Differenze tra le versioni di "Vito Badalamenti"

Recupero di 2 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0.1
(→‎Biografia: Ripristinato link interrotto con archive.today)
(Recupero di 2 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0.1)
 
Figlio del più noto boss [[Gaetano Badalamenti]], ricercato dal [[1995]] per associazione di tipo mafioso; dal 22 novembre [[2000]] è stato spiccato nei suoi confronti un mandato d'arresto internazionale<ref>[http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=2144&titolo=I%20Lo%20Piccolo%20escono%20dall'elenco%20dei%2030%20latitanti%20piu'%20pericolosi%20d'Italia La Voce] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20071109053825/http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=2144 |data=9 novembre 2007 }}</ref>. Era tra i [[Elenco dei latitanti più pericolosi d'Italia|più pericolosi criminali]] ricercati dalle forze dell'ordine italiane; dal marzo [[2012]] viene tolto dall'elenco per prescrizione della pena.
 
All'inizio della [[seconda guerra di mafia]], Vito Badalamenti lascia Cinisi insieme al padre nel [[1981]], per emigrare prima in Brasile, poi in [[Spagna]], dove viene arrestato insieme al padre per l'affare ''[[Pizza connection]]''. Estradato dalla Spagna verso gli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]] nel [[1984]], trascorre 4 anni in carcere poiché non paga la cauzione di diversi milioni di dollari. Alla fine del processo, mentre il padre sarà condannato a 45 anni di prigione, sarà assolto da tutte le accuse.<ref>{{collegamento interrotto|1=[http://www.fascioemartello.it/binnu-mafia/mafia/palermo-in-aula-leredit-di-don-tano.html Palermo, in aula l'eredità di "don Tano"] |date=aprile 2018 |bot=InternetArchiveBot }}{{Cita web|url=http://www.fascioemartello.it/binnu-mafia/mafia/palermo-in-aula-leredit-di-don-tano.html|titolo=Palermo, in aula l'eredità di "don Tano"|sito=www.lasicilia.it|accesso=8 luglio 2020|urlarchivio=https://archive.istoday/Lzfrb#selection-38520070527003248/http://www.6fascioemartello.it/binnu-385mafia/mafia/palermo-in-aula-leredit-di-don-tano.23html|dataarchivio=27 maggio 2007|urlmorto=si}}</ref>.
 
In [[Italia]], viene condannato a 6 anni di reclusione nell'ambito del processo ''Maxi quater'' a [[Cosa nostra]].
 
La stampa lo accredita come latitante all'estero, in [[Brasile]] o forse in [[Australia]], da dove continuerebbe a gestire affari con la mafia americana e con quella siciliana.<ref>{{Collegamento interrotto|1=[http://www.sestograd.org/forum/viewtopic.php?p=13608&sid=b935d7f15c3c006b537c6f19355520ae Sestograd] |date=novembre 2018 |bot=InternetArchiveBot}}{{Cita web|url=http://www.sestograd.org/forum/viewtopic.php?p=13608&sid=b935d7f15c3c006b537c6f19355520ae|titolo=MAFIA: PRESO LO PICCOLO, EREDE DI PROVENZANO|sito=la sicilia che ci piace|accesso=8 luglio 2020|urlarchivio=https://archive.istoday/4eos#selection-33520120910021016/http://www.0-335sestograd.44org/forum/viewtopic.php?p=13608&sid=b935d7f15c3c006b537c6f19355520ae|dataarchivio=10 settembre 2012|urlmorto=si}}</ref><ref>{{Cita web |url=http://www.universita.ws/ilmacello/?p=140 |titolo=University student press |accesso=31 dicembre 2007 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20071116114708/http://www.universita.ws/ilmacello/?p=140 |dataarchivio=16 novembre 2007 |urlmorto=sì }}</ref><ref>{{collegamento interrotto|1=[http://www.lasicilia.it/articoli.nsf/(LaSiciliait)/E540522DF6DC6F8CC1257282005B581F Articolo su La Sicilia] |date=aprile 2018 |bot=InternetArchiveBot }}</ref>
 
Il 30 marzo [[2012]] la Corte d'Appello di Palermo, presieduta da Gianfranco Garofalo, accoglie il ricorso dei suoi legali Paolo Gullo e Vito Ganci, dichiarando estinta per prescrizione la pena inflittagli<ref>{{Cita web |url=http://qn.quotidiano.net/cronaca/2012/03/30/689323-mafia-badalamenti-jr-da-latitante-a-libero-prescritti-reati.shtml |titolo=La beffa di Badalamenti Jr: da latitante a libero |accesso=30 marzo 2012 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160122081037/http://qn.quotidiano.net/cronaca/2012/03/30/689323-mafia-badalamenti-jr-da-latitante-a-libero-prescritti-reati.shtml |dataarchivio=22 gennaio 2016 |urlmorto=no }}</ref>.
1 166 105

contributi