Giuseppe Conte: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Annullato Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Annullato Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Tra marzo 2020 e aprile 2020, nel contesto della crisi economica legata alla pandemia da coronavirus, il governo Conte ha messo in campo una serie di misure volte a coprire il rischio legato alla perdita di posti di lavoro, l'estensione del perimetro della [[cassa integrazione]] e i rischi di un'eccessiva gravosità delle scadenze fiscali per cittadini e imprese. Sul decreto, che ha preso il nome di "Cura Italia", dal valore complessivo di 25 miliardi di euro, l'esecutivo ha conquistato la fiducia dopo averla posta sia al Senato sia alla Camera.
 
A questa misura si è affiancata la messa in campo del cosiddetto "Decreto Liquidità", orientato alla fornitura di garanzie statali ai nuovi prestiti aperti dalle imprese presso le banche italiane, attraverso l'intermediazione di [[SACE]], partecipata di [[Cassa Depositi e Prestiti]]. Il governo ha annunciato una disponibilità di risorse pari a 200 miliardi di euro, per quanto diversi rilievi della [[Banca d'Italia]] abbiano constatato una dotazione di risorse reali da parte del decreto inferiore.<ref>Andrea Muratore, [https://it.insideover.com/economia/la-coperta-corta-delle-garanzie-sulla-liquidita.html ''Le coperte corte delle garanzie alla liquidità''] {{Webarchive|url=https://web.archive.org/web/20200429022109/https://it.insideover.com/economia/la-coperta-corta-delle-garanzie-sulla-liquidita.html |date=29 aprile 2020 }}, Inside Over, 17 aprile 2020</ref> e anche la [[Banca centrale europea]] abbia confermato le stime di Via Nazionale<ref>Giuseppe Liturri, [https://www.startmag.it/economia/ecco-come-i-dati-bce-sbugiardano-la-potenza-di-fuoco-del-decreto-liquidita/ ''Ecco come i dati Bce sbugiardano la “potenza di fuoco” del decreto Liquidità''], Start Magazine, 5 luglio 2020</ref>. Nello stesso periodo il governo, facendo sponda con il [[Copasir]] e la Consob, ha esteso la disciplina del [[golden"veto power]]aziendale" per tutelare aziende e assetassetti strategici dal rischio di scalate straniere nel contesto di una situazione perturbata dalle conseguenze economiche della pandemia.<ref>Andrea Muratore, [http://osservatorioglobalizzazione.it/progetto-italia/dal-quirinale-al-copasir-la-sfida-alla-speculazione-contro-litalia/ ''La difesa degli asset strategici italiani dal Quirinale al Copasir''], Osservatorio Globalizzazione, 16 marzo 2020</ref>
 
In campo europeo, dove da più parti la pandemia di COVID-19 è stata definita una sfida decisiva per la tenuta dell'[[Unione Europea]] a causa delle minacce da essa poste alla stabilità politica ed economica dei Paesi membri<ref>Gabriele Ciancitto, [http://osservatorioglobalizzazione.it/osservatorio/europa-alla-prova-della-storia/ ''L'Europa alla prova della storia''] {{Webarchive|url=https://web.archive.org/web/20200423111229/http://osservatorioglobalizzazione.it/osservatorio/europa-alla-prova-della-storia/ |date=23 aprile 2020 }}, Osservatorio Globalizzazione, 22 aprile 2020</ref>, il governo Conte si è espresso a favore dell'emissione di titoli di debito comuni per l'Eurozona ("Eurobond") e ha concordato col primo ministro spagnolo [[Pedro Sanchez]] e il presidente francese [[Emmanuel Macron]] il sostegno a un piano di rilancio economico dell'Unione finanziato con i contributi del bilancio comune europeo. Nella riunione del Consiglio europeo del 23 aprile i capi dei Paesi membri dell'Unione hanno approvato l'idea del "Fondo per la ripresa". Dopo un aspro e complicato confronto tra il premier italiano e l'omologo olandese [[Mark Rutte]]<ref>[https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/23898721/giuseppe-conte-rutte-retroscena-resa-italiana-dignita-tutte-balle.html ''Giuseppe Conte contro Rutte: "Il mio paese ha una dignità"''], Libero, 20 luglio 2020</ref>, che non è riuscito a bloccare l'introduzione di politiche di mutualizzazione del deficit ma ha ottenuto dalla trattativa l'istituzione di poteri di controllo dei governi terzi<ref>Andrea Muratore, [https://it.insideover.com/economia/il-freno-demergenza-e-la-nuova-arma-in-mano-ai-falchi.html ''La nuova arma dei falchi''], Inside Over, 22 luglio 2020</ref> sull'erogazione dei fondi europei a dei singoli Stati dell'Unione, nel luglio successivo il [[Consiglio europeo]] ha dato il via libera definitivo al fondo Next Generation Eu, comprendente 390 miliardi di euro per aiuti a fondo perduto e 360 miliardi per prestiti a medio-lungo termine.
 
Dal 13 al 21 giugno Conte ha convocato a [[Villa Pamphili]] a Roma gli "Stati generali" per discutere con gli esponenti delle categorie produttive, del mondo economico, dell'impresa e della società civile le linee guida per la ripresa del Paese sulla scia di un piano programmatico presentato da unaun taskgruppo forcedi guidataesperti guidati dall'ex amministratore delegato di [[Vodafone]], il bresciano [[Vittorio Colao]]<ref>[https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2020/06/21/stati-generali-conte-apre-lultima-giornata-al-tavolo-le-aziende_587ec173-69b4-49bf-8641-2da9021921b6.html ''Conte apre l'ultima giornata degli Stati Generali''], Ansa, 21 giugno 2020</ref>.
 
==== Immigrazione ====
Utente anonimo