Differenze tra le versioni di "Johann Sebastian Bach"

Unifico le due sezioni "Stile musicale" - taglio qualche lungaggine
(Ci sono due sezioni con lo stesso titolo: "Stile musicale". Provo a riorganizzare i contenuti.)
(Unifico le due sezioni "Stile musicale" - taglio qualche lungaggine)
* Johanna Carolina Bach ([[1737]] – [[1781]])
* Regina Susanna Bach ([[1742]] – [[1809]])<ref name="boydpref"/>
 
== Stile musicale ==
La musica di Bach si contraddistingue per la complessità dell'armonia, dell'invenzione [[Contrappunto|contrappuntistica]] e dello sviluppo dei motivi e per la sintesi originale che operò fra lo stile tedesco e le opere dei compositori italiani.<ref name="boyd235">{{cita|Boyd|p. 235|boyd}}.</ref> In tutta la sua adolescenza la produzione di Bach mostrò crescente abilità nell'organizzazione di opere complesse, basate sui modelli di [[Dietrich Buxtehude]], [[Georg Böhm]] e [[Johann Adam Reincken]]. Il periodo [[1713]]-[[1714|14]], quando un vasto repertorio di musica italiana si rese disponibile per l'orchestra di corte di [[Weimar]], fu un punto di svolta. Da quel momento Bach assorbì nel suo stile alcuni tratti della musica italiana, caratterizzati da contorni melodici semplici, maggiore concisione ritmica e [[Modulazione (musica)|modulazioni]] più chiare.
 
Ci sono diverse caratteristiche più specifiche dello stile di Bach. Nel periodo barocco i compositori che componevano secondo il gusto italiano (che insieme a quello francese dominava la musica "colta"), spesso scrivevano linee melodiche semplici, che venivano successivamente arricchite dagli esecutori con [[Abbellimento|abbellimenti]] e passaggi improvvisati. Bach, al contrario, utilizzava una forma di scrittura musicale estremamente dettagliata e fiorita, che lascia uno spazio esiguo alla possibilità degli esecutori di aggiungere passaggi arbitrari.
 
Questo può essere stato causato dall'interesse precipuo per il [[contrappunto]], e per la sua chiarezza ed esattezza, che poteva essere messa a repentaglio dalle aggiunte improvvisate dell'esecutore.<ref>Nel periodo rinascimentale era corrente nella formazione del musicista la pratica del contrappunto improvvisato ("contrappunto alla mente"). Nel corso del XVIII secolo, invece, questa formazione rigorosa venne poco a poco tralasciata, di conseguenza non era infrequente che gli strumentisti e i cantanti fossero poco competenti in materia. Si leggano per esempio le critiche di [[Benedetto Marcello]] ne ''[[Il teatro alla moda]]'' (''A' Suonatori'') e di [[Pier Francesco Tosi]] nel celebre metodo di canto ''Opinioni de' cantori antichi e moderni'' del 1723 (''Dell'Arie'').</ref> Le strutture contrappuntistiche di Bach sono generalmente più complesse di quelle di [[Georg Friedrich Händel|Händel]] e della maggior parte degli altri compositori dell'epoca.<ref name="boyd235" />
 
Bach, diversamente dall'uso dell'epoca, in alcune opere come ''[[L'arte della fuga]]'' e l'''[[Offerta musicale]]'' (con l'eccezione della [[sonata in trio]] presente in quest'ultima, che è scritta espressamente per flauto, violino e basso continuo), non diede alcuna indicazione circa gli strumenti da impiegare, lasciando intendere la possibilità di esecuzione su strumenti diversi.
 
Molto devoto alla fede luterana, Bach pose molta attenzione nella musica sacra e gli inni luterani furono alla base di molte sue composizioni. Il suo interesse per la liturgia lo portò alla realizzazione di composizioni sacre elevatissime sia dal punto di vista tecnico che da quello qualitativo.
 
== Opere ==
 
== Stile musicale ==
In larga misura, lo stile musicale di Bach si adatta alle convenzioni del suo tempo, che è la fase finale dello stile barocco. Bach ha composto concerti proprio come i contemporanei [[Georg Friedrich Händel|Handel]], [[Georg Philipp Telemann|Telemann]] e [[Antonio Vivaldi|Vivaldi]] hanno scritto concerti. Così proprio come le suite. Simili ai recitativi seguiti da [[Aria con da capo|arie con da capo]], musica corale in quattro parti, uso del basso continuo ecc. Le caratteristiche del suo stile sono legate a peculiarità come la sua abilità nell'invenzione contrappuntistica e il controllo del motivo e il suo talento nello scrivere musica di potente sonorità . Fin dalla più tenera età, la cultura musicale di Bach si è impregnata delle composizioni dei suoi contemporanei e delle generazioni precedenti, dai compositori francesi, italiani e dadi tutteogni le partiparte della Germania.<ref>{{Cita libro|titolo=Wolff (2000), p. 166}}</ref>
 
Bach ha composto concerti, suite, recitativi seguiti da [[Aria con da capo|arie con da capo]], musica corale in quattro parti, proprio come i contemporanei [[Georg Friedrich Händel|Handel]], [[Georg Philipp Telemann|Telemann]] e [[Antonio Vivaldi|Vivaldi]].
La musica di Bach si contraddistingue per la complessità dell'armonia, dell'invenzione [[Contrappunto|contrappuntistica]] e dello sviluppo dei motivi e per la sintesi originale che operò fra lo stile tedesco e le opere dei compositori italiani.<ref name="boyd235">{{cita|Boyd|p. 235|boyd}}.</ref> In tutta la sua adolescenza la produzione di Bach mostrò crescente abilità nell'organizzazione di opere complesse, basate sui modelli di [[Dietrich Buxtehude]], [[Georg Böhm]] e [[Johann Adam Reincken]]. Il periodo [[1713]]-[[1714|14]], quando un vasto repertorio di musica italiana si rese disponibile per l'orchestra di corte di [[Weimar]], fu un punto di svolta. Da quel momento Bach assorbì nel suo stile alcuni tratti della musica italiana, caratterizzati da contorni melodici semplici, maggiore concisione ritmica e [[Modulazione (musica)|modulazioni]] più chiare.
 
Ci sono diverse caratteristiche più specifiche dello stile di Bach. Nel periodo barocco i compositori che componevano secondo il gusto italiano (che insieme a quello francese dominava la musica "colta"), spesso scrivevano linee melodiche semplici, che venivano successivamente arricchite dagli esecutori con [[Abbellimento|abbellimenti]] e passaggi improvvisati. Bach, al contrario, utilizzava una forma di scrittura musicale estremamente dettagliata e fiorita, che lascia uno spazio esiguo alla possibilità degli esecutori di aggiungere passaggi arbitrari.
 
Questo può essere stato causato dall'interesse precipuo per il [[contrappunto]], e per la sua chiarezza ed esattezza, che poteva essere messa a repentaglio dalle aggiunte improvvisate dell'esecutore.<ref>Nel periodo rinascimentale era corrente nella formazione del musicista la pratica del contrappunto improvvisato ("contrappunto alla mente"). Nel corso del XVIII secolo, invece, questa formazione rigorosa venne poco a poco tralasciata, di conseguenza non era infrequente che gli strumentisti e i cantanti fossero poco competenti in materia. Si leggano per esempio le critiche di [[Benedetto Marcello]] ne ''[[Il teatro alla moda]]'' (''A' Suonatori'') e di [[Pier Francesco Tosi]] nel celebre metodo di canto ''Opinioni de' cantori antichi e moderni'' del 1723 (''Dell'Arie'').</ref> Le strutture contrappuntistiche di Bach sono generalmente più complesse di quelle di [[Georg Friedrich Händel|Händel]] e della maggior parte degli altri compositori dell'epoca.<ref name="boyd235" />
 
Bach, diversamente dall'uso dell'epoca, in alcune opere come ''[[L'arte della fuga]]'' e l'''[[Offerta musicale]]'' (con l'eccezione della [[sonata in trio]] presente in quest'ultima, che è scritta espressamente per flauto, violino e basso continuo), non diede alcuna indicazione circa gli strumenti da impiegare, lasciando intendere la possibilità di esecuzione su strumenti diversi.
 
Molto devoto alla fede luterana, Bach pose molta attenzione nella musica sacra e gli inni luterani furono alla base di molte sue composizioni. Il suo interesse per la liturgia lo portò alla realizzazione di composizioni sacre elevatissime sia dal punto di vista tecnico che da quello qualitativo.
 
== Bach e l'opera ==