Differenze tra le versioni di "Non è la Rai"

Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica da mobile avanzata
[[File:Arbore boncompagni.jpg|miniatura|sinistra|L'ideatore e regista [[Gianni Boncompagni]] (a destra) in una foto del [[1975]], con [[Renzo Arbore]]. Una delle canzoni della loro trasmissione radiofonica ''[[Alto gradimento]]'', ''No, non è la Bbc'', ha ispirato il nome e la sigla della prima stagione del programma.<ref name=alto>{{Cita news|url=http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1991/09/06/torna-la-bonaccorti-ma-no-non.html|titolo=Torna la Bonaccorti ma "no, non è la Rai"|pubblicazione=[[La Repubblica (quotidiano)|la Repubblica]]|giorno=6|mese=9|anno=1991|p=37|accesso=22 novembre 2009}}</ref>]]
 
Il programma nascenacque nel [[1991]] e la prima edizione è andata in onda per tutta la stagione [[1991]]/[[1992]] su [[Canale 5]] alle 12:40 (subito dopo ''[[Il pranzo è servito]]'') a partire dal 9 settembre, con la conduzione di [[Enrica Bonaccorti]] e la partecipazione di [[Antonella Elia]] ed [[Yvonne Sciò]]. Il programma segnasegnò l'esordio del regista Gianni Boncompagni (che aveva già diretto la Bonaccorti in ''[[Pronto, chi gioca?]]'') sulle reti [[Fininvest]].<ref name=Edt /> Relativamente al titolo egli neganegò eventuali intenti polemici e affermò di essersi ispirato alla canzone ''No, non è la Bbc'' del suo vecchio programma radiofonico ''[[Alto gradimento]]''.<ref name=alto />
 
La [[scenografia]] del varietà rappresentarappresentava le quattro stagioni (una per ogni lato dello [[Studio televisivo|studio]], con una piscina posizionata nel lato ''estivo'') ed èera arricchita dalla presenza di un folto gruppo di ragazze, inizialmente 80 e quasi tutte provenienti dalle edizioni di ''[[Domenica in]]'' dirette dallo stesso regista negli anni precedenti. SonoInizialmente queste erano relegate al ruolo di coro<ref>{{Cita web|https://asware.home.xs4all.nl/canzoni/misc/canzonicorali.htm|Da "Le canzoni di Non è la Rai", la scheda sulle canzoni corali|2018-02-12}}</ref> o al massimo si esibisconoesibivano in piccoli intermezzi musicali o in balletti, come la gara ''more contro bionde'' in cui due piccoli gruppi composti da alcune di loro, per l'appunto more e bionde (capitanati rispettivamente da Yvonne Sciò ed Antonella Elia), si sfidavano in canzoni e coreografie.<ref>{{Cita web|https://asware.home.xs4all.nl/canzoni/misc/biondecontromore.htm|Da "Le canzoni di Non è la Rai", la scheda di "Bionde contro more"|2018-02-12}}</ref>
 
Altro elemento distintivo dello studio èera la già citata piscina, dove si svolgonosvolgevano alcuni giochi telefonici e dove alcune ragazze, durante la puntata, si tuffanotuffavano e fannofacevano il bagno;<ref name = Prima /> a partire dalla terza edizione, tuttavia questa vienevenne mano a mano usata sempre di meno, fino a rimanere solo come un mero arredo scenografico nella quarta e ultima edizione, anche per via delle proteste riguardanti l'abbigliamento sfoggiato dalle ragazze (nel caso dei bagni in piscina sonoerano in costume da bagno).<ref name = Prima />
 
Pochi mesi dopo l'inizio della trasmissione vengonovennero fatteapportate alcune modifiche alla struttura dello spettacolo: [[Yvonne Sciò]], che inizialmente conduceva una rubrica dedicata ai bambini, lascialasciò la trasmissione per dedicarsi esclusivamente al cinema, mentre ad [[Antonella Elia]] e [[Miriana Trevisan]] hanno fu affidato il compito di animare il ''Cruciverbone''<ref name = Libro /> (anche questo un gioco già usato da Boncompagni nelle edizioni di ''Domenica in'' da lui dirette), in cui il telespettatore da casa, al telefono con la Bonaccorti, devedoveva riempire orizzontali e verticali rispondendo alle domande poste. Successivamente gli autori decidonodecisero di mettere in luce altre ragazze, che diventano in questo modo personaggi cardine del programma, come accade a [[Laura Freddi]], che vienevenne fatta notare al pubblico per la somiglianza con l'attrice [[Kim Basinger]] e alla quale vienefu fatto eseguire un casto [[spogliarello]] ispirato al film ''[[9 settimane e ½]]''. La Freddi sostituiscesostituì poi la Elia e lacoppia Elia-Trevisan nel momento del ''Cruciverbone''. Parallelamente, ad Elena Moretti e [[Sabrina Marinangeli]] possonofu data la possibilità di esibirsi interpretando alcune canzoni usando la propria voce, contrariamente ad altre che hannoebbero la stessa possibilità, venendo tuttavia supportate da alcune coriste al momento della registrazione dei brani poiché non eccellonoeccellevano nel canto.
Gran parte dello spettacolo èera composto dai giochi telefonici, che spesso accompagnanoaccompagnavano i momenti delle telepromozioni; tra i giochi più ricordati è quello del ''[[Sette e mezzo]]'', con [[Antonella Elia]] e la mini-valletta Martina Melli di appena cinque anni, durante il quale 40 ragazze reggonoreggevano altrettante carte da gioco con cui il concorrente da casa doveva tentare la vittoria.<ref name=primaedizione>{{Cita web|url=http://www.nonelarai.it/trasmissioni/prima-edizione/|titolo=Prima edizione (91/92) |sito=Non è la Rai|accesso=12 febbraio 2018}}</ref>
 
Il programma continuacontinuò, con una riduzione di 30 minuti, iniziando alle 13:30 subito dopo il neonato [[TG5]] (dal 13 gennaio [[1992]]),<ref>{{Cita news|autore=Valerio Cappelli|url=http://archiviostorico.corriere.it/1992/febbraio/14/Rita_Enrica_fatti_piu__co_0_92021414569.shtml|titolo=Rita a Enrica: fatti più in là|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=14|mese=2|anno=1992|p=30|accesso=22 novembre 2009|urlarchivio=https://archive.today/20120708083931/http://archiviostorico.corriere.it/1992/febbraio/14/Rita_Enrica_fatti_piu__co_0_92021414569.shtml|dataarchivio=8 luglio 2012|urlmorto=sì}}</ref> dando un'importanza crescente alle ragazze, che diventanodiventarono così le vere protagoniste dello spettacolo a scapito della conduttrice ufficiale, che a fine stagione condurràvenne relegata a condurre solo alcuni giochi. La stessa Bonaccorti, dopo la mancata conferma per l'edizione seguente, annunciaannunciò un suo temporaneo ritiro dal mondo della televisione per riposarsi dopo questa esperienza, rivelatasi troppo stressante<ref>{{Cita news|autore=Claudia Provvedini|url=http://archiviostorico.corriere.it/1992/marzo/06/Enrica_basta_con_Boncompagni_co_0_92030620362.shtml|titolo=Enrica: basta con Boncompagni|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=6|mese=3|anno=1992|p=39|accesso=25 novembre 2009 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20150509072125/http://archiviostorico.corriere.it/1992/marzo/06/Enrica_basta_con_Boncompagni_co_0_92030620362.shtml |dataarchivio=9 maggio 2015}}</ref><ref>{{Cita news |autore=Emilia Costantini |autore2=Claudia Provvedini |url=http://archiviostorico.corriere.it/1992/luglio/15/stress_video_Claudio_Lippi_Enrica_co_0_920715645.shtml |titolo=Stress da video: Claudio Lippi e Enrica Bonaccorti dicono "stop" |pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=15|mese=7|anno=1992|p=26|accesso=25 novembre 2009 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20150509063924/http://archiviostorico.corriere.it/1992/luglio/15/stress_video_Claudio_Lippi_Enrica_co_0_920715645.shtml |urlmorto=sì |dataarchivio=9 maggio 2015}}</ref>.
Inoltre, il cast è caratterizzato dalla presenza di due uomini: il finto bagnino Bob (all'anagrafe Roberto Tron),<ref name = Libro /> che arriva in trasmissione con la partecipazione a una televendita pubblicizzante una marca di scarpe e vi resterà fino all'ultima stagione,<ref name = Prima >{{Cita web|https://asware.home.xs4all.nl/canzoni/misc/storia1.htm|Da "Le canzoni di Non è la Rai", la scheda della prima edizione|2018-02-12}}</ref> e [[Davide Mengacci]], che presenta l'angolo della posta.<ref name = Prima />
 
Al termine della stagione, conclusasi il 27 giugno, risultarisultò evidente che il target della trasmissione, inizialmente individuato in quello delle casalinghe, si spostaera gradualmente spostato fino a rivolgersi ad un pubblico nettamente più giovane.<ref name = Libro />
 
VengonoVennero inoltre ricavati parecchi ''[[spin-off (mass media)|spin-off]]'' durante questa edizione, come ''[[Primadonna (programma televisivo)|Primadonna]]'', in onda su [[Italia 1]] nella fascia preserale, condotto da [[Eva Robin's]] e [[Antonello Piroso]] con la partecipazione di [[Claudia Gerini]], che verràvenne interrotto per bassi ascolti dopo appena due mesi di trasmissione,<ref name = Primadonna /> alcuni speciali in prima serata,<ref name = amore /><ref name = bellezza /><ref name = carnevale />, i festeggiamenti di [[Capodanno]] di Canale 5<ref name = Capodanno /> e ''[[Bulli e pupe (programma televisivo)|Bulli e pupe]]'', condotto in prima serata da [[Paolo Bonolis]] nell'estate del 1992,<ref name = BEP /> in cui vengonovennero introdotte diverse nuove ragazze (tra cui [[Ambra Angiolini]], [[Francesca Gollini]], [[Alessia Merz]], [[Emanuela Panatta]] ed Alessia Gioffi) che parteciperanno poi alla successiva edizione del programma madre; sempre durante l'estate [[1992]], vaandò in onda un “meglio di” dell'edizione appena terminata, intitolato ''Non è la Rai estate'' e proposto da [[Canale 5]] nella medesima collocazione oraria.
 
Particolarmente ricordata è anche la sigla della prima edizione, ripresa per parte della seconda, dal titolo omonimo al programma e scritta da [[Cristiano Minellono]] e Gianni Boncompagni.<ref name = Libro />
[[File:Paolo Bonolis a Sanremo 2009.jpg|miniatura|Anche [[Paolo Bonolis]] ha partecipato al programma, conducendone la seconda edizione]]
 
Nel settembre del [[1992]] iniziainiziò la seconda stagione, condotta da [[Paolo Bonolis]] al posto della Bonaccorti dopo l'esperienza estiva di ''Bulli e pupe''.<ref name = Seconda>{{Cita web|https://asware.home.xs4all.nl/canzoni/misc/storia2.htm|Da "Le canzoni di Non è la Rai", scheda della seconda edizione|2018-02-12}}</ref> Oltre al presentatore anche la scenografia vienevenne ripresa dallo show estivo e, in luogo delle quattro stagioni, vienefu rappresentata unicamente l'estate, caratterizzata da sfondo blu, cielo azzurro, sabbia e palme finte.<ref name = Seconda /> Il programma tornò in onda sempre su [[Canale 5]], dopo un'estate in cui l'emittente aveva trasmesso i momenti migliori dell'edizione appena conclusa, con il titolo ''Non è la Rai - Estate''.<ref>{{Cita web|https://asware.home.xs4all.nl/canzoni/misc/nonelaraiestate.htm|Scheda del programma "Non è la Rai - Estate" sul sito "Le canzoni di Non è la Rai"|2018-02-12}}</ref>
 
Una delle principali novità èfu l'iniziale partecipazione al programma, in un ruolo attivo, del regista e ideatore Boncompagni, che occupa un segmento della puntata interloquendo con un'improbabile [[Cenerentola]] interpretata da un giovanissimo [[Riccardo Rossi (attore)|Riccardo Rossi]] in alcuni siparietti comici;<ref name = Seconda />. Per il resto lo spettacolo proseguì seguendo il modello della stagione precedente, con tanti giochi telefonici, ma lasciando maggiore spazio alle esibizioni canore delle ragazze.
 
Il 16 novembre [[1992]] il programma fu sospeso a causa della prematura scomparsa in un incidente stradale di una delle ragazze Marina Musti
 
L'11 gennaio del [[1993]] il programma fu soggetto a un drastico cambiamento e traslocò su [[Italia 1]], aumentando di durata e collocandosi nella fascia oraria compresa tra le 14:15 e le 16:00,<ref>{{Cita news|autore=Emilia Costantini|url=http://archiviostorico.corriere.it/1993/gennaio/08/Rita_Dalla_Chiesa_raddoppia_trasloca_co_0_9301082686.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131029191621/http://archiviostorico.corriere.it/1993/gennaio/08/Rita_Dalla_Chiesa_raddoppia_trasloca_co_0_9301082686.shtml|titolo=Rita Dalla Chiesa raddoppia e trasloca all'ora di pranzo|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=8|mese=1|anno=1993|p=33|accesso=22 novembre 2009|urlmorto=sì|dataarchivio=29 ottobre 2013}}</ref> Nel periodo precedente al passaggio di rete lo share medio era del 17%, con picchi di ascolto di circa 3 milioni di spettatori.<ref>{{Cita news |titolo=Boncompagni trasloca "retrocesso" su Italia 1 |pubblicazione=[[La Stampa]]|giorno=11|mese=11|anno=1992|p=22}}</ref>
 
La presenza di Bonolis sullo schermo, che tra l'altro suscitasuscitò clamore perché hain allacciatoquel periodo allacciò un rapporto sentimentale con Laura Freddi, una delle protagoniste del programma<ref name = Seconda />, diventò, per scelta del regista,<ref name = gusatto>{{cita news|autore=Lara Gusatto|url=http://tvzap.kataweb.it/news/112619/non-e-la-rai-gianni-boncompagni-detestavo-bonolis-lo-sostituii-con-ambra/|titolo=Non è la Rai, Gianni Boncompagni: "Detestavo Bonolis, lo sostituii con Ambra"|pubblicazione=TvZap|data=26 marzo 2015|accesso=2 giugno 2016}}</ref> sempre più limitata (negli ultimi mesi di trasmissione vieneil presentatore venne di fatto confinato a condurre solo gli spazi delle réclame) e nel corso della stagione alcune ragazze conduconoottennero la conduzione di interi blocchi del programma. Tra queste giovani spiccanospiccarono maggiormente:
* [[Ambra Angiolini]] che, seduta su una poltrona bianca, conduceconduceva ''il gioco dello zainetto'', in cui il telespettatore che chiamava devedoveva indovinare dieci oggetti contenuti nello zainetto di Ambra, ricordando gli eventuali oggetti già indovinati dai precedenti giocatori;
* [[Francesca Gollini]], che presentapresentava sia ''il gioco della metamorfosi'', nel quale i concorrenti devono tentare di capire in che personaggio si sta trasformando una fotografia tramite ''[[morphing]]'', sia ''il gioco delle secchiate'' (inizialmente legato allo sponsor delle caramelle [[Sperlari|Dietorelle]]) in cui gli spettatori devonodovevano scegliere quale delle quattro ragazze scelte a sorteggio, dovrannodovevano provare a tirare una maniglia e aspettarsi o una doccia di caramelle (sostituite in seguito con dei fiori quando il gioco verràvenne slegato dallo sponsor) o, molto più frequentemente, una doccia d'acqua gelata;
* Roberta Modigliani, che proponepresentava un quiz sugli [[anagramma|anagrammi]] con ''lettere viventi'' composte da una decina di ragazze della trasmissione (gioco già proposto nell'edizione precedente con la Bonaccorti);
* Mary Patti – già [[Miss Italia 1990|Miss Linea Sprint Roma 1990]] alle finali di [[Miss Italia]] (come ''Maria Patti'') – che su uno sgabello vertiginoso recitarecitava il ruolo della [[Femme fatale|vampfemme fatale]] mentre conduceconduceva ''il gioco del nome della nonna'' (che dopo mesi di vani tentativi dei concorrenti si scoprì essere un assai improbabile “Mosqu”).<ref name = Seconda />
 
Successivamente vengonovennero messe in luce anche [[Alessia Merz]], con ''il gioco del desiderio espresso il giorno del suo diciottesimo compleanno'', e [[Miriana Trevisan]], già molto attiva nella prima edizione, che nel suo quiz poneponeva ai telespettatori il filosofico quesito ''perché viviamo?''.
 
Durante la stagione vienefu proposto anche ''il gioco delle chiavi'' con la conduzione di due ragazze già molto popolari presso il pubblico del programma, Roberta Carrano ed [[Ilaria Galassi]], nel quale la Galassi, sotto lo sguardo della telecamera, nascondenascondeva un mazzo di chiavi nei posti più disparati dello studio e il telespettatore devedoveva indirizzare la Carrano utilizzando le parole ''acqua'' (se si allontanaallontanava dal nascondiglio) o ''fuoco'' (se vi si avvicinaavvicinava) alla ricerca dello stesso in un tempo prestabilito.
 
In seguito vienevenne tuttavia reso noto che le giovanissime sonoerano guidate attraverso un auricolare da Boncompagni, che suggeriscesuggeriva loroparola ciòper parola quello che dovrannoavrebbero dovuto dire.
 
Durante questa edizione aumentaaumentò il numero di esibizioni canore e vienevenne anche introdotta una finta orchestra permanente, composta da una ventina di ragazze.<ref name = Seconda /> DebuttaDebuttò inoltre anche [[Sabrina Impacciatore]] che, già scoperta da Boncompagni a ''[[Domenica in]]'', ereditaereditò la rubrica della posta da Mengacci. ''Non è la Rai'' divenne in questa stagione anche un fenomeno nel mercato: vengonovennero pubblicati i primi due albumdischi legati alla trasmissione, il primo dei quali raggiungeraggiunse il secondo posto della classifica italiana degli album più venduti.<ref>{{Cita web|http://www.hitparadeitalia.it/hp_yenda/lpe1994.htm|Classifica italiana del 1993|2009-09-27}}</ref> Vennero inoltre messi in vendita quaderni e t-shirt con i volti dei personaggi più amati dell'edizione in corso.
 
Vi sinierano inoltre interi blocchi di trasmissione durante i quali l'intero cast si scatenascatenava sulle note di ''[[Please Don't Go (KC and the Sunshine Band)|Please Don't Go]]''<ref name = Seconda />, [[brano musicale]] del gruppo [[eurodance]] [[Double You]], [[tormentone estivo]] del [[1992]].<ref>{{Cita web|1=http://www.leiweb.it/people-e-news/musica/09_f_tormentoni-estivi-anni90_4.shtml|2=I tormentoni estivi degli anni '90 - Testi e video|sito=leiweb.it|4=2009-11-23|urlarchivio=https://archive.today/20120906191316/http://www.leiweb.it/celebrity/musica/09_f_tormentoni-estivi-anni90_4.shtml|dataarchivio=6 settembre 2012|accesso=23 novembre 2009|urlmorto=no}}</ref> Come per l'anno precedente, il conto alla rovescia per il [[1993]] di Canale 5 vienevenne affidato al programma pomeridiano con una puntata speciale in seconda serata,<ref name = Capodanno2 /> mentre nei primi mesi del [[1993]], nel preserale di [[Italia 1]] e con la conduzione di [[Orietta Berti]] vaandò in onda ''[[Rock 'n' Roll (programma televisivo)|Rock 'n' Roll]]'', nato come una gara di rock acrobatico e poi trasformato in una costola serale di ''Non è la Rai'' condotta dalle ragazze stesse senza più la presenza della Berti.<ref name = Orietta /> Solo a questa edizione prese parte Valentino, un finto poliziotto particolarmente bravo nei balli acrobatici.<ref name = Seconda />
 
=== Terza edizione ===
[[File:Ambra Angiolini 2.jpg|miniatura|sinistra|La nota conduttrice e attrice [[Ambra Angiolini]] ha debuttato con successo appena quindicenne proprio a ''Non è la Rai'', conducendone in seguito la terza e la quarta edizione]]
 
A partire dalla terza stagione, in onda tra il [[1993]] ed il [[1994]], il programma non viene più condotto da un presentatore professionista: Boncompagni decidedecise infatti di affidare il programma alle stesse ragazze che nei due anni precedenti erano riuscite a rubare la scena alla Bonaccorti ed a Bonolis, relegandoli in secondo piano.<ref name = Libro /> In particolare la scelta cadecadde su [[Ambra Angiolini]], in realtà guidata tramite un auricolare dal regista stesso, il quale le suggeriscesuggeriva parola per parola il testo che lei devedoveva ripetere <!-- L'url in nota 28 non è più consultabile --><ref>{{Cita news|autore=Emilia Costantini|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/dicembre/10/Ambra_una_replicante_ecco_prove_co_0_94121015168.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131021163641/http://archiviostorico.corriere.it/1994/dicembre/10/Ambra_una_replicante_ecco_prove_co_0_94121015168.shtml|titolo=Ambra è una replicante: ecco le prove|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=10|mese=12|anno=1994|p=35|accesso=22 novembre 2009|urlmorto=sì|dataarchivio=21 ottobre 2013}}</ref><ref>{{Cita libro|nome=Beppe|cognome=Severgnini|titolo=Mamma Mia|url=https://books.google.com/books?id=X3doAwAAQBAJ|accesso=5 luglio 2016|data=25 ottobre 2011|editore=Rizzoli Publications|lingua=en|ISBN=978-0-8478-3744-1}}</ref>, apprezzata, a detta dello stesso regista, per la sua spigliatezza e capacità di rielaborare prontamente quel che le veniva dettato nel corso della diretta.<ref>Da un'intervista a Gianni Boncompagni per il programma Non era la Rai, 2001</ref>. <!-- Fonte non consultabile -->
 
Gran parte dell'attenzione dei [[mass media]], in questa terza stagione televisiva, èfu concentrata proprio su Ambra, la ragazzina appena quindicenne (in realtà sedicenne, ma la produzione decidedecise di dichiarare un'età inferiore di un anno) che giocava, come detto sotto il costante suggerimento del regista, a fare la diva durante la trasmissione, capitanando un'agguerritissima schiera di ragazze che ebbero anch'esse la possibilità di esprimersi in giochi, canzoni e sketch di vario tipo all'interno dell'ora e mezzo di trasmissione (l'orario andava dalle 14:30 alle 16:00).<ref name = Terza >{{Cita web|https://asware.home.xs4all.nl/canzoni/misc/storia3.htm|Da "Le canzoni di Non è la Rai", scheda della terza edizione|2018-02-12}}</ref> Insieme ad Ambra Angiolini, che in quella stagione televisiva fu premiata con il [[Telegatto]] come ''personaggio rivelazione dell'anno'', riscosse discreto successo soprattutto [[Pamela Petrarolo]], soprannominata ''The voice''. La Petrarolo, presente fin dalla prima edizione (era una delle ragazze provenienti da ''Domenica in''<ref>{{Cita web|1=http://www.pgscarl.it/pamela_petrarolo.html Sito dell'Agenzia dell'artista|2=Sito dell'Agenzia di Pamela Petrarolo|3=2009-09-28|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20090706063236/http://www.pgscarl.it/pamela_petrarolo.html|dataarchivio=6 luglio 2009|urlmorto=sì}}</ref>), dopo aver cantato per una stagione in [[playback]] iniziainiziò a registrare i brani da presentare in trasmissione con la sua vera voce eed haebbe anche l'opportunità di incidere per l'[[etichetta discografica]] [[RTI Music]] un primo disco da solista, ''[[Io non vivo senza te]]'', pubblicato nel febbraio del [[1994]]. Lo stesso privilegio vienefu concesso anche a [[Francesca Pettinelli]], che a fine stagione pubblicò ''[[Dance with Francesca]]'' per la stessa etichetta.
 
L'edizione fu ricca di momenti di ilarità grazie agli sketch dell'esordiente comica [[Lucia Ocone]], presente nel cast, che imitava vari personaggi, ed a [[Sabrina Impacciatore]] che, oltre a leggere la posta della trasmissione, ruolo che ricopriva già nella precedente edizione, inscenava scenette comiche e dirigeva il dibattito, un blocco del programma in cui le ragazze parlavano di vari argomenti, sia leggeri che impegnati.
 
Tuttavia questa edizione ricevette anche molte critiche: nacquero le prime accese polemiche sulla natura della trasmissione e i suoi contenuti, che coinvolsero anche movimenti [[Femminismo|femministi]] ai quali il programma rispose proponendo l'8 marzo [[1994]], [[Giornata Internazionale della Donna]], una puntata in cui le protagoniste indossavano abiti da sposa.<ref>{{Cita news|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/marzo/05/noi_lite_Ambra_co_0_9403059350.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131029193125/http://archiviostorico.corriere.it/1994/marzo/05/noi_lite_Ambra_co_0_9403059350.shtml|titolo=Ma da noi è lite su Ambra|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=5|mese=3|anno=1994|p=5|accesso=22 novembre 2009|urlmorto=sì|dataarchivio=29 ottobre 2013}}</ref> La stagione vide inoltre l'abbandono improvviso e apparentemente immotivato di una delle ragazze più amate, [[Miriana Trevisan]]. Iniziò a spargersi la voce di una presunta rivalità tra [[Ambra Angiolini]], ormai indiscussa protagonista del programma, e Pamela Petrarolo, che in seguito fu smentita da entrambe le parti.
 
Questa edizione fu l'ultima ricca di giochi, che nella stagione successiva sarebbero stati praticamente eliminati. Tra i più seguiti c'era il primaverile ''gioco delle secchiate'', già presente nell'edizione precedente, il quale risultò uno dei pochi riproposti anche in quella successiva. Altri giochi ricorrenti sono stati quello del ''diario di Ambra'', in cui i concorrenti da casa dovevano indovinare cosa aveva fatto la conduttrice il 15 agosto [[1993]], e il ''gioco dei bambini'', in realtà solo un'opportunità per i giovanissimi spettatori per parlare con Ambra. È da ricordare anche il ''Batuca Gum'', brano musicale sul quale le ragazze si scatenavano per vari minuti così come l'anno precedente facevano sulle note di ''Please Don't Go''.<ref name = Terza /><ref>{{Cita news|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/febbraio/05/suggerito_Boncompagni__co_0_9402058154.shtml|titolo=Ha suggerito Boncompagni|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=5|mese=2|anno=1994|p=31|accesso=26 novembre 2009|urlarchivio=https://archive.today/20120707145959/http://archiviostorico.corriere.it/1994/febbraio/05/suggerito_Boncompagni__co_0_9402058154.shtml|dataarchivio=7 luglio 2012|urlmorto=sì}}</ref><ref>{{Cita news|autore=Stefania Ulivi|url=http://archiviostorico.corriere.it/1995/aprile/13/Ambra_faro_partito_pazzesco_co_0_9504134303.shtml|titolo=Ambra: farò io un partito pazzesco|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=13|mese=4|anno=1995|p=2|accesso=26 novembre 2009|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20150509063917/http://archiviostorico.corriere.it/1995/aprile/13/Ambra_faro_partito_pazzesco_co_0_9504134303.shtml|urlmorto=sì|dataarchivio=9 maggio 2015}}</ref>
 
Particolare scandalo fannofecero le dichiarazioni di Ambra (sempre sotto il suggerimento tramite auricolare del regista) durante le sue chiacchierate giornaliere con un diavoletto virtuale (che parlava solo a gesti) in pieno clima elettorale nella [[primavera]] del [[1994]], durante la quale affermaaffermò che, secondo il diavoletto, Satana tengateneva per [[Achille Occhetto]] mentre il [[Dio|Padreterno]] èera un sostenitore di [[Silvio Berlusconi]].<ref name = Satana />
Questa stagione è anchefu ricca anche di ospiti famosi, tra i quali si annoverano [[Pippo Baudo]],<ref name = Cine /> [[Bruno Vespa]],<ref name = Cine /> [[Giuliano Ferrara]], [[Fiorello]], [[Vittorio Sgarbi]] e [[Maurizio Costanzo]],<ref name = Terza /> tutti intervistati da una giovane ma sfrontata Ambra. Inoltre diversi artisti e gruppi musicali si esibisconoesibirono davanti alle telecamere dello Studio 1 del Centro Palatino tra cui i [[Take That]],<ref name = Cine /> i [[New Kids on the Block]],<ref name = Cine /> e [[Giorgia (cantante 1971)|Giorgia]], che duettò con Pamela Petrarolo.<ref name = Terza />
 
Sul piano del ''[[merchandising]]'' continuacontinuò la produzione di numerosi oggetti, come quaderni e diari, raffiguranti le piccole star del programma, vengonovennero pubblicati altri due dischi, ''[[Non è la Rai sTREnna]]'' e ''[[Non è la Rai estate]]'' rispettivamente nel dicembre [[1993]] e giugno [[1994]] e in particolar modo haebbe successo l'album di figurine che esceuscì in quell'anno.
 
Come vienevenne riportato dai ''media'' l'anno seguente, il successo della seconda e terza edizione del programma consentonoconsentirono aad Italia 1 di più che triplicare le tariffe pubblicitarie richieste nella fascia oraria 14:15-16:00, passando dai 5,5 milioni di lire del 1992 ai 18 milioni del 1993 (somme richieste per 30 secondi di pubblicità);<ref>{{Cita news|url=http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/12/23/ambra-salva-gli-spot-93-del.html|titolo=Ambra salva gli spot '93 del Biscione|pubblicazione=[[La Repubblica (quotidiano)|la Repubblica]]|giorno=23|mese=12|anno=1994|p=47|accesso=22 novembre 2009}}</ref> in particolar modo, gli ascolti della trasmissione in queste stagioni si aggirano tra il 13 e il 14% di share.<ref name = dellarti>{{Cita news|autore=Giorgio Dell'Arti|url=http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,1/articleid,0759_01_1994_0285_0001_10763917/|titolo=Ambra, fai più pubblico o ti spengo|pubblicazione=[[La Stampa]]|giorno=19|mese=10|anno=1994|p=47|accesso=29 agosto 2016}}</ref>
 
=== Quarta edizione ===
[[File:Peppi.nocera.png|miniatura|[[Peppi Nocera]], autore della quarta edizione, in una foto degli [[anni 2000|anni duemila]]]]
La quarta stagione, andata in onda tra il [[1994]] ed il [[1995]], iniziainiziò registrando ancora un buon successo, seguito però nelle settimane successive da un lento declino, che fafece calare gli ascolti del programma fino all'11% di share, perdendo così alcuni punti rispetto alla precedente stagione.<ref name = dellarti /> Con gran disappunto dei fan della trasmissione,<ref>{{Cita news|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/novembre/22/fans_Ambra_via_Boncompagni__co_0_94112211749.shtml|titolo=I fans di Ambra: "Via Boncompagni"|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=22|mese=11|anno=1994|p=35|accesso=22 novembre 2009|urlarchivio=https://archive.today/20120701142255/http://archiviostorico.corriere.it/1994/novembre/22/fans_Ambra_via_Boncompagni__co_0_94112211749.shtml|dataarchivio=1º luglio 2012|urlmorto=sì}}</ref> quasi tutte le ragazze vengonovennero sostituite da un centinaio di nuove leve, molte delle quali particolarmente giovani (un'età media di 14 anni), selezionate durante l'estate in un mega [[casting (cinema)|casting]] svoltosi a [[Cinecittà]] che coinvolse circa 3.000 aspiranti intrattenitrici.<ref name="archiviostorico.corriere.it">{{Cita news|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/luglio/08/Ambra_nuove_100_sorelline__co_0_9407084277.shtml|titolo=Ambra ha le nuove 100 "sorelline"|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=8|mese=7|anno=1994|p=32|accesso=22 novembre 2009|urlarchivio=https://archive.today/20120708175109/http://archiviostorico.corriere.it/1994/luglio/08/Ambra_nuove_100_sorelline__co_0_9407084277.shtml|dataarchivio=8 luglio 2012|urlmorto=sì}}</ref><ref>{{Cita news|autore=Monica Guerzoni|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/luglio/05/3000_coda_sognando_successo_Ambra_co_10_9407056954.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131203020143/http://archiviostorico.corriere.it/1994/luglio/05/3000_coda_sognando_successo_Ambra_co_10_9407056954.shtml|titolo=3000 in coda sognando il successo di Ambra|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|data=5 luglio 1994 |p=47 |urlmorto=sì|dataarchivio=3 dicembre 2013}}</ref>
 
[[Francesca Gollini]] lascialasciò la trasmissione perchéin decidequanto decisa di intraprendere la carriera di cantante, incidendo un singolo dance intitolato ''Only imagination'', con lo pseudonimo Cat Francy.
 
[[Pamela Petrarolo]] prendeprese il posto di Marina Cinti come coreografa del programma, coadiuvata da altre due ragazze, Chiara Caputo e Federica Addari, mentre tra gli autori comparecomparve [[Peppi Nocera]], che partecipapartecipò alla composizione di alcune canzoni.<ref>{{Cita news|autore=Mario Luzzatto Fegiz|url=http://archiviostorico.corriere.it/1996/gennaio/17/Ambra_canto_sesso_sono_angelo_co_0_960117593.shtml|titolo=Ambra: canto il sesso ma sono un angelo|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=17|mese=1|anno=1996|p=35|accesso=8 dicembre 2009|urlarchivio=https://archive.today/20120707014329/http://archiviostorico.corriere.it/1996/gennaio/17/Ambra_canto_sesso_sono_angelo_co_0_960117593.shtml|dataarchivio=7 luglio 2012|urlmorto=sì}}</ref> Nel primo periodo della trasmissione la sigla di apertura èfu una versione modificata dell'aria ''La calunnia è un venticello'' da ''[[Il barbiere di Siviglia (Rossini)|Il barbiere di Siviglia]]'', cantata da Ambra vestita da don Basilio, contenente alcuni attacchi verso la stampa, da alcuni ritenuta una sigla creata per appoggiare le critiche che il Presidente del Consiglio [[Silvio Berlusconi]] haaveva rivolto ai media su carta nei mesi precedenti.<ref name="ricerca.repubblica.it">{{Cita news|url=http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/09/01/ambra-balla-canta-contro-la-stampa.html|titolo=Ambra balla e canta contro la stampa|pubblicazione=[[La Repubblica (quotidiano)|la Repubblica]]|giorno=1|mese=9|anno=1994|p=6|accesso=22 novembre 2009}}</ref><ref name="ReferenceA">{{Cita news|autore=Leandro Palestini|url=http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/08/26/harem-boncompagni.html|titolo=Harem Boncompagni|pubblicazione=[[La Repubblica (quotidiano)|la Repubblica]]|giorno=26|mese=8|anno=1994|p=23|accesso=22 novembre 2009}}</ref><ref>{{Cita news|autore=Claudia Provvedini|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/agosto/27/sigla_Ambra_contro_stampa_co_0_94082711021.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20150509071323/http://archiviostorico.corriere.it/1994/agosto/27/sigla_Ambra_contro_stampa_co_0_94082711021.shtml|titolo=La sigla di Ambra contro la stampa|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|data=27 agosto 1994|p=29|accesso=8 dicembre 2009|urlmorto=sì|dataarchivio=9 maggio 2015}}</ref>
 
[[Francesca Pettinelli]], che nella precedente edizione aveva conquistato parecchio spazio, abbandonaabbandonò il programma poco dopo il suo inizio, e nel [[2001]], nello speciale celebrativo ''Non era la Rai'', motivamotivò la sua scelta affermando che non le piaceva più l'ambiente che si stava creando, e perché le nuove colleghe erano troppo giovani per non avere una fortissima rivalità tra loro.
 
VieneVenne dato ampio spazio alla moda, con sfilate e competizioni tra alcuni giovani stilisti emergenti, le cui modelle sonoerano le stesse ragazze del programma (le prime sono [[Ilaria Galassi]] ed [[Antonella Mosetti]], che nella prima settimana sonofurono le uniche a sfilare), mentre sparisconosparirono moltiquasi deidel tutto i giochi telefonici, che trovanoin quest'ultima edizione trovarono spazio solo nei primi mesi, con il gioco di ''Ambra la maga magra'', e negli ultimi, quando, con l'arrivo della primavera, sonofurono montate di nuovo le docce per lo storico ''gioco delle secchiate''.
 
Tra le altre novità di quest'edizione ci sonofurono la classifica dei brani da discoteca più ballati nel fine settimana appena trascorso, l'introduzione di una passerella, che dividedivise in due settori le sedie rosse che ospitano l'intero cast e che hanno caratterizzato lo studio dalla seconda edizione (unica variazione della scenografia), l'apertura degli studi alle comitive scolastiche in primavera, che partecipanopartecipavano così al programma, ed un torneo in cui le ragazze si sfidanosfidavano a colpi di barzellette.
 
Come nella stagione precedente, anche questa edizione vedevide molti ospiti musicalifamosi, soprattutto cantanti, tra i quali il primo ad essere invitato èfu [[Marco Masini]], che cantacantò la canzone ''Cuccioli''.
 
Ad inizio stagione vienevenne proposto anche un [[televoto]] (a quel tempo un'autentica novità in Italia, effettuato con un sistema chiamato ''Diapason'') per eleggere la ragazza più popolare del programma, che risultarisultò essere la siciliana [[Nicole Grimaudo]] (con circa 150.000 voti su 572.000 totali), debuttante in quell'edizione, seguita da [[Alessia Merz]] e [[Alessia Mancini]] (anch'essa al debutto in quell'annata).<ref>{{Cita news|autore=|url=http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/11/16/per-ambra-572-mila-telefonate.html|titolo=Per Ambra 572mila telefonate|pubblicazione=[[La Repubblica (quotidiano)|la Repubblica]]|giorno=16|mese=11|anno=1994|pagina=30|accesso=22 novembre 2009}}</ref><ref>{{Cita news|autore=|url=http://archiviostorico.corriere.it/1994/novembre/26/non_Rai_Nicole_vince_sorpresa_co_0_94112612263.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20130618234825/http://archiviostorico.corriere.it/1994/novembre/26/non_Rai_Nicole_vince_sorpresa_co_0_94112612263.shtml|titolo="Non è la Rai", Nicole vince a sorpresa|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=26|mese=11|anno=1994|pagina=39|accesso=22 novembre 2009|urlmorto=sì|dataarchivio=18 giugno 2013}}</ref>
Il televoto (gratuito) verràvenne ripetuto anche in seguito, arrivando a superare il milione di telefonate giornaliere, situazione che sembrava contraddire i cali d'ascolto registrati dall'[[Auditel]] nei primi mesi della trasmissione.<ref>{{Cita news|autore=Leandro Palestini|url=http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/11/22/ambra-auditel-bugiardo.html|titolo=Ambra: auditel bugiardo|pubblicazione=[[La Repubblica (quotidiano)|la Repubblica]]|giorno=22|mese=11|anno=1994|p=39|accesso=22 novembre 2009}}</ref>
 
Il resto dell'edizione si sviluppasviluppò senza particolari sconvolgimenti della scaletta, che, a partire dal gennaio del [[1995]], per alcune settimane si arricchiscearricchì della rubrica ''Non è la Rai Cult'', occasione per mostrare vecchi spezzoni video ripresi sia dalle precedenti stagioni del programma, sia dagli speciali e dagli spin-off degli anni passati. VengonoVennero inoltre presentate anche delle coreografie su basi [[musica dance|dance]] o [[musica leggera|pop]] di grandi successi musicali (come ''[[Vogue (Madonna)|Vogue]]'' di [[Madonna (cantante)|Madonna]]) preparate da Pamela Petrarolo, che durante questa edizione pubblicapubblicò sempre per la [[RTI Music]] il suo secondo album da solista, ''[[Niente di importante]]'', composto da inediti italiani melodici.
 
La [[Fininvest]] vuoleaveva intenzione di riconfermare in palinsesto ''Non è la Rai'' anche per la successiva stagione televisiva 1995/96 con una quinta edizione, ma legalegò il contratto ai risultati Auditel che questa otterràavrebbe ottenuto (ovvero se non sonofossero stati soddisfacenti, l'azienda potrebbeavrebbe potuto cancellarla in qualsiasi momento); Boncompagni si rifiuarifiutò di firmare un contratto con una simile clausola, sancendo così la chiusura definitiva del programma, chela cui ultima puntata andò in avvenneonda il [[30 giugno]] del [[1995]].<ref>{{Cita news|autore=Enrico Parodi|url=http://archiviostorico.corriere.it/1995/giugno/25/Boncompagni_verso_Raiuno_Ambra_resta_co_0_95062511634.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131109193206/http://archiviostorico.corriere.it/1995/giugno/25/Boncompagni_verso_Raiuno_Ambra_resta_co_0_95062511634.shtml|titolo=Boncompagni verso Raiuno, Ambra resta sola|pubblicazione=[[Corriere della Sera]]|giorno=25|mese=6|anno=1995|p=29|accesso=1º dicembre 2009|urlmorto=sì|dataarchivio=9 novembre 2013}}</ref> Quel giorno si assistette a un finale con le lacrime sulle note di ''[[T'appartengo (singolo)|T'appartengo]]'', la canzone di [[Ambra Angiolini]] contenuta nel suo [[T'appartengo|primo album dal titolo omonimo]] pubblicato proprio all'inizio di questa stagione (in cui cominciò a cantare con la sua vera voce), di cui fu in seguito pubblicata anche la versione in lingua spagnola, ''[[T'appartengo|Te pertenezco]]'', che ebbe un ottimo successo di vendite in [[Spagna]] ed in [[Sudamerica]]. Sempre nell'ultima puntata alcune delle ragazze più note degli anni precedenti tornanotornarono sul palco, riproponendo per l'occasione alcuni brani più caratteristici delle passate edizioni. Durante l'ultima puntata, oltre alle esibizioni delle “vecchie glorie” del programma,<ref>{{Cita news|autore=[[Alessandra Comazzi]]|url=http://www.archiviolastampa.it/component/option,com_lastampa/task,search/mod,libera/action,viewer/Itemid,3/page,23/articleid,0713_01_1995_0176_0023_10566649/|titolo=Ambra, quella lacrima sul viso inquadrata con morbosa insistenza|pubblicazione=[[La Stampa]]|giorno=2|mese=7|anno=1995|p=23|accesso=29 agosto 2016}}</ref> haebbe luogo anche la finale del concorso della ''stilista del secolo'' tramite televoto. Lo stesso giorno si celebrasarebbe celebrato, qualche ora più tardi, il matrimonio di [[Antonella Mosetti]] con Alessandro Nuccetelli: l'evento vienefu filmato dalle telecamere della [[Fininvest]] per essere trasmesso il 26 luglio 1995 con il titolo ''Fiori d'arancio a Non è la Rai'' e presentato da [[Riccardo Rossi (attore)|Riccardo Rossi]].<ref name = Fiori />
 
Anche in quest'ultima stagione c'èci fu un buon ''merchandising'', che non vedevide però ulteriori introduzioni tra i prodotti distribuiti.
 
Nella stagione [[1995]]/[[1996|96]] il programma lasciavenne ilsostituito posto ada ''[[Generazione X (programma televisivo)|Generazione X]]'', un talk show giovanile condotto sempre da [[Ambra Angiolini]], che tuttavia non riesceriuscì ad avereottenere lo stesso successo di ''Non è la Rai'', rimanendo in onda per una sola stagione televisiva.
 
== Le ragazze ==
Utente anonimo