Differenze tra le versioni di "Riserva naturale regionale Grotte di Luppa"

Nel bosco di Luppa, a nord del monte Guardia d'Orlando, si apre a circa 1315 {{mslm}} l'inghiottitoio di Luppa, una grotta attraversata da un torrente sotterraneo e circondata da una vegetazione ubertosa.
 
L'origine del nome dell'inghiottitoio non è chiara, potrebbe essere collegata al nome [[Dialetti marsicani|dialettale]] dell'[[upupa]] o del [[Canis lupus|lupo]], al termine latino "lapis" (ovvero "pietra"), oppure a "scyphus" ("scifo", "vaso"). Di certo il toponimo "Uppa" o "Ippam" risulta citato in alcuni documenti ecclesiastici risalenti tra l'XI e il XII secolo<ref>{{cita web|url=http://www.rilievoarcheologico.it/marsica_g000003.pdf|titolo=Edilizia storica della Marsica occidentale|autore=Marco Bianchini|editore=rilievoarcheologico.it|pagina=95|accesso=11 ottobre 2016}}</ref> e successivamente nelle opere ''Historiae Marsorum'' di [[Muzio Febonio]], ''Memorie Istoriche delle tre Provincie d'Abruzzo'' di [[Anton Ludovico Antinori]] e in una carta della [[diocesi dei Marsi]] del 1735 di Diego (Didacus) de Revillas, in cui nell'area denominata Luppa appariva chiara una consistente circolazione idrica sotterranea. L'ingresso della cavità fu scoperto alla fine del 1800 da due escursionisti, Giovanni Voltan e Ignazio Carlo Gavini, molto attivi nella [[Marsica]].
 
Tuttavia le esplorazioni dell'area ebbero inizio soltanto alla fine degli anni venti del secolo successivo grazie al circolo speleologico [[roma]]no guidato dal [[Carlo Franchetti]]. Furono esplorati inizialmente 400 metri, mentre negli anni successivi si arrivò ad avere una descrizione topografica di almeno 2000 metri<ref>{{cita web|url=https://collidimontebove-maurizio.blogspot.it/2010/09/quanti-feudatari-colli-nel-1280_07.html|titolo=Quanti Feudatari nel 1280 a Colli di Monte Bove|autore=Maurizio Anastasi|editore=Blogspot|accesso=}}</ref><ref>{{cita web|url=http://www.comune.carsoli.aq.it/archivio17_turismo-luoghi-da-visitare_0_14_145_2.html|titolo=Riserva Naturale delle Grotte di Luppa|editore=Comune di Carsoli|accesso=}}</ref>.