Differenze tra le versioni di "Utente:Facquis/Sandbox/2"

→‎Cultura: Aggiunte info
(Aggiunta immagine)
(→‎Cultura: Aggiunte info)
 
Bene di fondamentale importanza erano i cereali che erano gestiti dalla Camera del frumento in modo da osteggiare eventuali carestie, vi era poi una grande importazione di olio usato oltre che nel condimento anche per l'illuminazione<ref name=":2" />. Uno dei prodotti di spicco dell'industria veneziana era il [[vetro di Murano]] che grazie alla sua qualità veniva utilizzato per la fabbricazione di vere opere d'arte oltre che per la creazione di lastre di vetro, già commerciate nel IX secolo<ref name=":02" /><ref>{{Cita|Zorzi, 1992}}, p. 282</ref>.
 
== Spedizioni esplorative ==
 
* [[Marco Polo]]
* [[Pietro Querini]]
* [[Ambrosio Bembo]]
* [[Marin Sanudo il Vecchio]]
* [[Alvise Da Mosto]]
* [[Fratelli Zeno]]
 
== Finanza pubblica ==
 
=== Monetazione ===
{{Vedi anche|Monete di Venezia}}
L'espansione del commercio veneziano cominciò nel [[XIII secolo]] e la necessità di una moneta stabile divenne sempre più urgente, così nel 1202 durante il dogato di [[Enrico Dandolo]] si cominciò la coniazione del [[Ducato (moneta)|ducato d'argento]], poi detto ''matapan'' che si diffuse in breve in tutto il bacino mediterraneo<ref name=":12">{{Cita|Zorzi, 1992}}, p. 91-93</ref>, il ducato corrispondeva a 26 denari e pesava all'incirca due grammi<ref>{{Cita web|url=https://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-EDA/1|titolo=Grozzo Enrico Dandolo - LaMoneta|accesso=16 febbraio 2019}}</ref>. Come le altre monete della Repubblica di Venezia il ducato aveva l'effigie del doge regnante, che di fronte a San Marco impugnava lo stendardo di Venezia.
 
<ref>{{Cita|Rösch, 1992|cap. 4 ''Le origini della monetazione veneziana''}}.</ref>.
 
L'La grande espansione del commercio veneziano cominciòcominciata nel [[XIIIXII secolo]] e la necessità di una moneta stabile divenne sempre più urgente, così nel 1202 durante il dogato di [[Enrico Dandolo]] si cominciò la coniazione del [[Ducato (moneta)|ducato d'argento]], poi detto ''matapan'' che si diffuse in breve in tutto il bacino mediterraneo, il ducato corrispondeva a 26 denari e pesava all'incirca due grammi<ref name=":121">{{Cita|Zorzi, 1992}}, p2001|pp. 91-93}}.</ref>,<ref>{{Cita il ducato corrispondeva a 26 denari e pesava all'incirca due grammiweb|url=https://www.panorama-numismatico.com/wp-content/uploads/grosso-veneziano.pdf|titolo=}}</ref><ref>{{Cita web|url=https://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-EDA/1|titolo=Grozzo Enrico Dandolo - LaMoneta|accesso=16 febbraio 2019|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20190217142322/https://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-EDA/1|dataarchivio=17 febbraio 2019|urlmorto=no}}</ref><ref>{{Cita web|url=http://ccnm.it/wp-content/uploads/2018/09/Il-Grosso-Matapan.pdf|titolo=}}</ref>. Come le altre monete della Repubblica di Venezia il ducato aveva l'effigie del doge regnante, che di fronte a San Marco impugnava lo stendardo di Venezia.
 
Il 31 ottobre 1284 il doge [[Giovanni Dandolo]] decise la coniazione di una nuova moneta, che sarà poi vitale nell'economia veneziana, lo [[zecchino]] d'oro, o ducato<ref>{{Cita|Zorzi, 1992}}, 2001|p. 164}}.</ref>. Lo zecchino, fatto in oro di ottima purezza pesava circa {{M|3,5|ul=g}} e la sua coniazione si interruppe solo con la caduta della Repubblica<ref>{{Cita web|url=https://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-GDA/1|titolo=Ducato - LaMoneta|accesso=16 febbraio 2019|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20190217142244/https://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-GDA/1|dataarchivio=17 febbraio 2019|urlmorto=no}}</ref>.
 
Il conio a partire dal [[XVI secolo]] avveniva in un apposito edificio affacciato sul molo marciano, [[zecca di Venezia]], sulla cui attività vigilava la [[Quarantia]]<ref>{{Cita web|url=https://numismatica-italiana.lamoneta.it/cat/W-RV|titolo=Venezia - LaMoneta|accesso=16 febbraio 2019|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20190217142230/https://numismatica-italiana.lamoneta.it/cat/W-RV|dataarchivio=17 febbraio 2019|urlmorto=no}}</ref>.
 
== Cultura ==
Utente anonimo