Differenze tra le versioni di "Sampierdarena"

→‎I pittori "sampierdarenesi": aggiungo collegamento
(→‎I pittori "sampierdarenesi": aggiungo collegamento)
 
==== I pittori "sampierdarenesi" ====
Sampierdarena vanta una serie di pittori che si distinsero nell'Ottocento e fino al primo Novecento, quando attorno al più celebre [[Nicolò Barabino]] si formò un gruppo di allievi, sampierdarenesi di nascita o di adozione, tra i quali [[Angelo Vernazza]], G.B. Torriglia, [[Luigi Gainotti]] e Carlo Orgero. Non di vera e propria scuola si può parlare, in quanto il riferimento era sempre l'[[Accademia Ligustica di Belle Arti]] di Genova. Tuttavia si può individuare la volontà da parte degli abitanti dell'allora comune di emergere, in virtù di una forte tradizione locale, e competere con la vicina città anche sul piano artistico. La tradizione dei pittori sampierdarenesi ebbe un seguito anche dopo la morte del Barabino, con i meno noti G.B.[[Giovanni Battista Derchi]]<ref name="derchi">[http://www.treccani.it/enciclopedia/giovanni-battista-derchi_%28Dizionario_Biografico%29/ Biografia di G.B. Derchi] sul Dizionario Biografico [[Enciclopedia Treccani|Treccani]]</ref> e [[Dante Conte]], vissuti a cavallo tra Ottocento e Novecento ed entrambi morti prematuramente.
 
=== Il Novecento ===
321

contributi