Differenze tra le versioni di "Frammentazione della Democrazia Cristiana"

== La ''"Democrazia Cristiana"'' di Flaminio Piccoli (1997-2000) ==
Un gruppo di democristiani contrari alla dissoluzione del partito si organizzò in associazioni che avevano l'intenzione di mantenere viva l'ispirazione democristiana. Tra questi [[Flaminio Piccoli]], il quale, con [[Giuseppe Alessi (politico)|Giuseppe Alessi]] e [[Giuseppe Pizza]], rifondò nel 1997 la "Democrazia Cristiana", impegnandosi in una lunga controversia giudiziaria sull'uso del nome e del simbolo del partito democristiano e sulla gestione del patrimonio immobiliare della DC. Nel 2000, alle elezioni regionali, il partito si presentò sotto le insegne del [[Partito Democratico Cristiano]], per aggirare il divieto di presentarsi con il nome storico della DC.
 
== La ''"Rinascita della Democrazia Cristiana"'' di Carlo Senaldi (2000-2012) ==
{{Vedi anche|Rinascita della Democrazia Cristiana}}
Dopo la morte di Flaminio Piccoli avvenuta nel [[2000]], [[Carlo Senaldi]] assunse la presidenza della "Rinascita della Democrazia Cristiana", il quale la fece confluire nel 2005 nella [[Democrazia Cristiana per le Autonomie]] e la fuse nel 2012 con la ''"Democrazia Cristiana"'' guidata da Angelo Sandri, sancendone finalmente l'estinzione.
 
== ''"I Cristiani Democratici per la Repubblica"'' (1998) ==
Utente anonimo