = Italiano|annooriginale = 2006|Edizione = 1|capitolo = la scoperta dell'America|ISBN = 9788868657154|accesso = 27 giugno 2020}}</ref>.
 
=== Gli anni ottanta ===
4 598

contributi