Differenze tra le versioni di "Evoluzionismo e Chiesa cattolica"

m
fix fonte
(citazione iniziale abbreviata e spostata (v. talk) alla sezione "Posizioni da arcivescovo di Monaco". Porto nell'incipit una frase meno specialistica e più distintiva dal punto di vista del Magistero, presente nella stessa sezione.)
m (fix fonte)
{{C|voce troppo pesante (200 kb) e con ampie parti senza fonti, sarebbe il caso imho di scorporare qualcosa|religione|marzo 2017}}
{{quote|Anche oggi la fede nella [[creazione (teologia)|creazione]] non è irrealistica; anche oggi essa è ragionevole; anche alla luce dei dati delle scienze naturali essa è "l'ipotesi migliore", quella che offre una spiegazione più completa e migliore di tutte le altre teorie|Joseph Ratzinger, 1986<ref>''Creazione e peccato. Catechesi sull'origine del mondo e sulla caduta'', ed. Paoline, 1986, p. 17</ref>}}
 
Sin dalla pubblicazione de ''[[L'origine delle specie]]'' di [[Charles Darwin]] nel [[1859]], le gerarchie della [[Chiesa cattolica]] hanno lentamente definito e rifinito la loro posizione sull'[[evoluzione]], evitando inizialmente di prendere una posizione ufficiale, contrariamente a quanto fecero le [[chiese protestanti]], che, maggiormente legate ad una [[Fondamentalismo religioso|interpretazione letterale]] della [[Bibbia]], immediatamente avversarono il pensiero darwiniano<ref>Questa iniziale e differente posizione di cautela della chiesa cattolica è riconosciuta anche da [[Margherita Hack]] nel suo saggio ''Libera scienza in libero stato'', spiegandola come dovuta all'esperienza negativa del [[Processo a Galileo Galilei|processo intentato tre secoli prima a]] [[Galileo Galilei]] e le recenti posizioni anti-evoluzioniste sviluppatisi in ambito cattolico, dovute, secondo la Hack, a chi intende essere "più papista del papa".</ref>.
502

contributi