Differenze tra le versioni di "Schermata blu di errore"

m
Annullata la modifica 114738100 di 93.147.200.70 (discussione) - Rimozione ingiustificata di contenuti
m (Annullate le modifiche di MeddaA4514 (discussione), riportata alla versione precedente di 93.147.200.70)
Etichetta: Rollback
m (Annullata la modifica 114738100 di 93.147.200.70 (discussione) - Rimozione ingiustificata di contenuti)
Etichetta: Annulla
 
[[File:Windows Blue Screen on room full of computers.JPG|thumb|right|"Epidemia" di schermate blu di errore.]]
 
Una '''schermata blu di errore''' (detta in inglese ''Blue Screen'', ''Blue Screen of Death'' o ''BSoD'', ossia '''schermata blu della morte''') è il nome dato comunemente alla schermata di colore blu mostrata da un [[computer]] con un [[sistema operativo]] [[Microsoft Windows]] quando si verifica un errore di sistema critico che non può essere risolto autonomamente.
 
== Descrizione ==
Ci sono due schermate di errore indicate come schermate blu, una delle quali (su [[Windows NT]]) notevolmente più grave dell'altra (su Windows 9x).
 
In una forma o nell'altra, la schermata blu della morte è ed è stata presente in tutti i sistemi Windows a partire da [[Windows 1.0]]. È simile alla [[schermata nera di errore]] di [[OS/2]], di cui svolge la stessa funzione. Nelle prime anteprime di [[Windows Vista]] è stata accompagnata da una [[schermata rossa di errore]], usata per gli errori del [[boot loader]].
 
A partire dalla build 14997 di [[Windows 10]] esiste una variante verde della BSoD, la GSoD (''Green Screen of Death, schermata verde della morte''), presente esclusivamente nelle versioni beta del sistema operativo.<ref>{{Cita news|url=http://www.hwupgrade.it/news/sistemi-operativi/le-schermate-verdi-della-morte-gsod-arrivano-su-windows-10_66372.html|titolo=Le schermate verdi della morte (GSOD) arrivano su Windows 10|pubblicazione=Hardware Upgrade|accesso=22 settembre 2017|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20170923002635/http://www.hwupgrade.it/news/sistemi-operativi/le-schermate-verdi-della-morte-gsod-arrivano-su-windows-10_66372.html|dataarchivio=23 settembre 2017|urlmorto=sì}}</ref>
[[File:BSoD in Windows 1.0.png|alt=Blue Screen of Death su WIndows 1.0.|miniatura|''Blue Screen of Death'' su Windows 1.0.]]
 
== Tipologie ==
=== Windows 1.0 ===
Anche la prima versione in assoluto di Windows possedeva una sua Blue Screen of Death.
 
Questa Blue Screen of Death non era formattata ed era piena di caratteri grafici incomprensibili e non interpretabili in alcun modo. Si trattava generalmente della segnalazione di un errore fatale sotto tutti i punti di vista, e all'utente non era possibile in alcun modo recuperare i dati ed il lavoro svolto.
 
=== Windows NT ===
In [[Windows NT]] le schermate blu compaiono quando si genera un errore non risolvibile, solitamente causato dal tentativo di eseguire un'operazione assolutamente non valida, nel [[kernel]] o in un [[driver]] eseguito a livello del kernel. L'unica cosa sicura che si può fare in questo caso è riavviare il computer, a meno che nel pannello di controllo non sia disabilitato il riavvio automatico in caso di errore di sistema. Come risultato sono altamente probabili perdite di dati, visto che all'utente non è data la possibilità di salvare eventuali dati non ancora memorizzati sul [[disco rigido]]. [[File:CVSBSOD.jpg|thumb|right|Una grossa schermata blu a Las Vegas]]
 
Le schermate blu sono conosciute come ''blue screen'' nella documentazione del ''Windows Resource Kit'', e a volte sono chiamate ''bug check'' nella documentazione del ''Software development kit'' e del ''Driver development kit'' di Windows.
Il testo sulla schermata d'errore contiene il codice dell'errore, come anche il suo nome simbolico (ad esempio ''0x0000007E, SYSTEM_THREAD_EXCEPTION_NOT_HANDLED'') insieme a quattro valori che dipendono dall'errore fra parentesi, per aiutare gli sviluppatori a risolvere il problema. A seconda del codice di errore, può essere mostrato l'indirizzo a cui si riferisce l'errore e il driver che è stato caricato a quell'indirizzo. In Windows NT e 2000, la seconda e la terza sezione della schermata contengono rispettivamente informazioni su tutti i driver caricati e una copia dello [[stack]]. Le informazioni sui driver sono posizionate in tre colonne; la prima elenca il base address del driver, la seconda la data di creazione del driver (come [[Tempo (Unix)|timestamp Unix]])e la terza il nome del driver.<ref>Microsoft Corporation (29 ottobre 1996), ''Microsoft Windows NT Workstation Resource Kit'', prima edizione, Microsoft Press, ISBN 1-57231-343-9</ref>.[[File:Blue screen of death Photo.jpg|thumb|right|Un ''Blue Screen of Death'' su un pc]]
 
Di default, Windows crea un file con una copia della memoria quando appare una schermata blu. A seconda della versione del sistema operativo, possono esserci diversi formati in cui questo file può essere salvato, che vanno dal "minidump" di 64K al "dump completo", che è una copia dell'intero contenuto della RAM fisica al momento dell'errore. Il file risultante può essere analizzato successivamente usando un kernel [[debugger]]. È necessario un debugger per ottenere una traccia dello stack e spesso anche per stabilire la vera causa del problema, poiché le informazioni sullo schermo sono limitate e potrebbero portare a errori nell'interpretazione.
 
Windows può anche essere configurato anche per inviare informazioni di debug a un kernel debugger in esecuzione su un altro computer ([[Windows XP]] permette anche di eseguire un kernel debugging in locale). Di conseguenza, se si presenta un errore da schermata blu mentre il kernel debugger è attivo, Windows fermerà l'esecuzione e farà sì che il debugger "irrompa", invece di mostrare il BSoD. Il debugger può quindi essere usato per esaminare i contenuti della memoria e determinare l'origine del problema. Windows Debugger è un software [[freeware]]<ref>[https://www.microsoft.com/whdc/devtools/debugging/default.mspx Debugging Tools for Windows - Overview] {{Webarchive|url=https://web.archive.org/web/20110217084226/http://www.microsoft.com/whdc/devtools/debugging/default.mspx# |date=17 febbraio 2011 }}, Microsoft Corporation</ref>.
 
Windows include una caratteristica che può essere usata per causare manualmente un ''blue screen'', a proprio rischio e pericolo. Per abilitarla, l'utente deve aggiungere un valore nel registro di sistema di Windows. Dopodiché un BSoD appare quando l'utente preme due volte il tasto BLOC SCORR tenendo contemporaneamente premuto il tasto CTRL di destra<ref>[https://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;en-us;244139 Windows permette di generare un file Memory.dmp tramite tastiera], Microsoft Corporation</ref>. Questo è utile principalmente per ottenere un dump della memoria quando il computer si trova in un determinato stato; in quanto tale, viene usato in genere come supporto nella risoluzione dei blocchi di sistema.
 
Un BSoD può anche essere causato da un errore critico del [[boot loader]], quando il sistema operativo non riesce ad accedere alla partizione di avvio per un errore del disco o per problemi simili. In questi casi il codice d'errore è STOP 0x0000007B (INACCESSIBLE_BOOT_DEVICE) e non ci può però essere alcun dump della memoria. Data l'impossibilità di riavviare in queste situazioni, la correzione del problema può richiedere addirittura un riavvio tramite il CD-ROM di Microsoft Windows.
 
In Windows Vista e 7 è possibile causare uno schermo blu anche semplicemente terminando da [[Gestione attività Windows]] (CTRL+ALT+CANC) il processo denominato csrss.exe. Si può causare uno schermo blu anche terminando wininit.exe
[[File:Windows NT 3.51 BSOD ita.png|miniatura|Windows NT 3.51 in italiano]]
[[File:Reactos 0.4.0 BSOD.png|miniatura|ReactOS 0.4.0]]
 
=== ReactOS ===
Anche [[ReactOS]], un'implementazione [[software libero|libera]] di un sistema operativo compatibile con Windows NT, implementa una sua schermata blu simile a quella di Windows NT.
 
=== Windows 9x/Me ===
[[File:BSODwin3.1.PNG|thumb|BSoD in WIndows 3.1.]]
[[File:Windows 95 OSR2.5 BSOD ita.png|miniatura|BSoD in Windows 9x/Me.]]
La schermata blu della morte è presente anche in [[Windows 95]], [[Windows 98|98]] e [[Windows Me|Me]]. In questi è solitamente meno grave, ma più frequente; è principalmente un modo usato dai driver virtuali per segnalare gli errori all'utente. È indicato internamente con il nome di "_VWIN32_FaultPopup". Le schermate blu in Windows 9x/Me danno all'utente la possibilità di riavviare il sistema o di tornare a ciò che si stava facendo per tentare di fare altre operazioni. Comunque le schermate blu non sono mai mostrate proprio senza motivo, di solito indicano comunque un problema che non può essere risolto senza riavviare il computer, quindi se si riavvia o si ritorna al programma in esecuzione il sistema è di solito instabile o con ritardi nelle risposte ai comandi dell'utente.
 
La causa più frequente di una schermata blu è la presenza di versioni incompatibili di alcune [[DLL]]. Questo problema è indicato talvolta come ''inferno delle DLL'' o, in inglese, ''DLL hell''. Windows carica una DLL nella memoria quando essa è richiesta da un'applicazione; se cambia la versione della DLL richiesta, al successivo caricamento di questa può risultare diversa da quanto l'applicazione si aspetti. Queste incompatibilità aumentano nel tempo con l'aumentare del software installato, e questo è uno dei motivi principali per cui una copia di Windows appena installata è più stabile di una "vecchia".
 
In Windows 95 e 98 compare una schermata blu quando si tenta di accedere al file "C:\con\con", che veniva talvolta anche inserito come malware scaricato da alcuni siti web per mandare volutamente in crash la macchina dell'utente. Microsoft ha distribuito una patch per evitare questo<ref>[https://www.microsoft.com/technet/security/bulletin/ms00-017.mspx Patch per la vulnerabilità "DOS Device in Path Name"] {{Webarchive|url=https://web.archive.org/web/20050205080532/http://www.microsoft.com/technet/security/Bulletin/MS00-017.mspx# |date=5 febbraio 2005 }}, Microsoft TechNet</ref>.
 
In Windows 9x/Me compare una schermata blu anche se l'utente espelle un supporto esterno di memoria secondaria rimovibile (come un [[CD-ROM]] o un [[floppy disk]]) mentre esso viene letto. Questo è particolarmente frequente usando [[Microsoft Office]], quando si lavora su file salvati su supporti esterni e si estrae il supporto prima di chiudere il programma. Poiché i software Microsoft Office creano sempre un file temporaneo (che viene aggiornato continuamente) nella cartella in cui si trova il documento che si sta modificando, il tentativo di cancellare questo file alla chiusura del programma causerà inevitabilmente un errore con schermata blu, in quanto il disco con i file da cancellare non è più nel lettore, quindi il file non può essere trovato.
 
Questo tipo di schermata blu non è più presente in Windows NT a partire da 2000. In tale sistema operativo, in caso di errori meno gravi del software, il programma andrà in crash ugualmente ma non si porterà con sé l'intero sistema operativo, grazie a una gestione della memoria migliore. In questi sistemi, le schermate blu appaiono solo in caso di crash dell'intero sistema operativo.
 
=== Windows CE ===
[[File:WCE_stop_message.png|thumb|right|Windows CE 5.0]]
Una semplice versione delle schermate blu è presente in [[Windows CE]], ma non in Windows CE per Pocket PC. Le schermate blu in Windows CE 3.0 sono simili a quelle di Windows 95 e 98.
 
=== Installazioni di Windows ===
A volte si verificano errori critici che portano a schermate blu anche durante le installazioni di Windows, e spesso questo non permette di portare a termine l'installazione. Questi errori vengono spesso alla luce a causa di un processore con un bug o per qualche problema a livello hardware (hardware troppo vecchio, BIOS non aggiornato ecc.).
 
== Display ==
Per default il colore delle scritte è bianco (colore [[Enhanced Graphics Adapter|EGA]] 0x0F; colore [[HTML]] #FFFFFF) su sfondo blu (colore EGA 0x01; colore HTML #0000AA), con informazioni su alcuni valori correnti della memoria e i valori dei registri. Per utenti con problemi di vista, Microsoft ha introdotto un'utility che permette di cambiare le impostazioni nel <code>system.ini</code> dei codici di colore che BSoD usa, scegliendo tra i 16 della tavolozza EGA.
 
Windows 95, 98 e Me usano la modalità testo 80×25. Il tipo di carattere è identico al [[Fixedsys]]. Il BSoD in Windows NT usa la modalità testo 80×50. La risoluzione dello schermo è 720×400. Il BSoD in Windows XP, Vista e 7 usa il tipo di carattere [[Lucida Console]], mentre da Windows 8 utilizza il carattere [[Segoe UI]], con una riduzione delle informazioni tecniche precedentemente presenti.
 
== Altre schermate d'errore (SoD) ==
* Un altro "orribile" schermo della morte è quello nero, ben noto ai giocatori di [[Nintendo]]. Lo schermo nero della morte segnala un errore nella connessione per il multiplay in Wi-Fi, specialmente nel [[Nintendo DS]], dove in tale eventualità gli schermi del DS diventano totalmente neri e il sistema si blocca. Uno schermo blu di errore invece appare solo nel gioco ''[[Animal Crossing: Wild World]]''. Sempre sul DS, se si toglie la cartuccia di un gioco mentre si è in PictoChat, si ha un PSoD (''Pink Screen of Death''), e gli schermi diventano rosa, con il blocco del gioco. Se si toglie una qualsiasi cartuccia di gioco dal [[Nintendo 3DS]] mentre si gioca appare invece una schermata nera con scritte bianche che richiede di premere il tasto HOME.
* Un ''Red Screen'' appare su alcune console [[Atari]] (tra le quali vi sono l'[[Atari 2600]] e l'[[Atari Jaguar]], special modo nel suo [[Atari Jaguar CD|add-on CD]]) quando si riscontra un problema interno o un errore di caricamento della cartuccia.
* Sul [[Gameboy Advance]], se si toglie la cartuccia di un gioco mentre è in esecuzione, si presenta un ''Blue Screen of Death'' (lo schermo diventa blu e il sistema si blocca) o si vede un'immagine del gioco bloccato e la console emette un suono.
* Sulla [[PlayStation Portable]], quando la directory di sistema "flash1:\" risulta danneggiata, si vede un BSoD, che chiede in 9 lingue di "Premere il tasto O per ripristinare le impostazioni iniziali", unico sistema per uscire dal blocco. C'è anche un RSoD, rosso, molto raro, che compare quando la directory "flash0:/" è danneggiata. Un errore da RSoD è molto grave, ma comunque risolvibile.
* Nell'RPC Sega ''[[Phantasy Star Online]]'' un problema critico di avvio può causare un ''Frozen Screen of Death'', uno "schermo congelato", detto anche FSoD. Il FSoD può causare all'utente la perdita nel gioco di tutti o quasi tutti gli oggetti in suo possesso o in casi gravi anche alla perdita di tutti i dati nella memory card.
* Un ''Blue Screen'' su un [[telefono cellulare]] [https://web.archive.org/web/20070127082815/http://www.samsungseriez.com/portal/images/zoom/UEMYVP/MyPicture.JPG Samsung Z150] riporta il messaggio: "Can't make blue screen due to memory crash. Please press * to download Ramdump." ("Impossibile generare uno schermo blu a causa di un errore di memoria. Prego premere * per scaricare Ramdump").
* Una schermata di errore appare sulla console [[Xbox 360]], dopo la comparsa su essa della luce rossa "Red Ring of Death". Essa consiste in una schermata nera con delle scritte che spiegano le cause del RRoD.
* Alcuni decoder con display, in seguito a un errore di sistema grave, si resettano da soli, e durante il ripristino il display continua a lampeggiare. Il decoder viene riportato alle impostazioni iniziali (tranne per i codici PIN). Questo è conosciuto come DBDoD (''DigiBox Display of Death'').
* I computer [[Amiga]] mostrano come messaggio di errore critico il [[Guru meditation]].
* Il [[Nintendo]] ([[NES]]) è conosciuto per il suo ''Grey Screen of Death''. Questo schermo grigio è generato dal sistema di protezione [[10NES]] e si presenta quando viene inserita la cartuccia di un gioco non originale o quando i contatti della cartuccia inserita sono sporchi o corrosi.<ref>{{cita web|url=https://levelskip.com/consoles/THE-BEST-Way-To-Fix-Your-NES|titolo=The best way to fix your NES|editore=Levelskip.com|accesso=9 novembre 2016|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20161110044943/https://levelskip.com/consoles/THE-BEST-Way-To-Fix-Your-NES|dataarchivio=10 novembre 2016|urlmorto=sì}}</ref>
* In VMK, quando fallisce il caricamento dello schermo iniziale, è alta la probabilità di imbattersi in un ''Black Screen of Death''.
* Nel server [[ESX]] di [[VMWare]], quando è presente un errore fatale nel kernel, appare un ''Magenta Screen Of Death'', di colore rosa-porpora.
* Nei sistemi unix-like, in caso di errori irreversibili, il sistema entra in ''[[kernel panic]]'', mostrando a video informazioni di [[debug]]ging.
* Su Linux, quando [[Compiz]] o [[Beryl (software)|Beryl]] vanno in ''crash'', viene mostrato un ''White Screen of Death'', bianco.
* Nel browser [[Google Chrome]], quando una pagina web non viene caricata correttamente o ci sono degli errori nella lettura del codice HTML di tale pagina, appare una schermata di colore violastro chiamata ''Sad Tab Of Death'' (che in italiano significa "scheda triste della morte").
* Sui TV [[Grundig]] dotati di menu [[On-screen display|OSD]], se viene impostato il codice di sicurezza, all'accensione viene mostrata una schermata per l'inserimento del codice. Questa schermata viene chiamata TKoD (''Three Keys of Death'') oppure ''Security System'' o ''Tre Chiavi della Morte''.
* Oltre ad avere più di un SOD, le console [[PlayStation 3]] e [[Xbox 360]] hanno anche delle segnalazioni luminose che indicano il malfunzionamento degli apparecchi. La PS3 ha una spia gialla chiamata [[YLOD]] (Yellow Light Of Death), mentre l'Xbox 360 ha un cerchio luminoso di colore rosso attorno al tasto di accensione, chiamato "[[Problemi tecnici della Xbox 360|Red Ring Of Death]]" (o semplicemente RROD).
* Nella prima [[PlayStation]], quando nelle console non modificate (che leggono quindi solo dischi originali) si inserisce un disco non originale oppure un disco che non è un gioco per PlayStation, appare una schermata rossa che chiede di inserire un disco supportato. Essa appare anche nella [[PlayStation 2]], seppur con una grafica diversa.
 
== Schermate blu nell'industria IT ==
Gli [[amministratori di sistema]] spesso usano ''to bluescreen'' oppure ''to BSoD'' (che si potrebbe tradurre "bluschermare" e "BSoDare") come comuni verbi, per esempio in frasi come: "Il server ha appena BSoDato", "Oh, fantastico, sta per BSoDare", oppure "Windows 2000 non bluscherma tanto quanto faceva NT 4."
 
Anche i [[sistema integrato|sistemi integrati]] Microsoft [[Windows NT Embedded]] e [[Windows XP Embedded]] hanno le schermate blu.<ref>{{Cita web| url=https://www.pixelbeat.org/ms_mirth/| titolo=Microsoft Mirth| accesso=4 marzo 2006| urlmorto=sì| urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060211211510/http://www.pixelbeat.org/ms_mirth/| dataarchivio=11 febbraio 2006}}</ref> Esempi tipici sono i [[telefono pubblico|telefoni pubblici]], i [[Automated Teller Machine|bancomat]] e le bacheche elettroniche.
 
Il malware [[WinNuke]] è in grado di lanciare un attacco telematico che fa andare in BSoD un sistema [[Windows 95]] sfruttando un suo bug, poi corretto con un'apposita patch fornita in seguito.
 
== Riferimenti conosciuti ==
* Dato che il BSoD è spesso oggetto di scherzi e battute, è stato anche introdotto in altri sistemi operativi all'interno di alcuni normalissimi [[salvaschermo]]. Microsoft ha anche inserito un riferimento al BSoD come un [[easter egg]] all'interno del [[web browser|browser]] [[Internet Explorer]] (dalla versione 4 alla 7). Digitando "''about:mozilla''" nella barra degli indirizzi si causa la visualizzazione di una pagina blu, vuota. Ciò è stato comunque rimosso con il [[Windows XP#Service Pack 2|Service Pack 2]] e Windows Vista, ma la pagina blu può ancora essere visualizzata digitando invece "''res://mshtml.dll/about.moz''" , che si può impostare su ''about:mozilla'' modificando le stringhe di [[Internet Explorer|IE]] nel [[registro di sistema]]. Questo comando è la maniera standard di richiamare ''[[Il Libro di Mozilla]]'', un altro uovo di Pasqua nella famiglia di browser [[Netscape]]/[[Mozilla]].
* Molti negozi on-line vendono delle [[maglietta|magliette]] blu che mostrano un BSoD, ed esso appare comunemente in molti videogiochi e fumetti on-line.
* In ''[[Advance Wars: Dual Strike]]'', Black Hole CO Jugger parla in termini molto tecnici, e spesso pronuncia "schermata blu" ("blue screen of death").
* Uno degli effetti della (in)sanità mentale in ''[[Eternal Darkness: Sanity's Requiem]]'' causa un'apparizione improvvisa di un BSoD durante una battaglia o scene di tensione. Questa apparizione dura solo pochi secondi, prima che lo schermo lampeggi in bianco ritornando al gioco in corso.
* Nella mappa multigiocatore Zanzibar, nel gioco ''[[Halo 2]]'', l'apertura del cancello dal pannello di controllo causa la visualizzazione, sul pannello stesso, di una parodia di una schermata blu.
* Nel videogioco per [[PlayStation]] ''[[Metal Gear Solid]]'', quando Mantis (uno dei boss da affrontare) urla "Black Out!", si hanno 5 secondi di Black Screen of Death, con, in alto a destra, la scritta "HIDEO" (riferita al creatore del videogioco, [[Hideo Kojima]]) in verde, nello stile dei canali AV dei televisori tradizionali.
* Nel cartone animato ''Jimmy Neutron'', nell'episodio ''Insonnia a retroville'', compare la schermata blu.
* Nel videogioco dei Simpson, superato il livello finale, compare scherzosamente una BSoD, subito strappata da Bart.
* Nel film ''[[1408 (film)|1408]]'', mentre il protagonista sta parlando con la moglie per videoconferenza, vengono attivati degli Sprinkler (spruzzini antincendio) e sul computer appare uno schermo blu della morte.
* Da [[Mac OS X Leopard]] in poi i PC disponibili in rete vengono visualizzati come monitor beige che mostrano un BSoD.
* In ''[[Half-Life]]'', alcuni piccoli schermi mostrano uno BSoD, come nella zona di accesso al settore C (nel capitolo ''Materiali anomali''). Anche ''Portal 2'', nei livelli successivi al capitolo 6, mostrano nei schermi della zona ascensore il BSoD.
* Compare nel mensile ''Focus'' numero 212 a pagina 69.
* Nel videogioco ''[[Phoenix Wright: Ace Attorney - Trials and Tribulations]]'' compare un'azienda informatica col nome Schermate Blu, che in inglese diventa Blue Screen.
* Nel videogioco ''SWAT4'' per PC, tutti i monitor di tutte le missioni sono in BSoD.
* Nel cartone animato ''Lo straordinario mondo di Gumball'', quando Gumball visita per la prima volta Internet, sviene per il troppo carico di informazioni che sta "imparando" e gli compare scherzosamente il BSoD.
*Nel videogioco ''Portal 2'' il BSoD compare all'entrata di alcuni livelli puzzle.
 
== Altre versioni ==
<gallery mode="traditional" widths="px" heights="px">
File:Windows NT 4 Short BSOD ita.png|Una BSOD molto breve di Windows NT 4.0 SP6
File:BSoD on Windows NT 4 Workstation.png|Una BSOD "normale" di Windows NT 4
File:Windows XP SP3 BSOD ita.png|Windows XP SP3
File:Windows 7 BSOD.png|Windows 7 in inglese (durante il dump della memoria)
</gallery>
 
== Codice di esempio ==
Di seguito è riportato del codice di esempio in c++ che causa la schermata blu:<syntaxhighlight lang="c++">
#include <windows.h>
 
//Libreria
#pragma comment(lib, "ntdll.lib")
 
extern "C" NTSTATUS NTAPI RtlAdjustPrivilege(ULONG Privilege, BOOLEAN Enable, BOOLEAN CurrentThread, PBOOLEAN OldValue);
extern "C" NTSTATUS NTAPI NtRaiseHardError(LONG ErrorStatus, ULONG NumberOfParameters, ULONG UnicodeStringParameterMask,
PULONG_PTR Parameters, ULONG ValidResponseOptions, PULONG Response);
 
void BlueScreen() {
BOOLEAN bl;
ULONG Response;
RtlAdjustPrivilege(19, TRUE, FALSE, &bl); // Enable SeShutdownPrivilege
//STATUS_ASSERTION_FAILURE 0xC0000420
NtRaiseHardError(STATUS_ASSERTION_FAILURE, 0, 0, NULL, 6, &Response); // Shutdown
}
 
int main() {
BlueScreen();
return 0;
}
 
</syntaxhighlight>
 
== Note ==
<references/>
 
== Voci correlate ==
* [[Sad Mac]] — Equivalente del BSOD in [[Mac OS]] pre-iMac ([[Old World ROM]])
* [[Spinning wait cursor]], che di solito indica che un'applicazione è occupata, ma che può anche segnalare un errore tanto serio da richiedere il riavvio dell'applicazione o del computer.
* [[Guru meditation]] — Equivalente in [[Amiga OS]]
* [[Bomb (informatica)]] — Equivalente nelle vecchie versioni di [[Mac OS]]
* [[Row of bombs]] — Equivalente Atari
* [[Kernel panic]] - messaggio di errore di sistema proprio di sistemi operativi [[unix-like]].
* [[Schermata gialla di errore]] — Una schermata mostrata quando si verifica un errore nell'analisi del contenuto XML di una pagina nei browser [[Mozilla]]
* [[Schermata nera di errore]] — [[OS/2]] e [[Windows]]
* [[Dark Screen of Death]] — dispositivi portatili
* [[Schermata rossa di errore]] — [[Windows]] e alcune console
* [[Red and Blue screens of death]] — Quando su una console [[Nintendo Entertainment System|NES]] l'adattatore a 72 pin o una cartuccia da gioco funzionano male, lo schermo si accende e si spegne, mostrando questi colori.
* [[Schermata verde di errore]] — Un errore dei dispositivi [[TiVo]] e [[Xbox 360]].
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto}}
 
== Collegamenti esterni ==
* {{cita web|1=http://www.bsodcomic.com|2=Un fumetto che prende il nome dal Blue Screen of Death|lingua=en|accesso=23 febbraio 2020|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20180805194051/http://bsodcomic.com/|dataarchivio=5 agosto 2018|urlmorto=sì}}
* {{cita web|1=http://dxhtml.com/blue-screen|2=Dxhtml Esempi di BSOD in Windows XP|lingua=en|accesso=9 aprile 2006|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060410221748/http://www.dxhtml.com/blue-screen/|dataarchivio=10 aprile 2006|urlmorto=sì}}
* {{cita web|1=http://www.nobluescreens.com|2=La leggendaria galleria di BSOD ed i consigli sull'open source di Andy Mallett|lingua=en|accesso=17 settembre 2019|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20190627072242/http://www.nobluescreens.com/|dataarchivio=27 giugno 2019|urlmorto=sì}}
* {{cita web|url=http://video.google.com/videoplay?docid=-8363127660275444169&|titolo=Bill Gates riceve un BSoD alla presentazione di Windows 98|lingua=en|urlmorto=sì|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20110818042303/http://video.google.com/videoplay?docid=-8363127660275444169&|dataarchivio=18 agosto 2011}}
* {{cita web|url=https://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=859637b4-85f1-4215-b7d0-25f32057921c&displaylang=en|titolo="Windows Server 2003 Troubleshooting Stop Errors" - microsoft.com|lingua=en|accesso=9 aprile 2006|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20050127203340/http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=859637b4-85f1-4215-b7d0-25f32057921c&displaylang=en#|dataarchivio=27 gennaio 2005|urlmorto=sì}}
* {{cita web|1=http://aumha.org/win5/kbestop.htm|2=Troubleshooting Windows STOP Messages|lingua=en|accesso=9 aprile 2006|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060318233857/http://aumha.org/win5/kbestop.htm#|dataarchivio=18 marzo 2006|urlmorto=sì}}
* {{cita web|1=https://www.mvps.org/marksxp/WindowsXP/bsod.php|2=MVP Mark Salloway's Windows XP Resource Center - Introduction to Stop Errors|lingua=en|accesso=4 maggio 2019|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20101220085559/http://mvps.org/marksxp/WindowsXP/bsod.php|dataarchivio=20 dicembre 2010|urlmorto=sì}}
* {{cita web|http://daimyo.org/bsod/|Galleria di BSoD, tra cui bancomat, cartelloni pubblicitari, slot machines ed altro|lingua=en}}
* {{en}} [https://web.archive.org/web/20060528111030/http://zdnet.com.com/1606-2-5517693.html Bloopers bedevil Gates at CES] - BSoD during Bill Gates' keynote address at the 2005 Consumer Electronics Show in Las Vegas ([[ZDNet]], January 7, 2005).
* {{cita web|1=https://blogs.msdn.com/michkap/archive/2005/05/07/415335.aspx|2=Il resoconto originale di un BSOD da un impiegato Microsoft|lingua=en|accesso=9 aprile 2006|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060427063804/http://blogs.msdn.com/michkap/archive/2005/05/07/415335.aspx#|dataarchivio=27 aprile 2006|urlmorto=sì}}
* {{cita web|http://joi.ito.com/archives/2005/05/07/bsod_upgrades_to_rsod_in_longhorn.html|BSoD upgrades to RSoD in Longhorn from Joi Ito|lingua=en}}
* {{cita web | 1 = http://www.attivissimo.net/security/wincrashes/galleria_crash.htm | 2 = Galleria di Wincrash (Parte 1) | accesso = 23 luglio 2007 | urlarchivio = https://web.archive.org/web/20070810214729/http://www.attivissimo.net/security/wincrashes/galleria_crash.htm | dataarchivio = 10 agosto 2007 | urlmorto = sì }}
* {{cita web|1=http://www.bluescreeners.de|2=Bluescreeners Developer Team|lingua=de|accesso=9 novembre 2018|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20170305011409/http://www.bluescreeners.de/#|dataarchivio=5 marzo 2017|urlmorto=sì}}
* {{cita web|1=http://blogs.technet.com/b/markrussinovich/archive/2010/12/14/3374820.aspx|2=A Bluescreen By Any Other Color|lingua=en|accesso=21 dicembre 2010|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20101218180908/http://blogs.technet.com/b/markrussinovich/archive/2010/12/14/3374820.aspx|dataarchivio=18 dicembre 2010|urlmorto=sì}}
 
{{Screens of death}}
{{Portale|Informatica}}
 
[[Categoria:Componenti di Windows]]
[[Categoria:Screens of Death]]
15 125

contributi