Differenze tra le versioni di "Urbanistica di Avezzano"

 
Durante la fase di rimozione delle macerie numerosi elementi lapidei sono andati persi, solo alcuni di essi furono recuperati.
 
Il [[Palazzo Municipale (Avezzano)|palazzo di città]], precedentemente ospitato nel palazzo MatteigranoMattei<ref>{{cita web|url=https://www.terremarsicane.it/la-casa-comunale-di-avezzano-una-costruzione-neomedievale-del-periodo-fascista-1920-1932/|titolo=La casa comunale di Avezzano: una costruzione neomedievale del periodo fascista (1920-1932)|autore=Fulvio D'Amore|editore=Terre Marsicane|data=23 luglio 2020|accesso=23 luglio 2020}}</ref>, fu progettato dall'ingegnere Sebastiano Bultrini e edificato in piazza della Repubblica. Venne inaugurato nella prima metà degli anni venti e definitivamente completato nel 1928.
Grazie al successivo [[Piano regolatore generale comunale|piano regolatore]] e di ampliamento del 1926 invece il [[Palazzo di Giustizia (Avezzano)|palazzo di giustizia]] fu progettato dall'architetto Luigi Gallo ed inaugurato nel 1930. In precedenza la cancelleria, istituita nel 1811 anno in cui Avezzano fu elevata a capoluogo di [[Distretto di Avezzano|distretto]] in seno all'unità amministrativa dell'[[Abruzzo Ulteriore Secondo|Abruzzo Ulteriore II]], mentre la sede del tribunale istituita nel 1861 venne ospitata prima in alcuni locali attigui alla chiesa di San Francesco, in seguito in alcuni palazzi del centro urbano, infine nel [[castello Orsini-Colonna]]<ref>{{cita web|url=http://www.tribunalediavezzano.it/palazzo.aspx|titolo=Il Palazzo (Notizie Storiche)|editore=Tribunale di Avezzano - Ministero della Giustizia|accesso=9 giugno 2018|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160522040119/http://www.tribunalediavezzano.it/palazzo.aspx|dataarchivio=22 maggio 2016|urlmorto=sì}}</ref><ref>{{cita web|url=http://www.terremarsicane.it/il-tribunale-di-avezzano-1811-2012/|titolo=Il tribunale di Avezzano (1811-2012)|autore=Fulvio D'Amore|editore=Terre Marsicane|accesso=23 febbraio 2016}}</ref>.
Avezzano, in gran parte appena ricostruita, subì nel 1944 i [[Bombardamenti di Avezzano|bombardamenti]] aerei delle [[Alleati della seconda guerra mondiale|forze alleate]] durante la [[seconda guerra mondiale]] e fu di nuovo distrutta per oltre il 70% del patrimonio architettonico. Il [[Palazzo di Giustizia (Avezzano)|tribunale]], gravemente danneggiato, venne ricostruito seguendo fedelmente il progetto originario, mentre il nuovo municipio e la nuova cattedrale subirono danni non irreparabili. A cominciare dal termine del conflitto la città venne di nuovo ricostruita, grazie anche ai fondi del [[piano Marshall]]<ref>{{Cita|Palmieri||Palmieri, 2006}}, pp. 106-107.</ref>.