Differenze tra le versioni di "Mercurio (astronomia)"

m
→‎Superficie: spaziatura
m (Bot: fix errori del modulo Citazione)
m (→‎Superficie: spaziatura)
{{vedi anche|Superficie di Mercurio}}
[[File:Mercure fausses couleurs.jpg|miniatura|sinistra|Mercurio in falsi colori, immagine ripresa dalla sonda Mariner 10 (1974) ed elaborata dal [[Jet Propulsion Laboratory]] della NASA]]
Le prime fotografie della superficie si devono all'astronomo greco-francese Eugène M. Antoniadi ([[1870]] - [[1944]]) che all'inizio del ventesimo secolo disegnò delle mappe di questo pianeta<ref>{{cita libro | cognome= | nome= | titolo=Astronomia, un'introduzione all'universo delle stelle | editore=Contmedia GmbH | città=Colonia | anno= }}</ref>.
Similmente alla [[Luna]], il suolo di Mercurio è ampiamente [[cratere meteoritico|craterizzato]] a causa dei numerosi impatti di [[asteroide|asteroidi]] che hanno contrassegnato il suo passato e presenta bacini riempiti da vecchie colate laviche, ancora evidenti a causa della mancanza quasi assoluta di un'[[atmosfera]]<ref>{{cita web |url=http://www.media.inaf.it/2013/03/22/laltro-lato-di-mercurio/ |titolo=L’altro lato di Mercurio |accesso=1º marzo 2018 |urlmorto=no |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20180301225702/http://www.media.inaf.it/2013/03/22/laltro-lato-di-mercurio/ |dataarchivio=1º marzo 2018 }}</ref>. Alcuni crateri sono circondati da [[raggiera|raggi]]. Si esclude la presenza sul pianeta di [[Tettonica delle placche|placche tettoniche]].