Freon: differenze tra le versioni

Nessun cambiamento nella dimensione ,  2 anni fa
m
(Elisione obbligatoria)
I freon composti con un solo atomo di carbonio sono generalmente prodotti per sintesi chimica tramite sostituzione dell'idrogeno con [[alogeni]] nella struttura del metano. La sostituzione di un atomo di [[idrogeno]] con un atomo di [[fluoro]] è un'operazione relativamente semplice che provoca un aumento di densità, mentre la sostituzione di un atomo di idrogeno con uno di cloro provoca generalmente un aumento del [[Evaporazione|calore latente di evaporazione]] e una riduzione della [[temperatura di ebollizione]] del fluido. Per questo motivo i freon sono i [[fluido refrigerante|fluidi refrigeranti ideali per i cicli frigoriferi a compressione]]. Sono dei composti sicuri per via della loro elevatissima stabilità nei confronti di molti agenti chimici. Sono biologicamente inerti. Non sono infiammabili e svolgono un'azione [[Catalisi|anticatalitica]] nei confronti del fuoco tanto che vengono usati come agenti estinguenti gassosi per [[Estintore|estintori]] con il nome di [[Alogenuri alchilici|halon]]. Uno degli effetti indesiderati dei gas inerti come gli halon è che, in caso di fughe in ambienti confinati, impoverisce il tenore di ossigeno provocando asfissia.
 
Una classe di freon, i clorofluorocarburi (CFC), per via della loro inerzia chimica, sono stati inoltre impiegati come gas di propulsione per [[aerosol]], come solventi nell'industria chimica e come fluidi traccianti. I composti più leggeri contenenti cloro e bromo sono ormai stati abbandonati e resi illegali, perché ritenuti responsabili del "[[buco nell'ozono]]", ovvero della degradazione dello strato di ozono nell'alta [[atmosfera]] alle alte [[latitudine|latitudini]]. Nonostante la loro messa al bando, vengono largamente usati illegalmente nella cinaCina orientale, al punto che dal 2013 i gas presenti nello strato di ozono sono aumentati sensibilmente.<ref>{{Cita web|url=https://www.lescienze.it/news/2019/05/23/news/aumento_cfc_buco_ozono_cina-4415098/|titolo=Tornano ad aumentare i gas che distruggono l'ozono|sito=lescienze.it|data=23 maggio 2019}}</ref>
 
==Classificazione==