Differenze tra le versioni di "Lidel"

92 byte aggiunti ,  1 mese fa
m
Aggiunto due illustratori Edina Altara e Vittorio Accornero
m (Aggiunto due illustratori Edina Altara e Vittorio Accornero)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
 
==Storia==
[[File:Lidel 8 1920 cover.jpg|thumb|Copertina del n.8 (agosto) 1920, con una riproduzione di ''Ritratto di bimba'' di [[Lino Selvatico]]]]
«Lidel» nacque nel maggio del [[1919]], fondata a Milano dalla giornalista Lydia De Liguoro, che la diresse fino al [[1927]]. Il titolo era al contempo un [[acrostico]] del nome della fondatrice e l'unione delle iniziali degli argomenti trattati: letture, illustrazioni, disegni, eleganze, lavoro<ref>Editoriale del fascicolo di maggio 1919</ref><ref>[http://storiaefuturo.eu/le-riviste-di-moda-femminili-negli-anni-venti-il-caso-di-lidel/ storiaefuturo.eu]; [http://books.google.it/books?id=r7dCBAAAQBAJ&pg=PA223&dq=lidel+de+liguoro&hl=it&sa=X&ei=95UIVMHnB8KCOJDPgJAN&ved=0CDAQ6AEwAw#v=onepage&q=lidel%20de%20liguoro&f=false Alexander Maxwell, 2014]</ref>. Vi scrissero tra gli altri [[Massimo Bontempelli]], [[Grazia Deledda]], [[Amalia Guglielminetti]], [[Luigi Pirandello]], [[Margherita Sarfatti]] e [[Carlo Carrà]] nei panni di critico d'arte. Le copertine furono in parte fotografiche ed in parte illustrate da [[René Gruau]], Brunetta Mateldi, [[Bruno Munari]], ed[[Edina Altara]], [[Vittorio Accornero de Testa|Vittorio Accornero De Testa]] ([[Max Ninon]]) e altri.
 
La rivista, stampata su carta patinata e dotata di buona qualità grafica, si rivolgeva ad un pubblico femminile d'élite proponendo un'immagine della donna che negli anni si allineò sempre più con quella proposta dal [[regime fascista]]<ref>Rita Carrarini e Michele Giordano, ''op cit'' p. 207.</ref> La rivista cercò di liberare il mondo della moda dall'influenza francese, per valorizzare l'industria nazionale.<ref>[http://books.google.it/books?id=5Ck_IHlPHZQC&pg=PA46&lpg=PA46&dq=lidel+rivista&source=bl&ots=3IlshVGFF9&sig=0quE2QvM7J-GrmbjygjSdtMA3dE&hl=it&sa=X&ei=pRELVMT4KfOI7AbLsYDwCA&sqi=2&ved=0CEcQ6AEwBg#v=onepage&q=lidel%20rivista&f=false Un secolo di moda italiana, 1900-2000]</ref>.
==Bibliografia==
* Rita Carrarini e Michele Giordano, Bibliografia dei periodici femminili lombardi : 1786-1945, Milano : Bibliografica, 1993. ISBN 88-70-75346-8.
* Barbara Cinelli “et al.”, Arte moltiplicata: l'immagine del '900 italiano nello specchio dei rotocalchi, Milano, Bruno Mondadori, 2013. ISBN 9788861598577
* Sofia Gnoli, Un secolo di moda italiana: 1900-2000, Roma, Meltemi, 2005, pp. 40-42, 55-58. ISBN 888353428X
* Sofia Gnoli, La donna, l'eleganza, il fascismo: la moda italiana dalle origini all'Ente nazionale della moda, Catania, Edizioni del Prisma, stampa 2000, pp. 25-27. ISBN 8886808135
88

contributi