Differenze tra le versioni di "Zoroastrismo"

→‎Storia: elisione obbligatoria
(→‎Storia: elisione obbligatoria)
Lo zoroastrismo, nel tempo diffusosi soprattutto tra i popoli iranici d'Europa ([[Sciti]] e [[Sarmati]], per esempio) e d'Asia, fu la religione favorita dalle due grandi dinastie dell'antica Persia, gli [[Achemenidi]] e i [[Sasanidi]]. Comunque, poiché non sono sopravvissute fonti scritte persiane contemporanee di quel periodo, è difficile descrivere la natura dell'antico zoroastrismo in dettaglio.
 
La descrizione di [[Erodoto]] della religione persiana include alcune caratteristiche proprie dello zoroastrismo, come l'esposizione dei morti. I re achemenidi riconobbero la loro devozione ad Ahura Mazda nelle iscrizioni; comunque essi furono anche partecipi dei rituali religiosi locali a [[Babilonia]] e in [[Egitto]], ede aiutarono gli [[Israeliti]] a ritornare nella loro terra natìa, ricostruendo i loro templi, fatti che sembrano escludere che ci fosse stata da parte loro una un'imposizione dell'ortodossia religiosa sui sudditi. Secondo tradizioni tarde, molti dei sacri testi andarono perduti quando [[Alessandro Magno]] distrusse [[Persepoli]] e rovesciò il regno achemenide negli anni successivi al [[330 a.C.]]
 
È opinione comune che i [[Re magi|tre saggi]] che vennero dall'Impero persiano per portare doni a [[Gesù Cristo]] fossero [[Magi (zoroastrismo)|Magi]] zoroastriani.