Timor Est: differenze tra le versioni

Nessun cambiamento nella dimensione ,  1 anno fa
→‎Economia: Corretto typo
(utilizzata terminologia più corretta per la sezione faunistica)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile Modifica da applicazione iOS
(→‎Economia: Corretto typo)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
== Economia ==
[[File:Coins 50 Cent Timor-Leste.png|left|thumb|Moneta da 50 centesimi di Timor Est (2006)]]
Il secolare investimento del Portogallo nella sua colonia delle Indie orientali non è stato sufficiente a svilupparsi correttamente e il paese è rimasto povero fino ad oggi. Sono state però costruite alcune infrastrutture sanitarie, di trasporto ed istruzione dopo la [[seconda guerra mondiale]]. Il commercio di legno di sandalo, uno dei principali prodotti del territorio, ha perso importanza e l'unica fonte di reddito è rimasta una modesta produzione di caffè. Il contributo indonesiano nella costruzione di infrastrutture è stato superiore a quello del Portogallo, anche se corrispondente al proprio interesse, come il trasporto di truppe o l'assorbimento più rapido della cultura indonesiana da parte di Timor, con la perdita progressiva della propria cultura. Tuttavia, la maggior parte degli edifici sono stati distrutti dalle milizie filo-indonesiane nel periodo che seguì la dichiarazione dell'indipendenza: banche, alberghi, scuole, centri sanitari, ecc. La già debole economia di Timor è stata completamente devastata ed il paese è divenuto totalmente dipendente dalla cooperazione internazionale per la ricostruzione. La moneta ufficiale di Timor Est è, dal 2000, il Dollaro USA. Dal [[2003]] il Dollaro è stato affiancato da una valitavaluta locale, il [[Centavo est timorense]].
 
Dal 2008 però l'economia timorese è in forte crescita, grazie allo sfruttamento dei giacimenti di gas naturale e petrolio trovati in fondo al mare; le statistiche riportavano una crescita superiore all'8% annuo, inferiore in Asia solo a quella della [[Mongolia]]<ref name="famigliacristiana.it"/>; oltre a questo sono aumentati anche gli investimenti dei residenti che hanno deciso di aprire attività e anche quelli stranieri<ref>http://www.rivistamissioniconsolata.it/2016/06/01/toimor-est-piccoli-imprenditori-crescono/</ref>; il turismo è ancora poco sviluppato, ma ha grandissime potenzialità di crescita grazie al mare pressoché incontaminato<ref>{{Cita web |url=http://blog.naturalis-expeditions.com/timor-est-mare-e-paesaggi-mozzafiato.html |titolo=Copia archiviata |accesso=20 gennaio 2017 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20170202000137/http://blog.naturalis-expeditions.com/timor-est-mare-e-paesaggi-mozzafiato.html |dataarchivio=2 febbraio 2017 |urlmorto=sì }}</ref>; secondo stime governative, se la crescita economica rimarrà tale per un lungo periodo di tempo, entro il 2030 il paese potrebbe diventare una potenza a medio reddito.