Differenze tra le versioni di "Europa Antica"

1 193 byte aggiunti ,  2 mesi fa
nessun oggetto della modifica
[[File:Neolithic expansion.svg|thumb|Mappa che evidenzia l'espansione neolitica dal VII millennio a.C. al V millennio a.C.]][[File:European Middle Neolithic.gif|thumb|L'Europa circa nel 4500 a.C.- 4000 a.C.]][[File:European Late Neolithic.gif|thumb|L'Europa circa nel 4000 a.C. -3500 a.C.]][[File:Old Europe.png|thumb|Mappa semplificata delle più recenti culture della Europa Antica 4000 a.C. Il verde indica la Cultura Funnelbeaker (TRB). Il blu la Cultura della Ceramica Lineare (LBK). L'arancio la Cultura di Lengyel, il viola la Cultura di Vincha, il rosso la Cultura di Cucuteni e il giallo la parte occidentale della Cultura Yamna (Kurgan).]]
'''Europa Antica''' (o '''Antica Europa''') è la dizione scelta dalla archeologa [[Marija Gimbutas]] per indicare la cultura preindoeuropea dell'[[età neolitica]], relativamente omogenea e ampiamente diffusa, da lei individuata in tutta Europa. Nella sua opera più importante, ''Le dee e gli dei dell'Europa Antica: 6500–3500 A.C.'' (1982), si riferisce a queste culture neolitiche come alla ''Europa Antica''. [[Archeologi]] ed etnologi che lavorano su questa sua ipotesi credono che le evidenze dimostrino le avvenute migrazioni di popoli che parlavano [[lingue indoeuropee]] all'inizio dell'[[Età del bronzo]], secondo la [[teoria kurganica]], avvenute successivamente alla formazione dell'Europa Antica. Per questo motivo, Gimbutas e coloro che ne adottano le ipotesi considerano i termini "Europa Neolitica", "Antica Europa" e "preindoeuropeo" come sinonimi.
 
== Europa Antica ==
 
== L'ipotesi di Renfrew ==
Modificando la sua [[Ipotesi anatolica]], secondo la quale una indo-europeizzazione pacifica dell'Europa avvenne a partire dal 7000 a.C. con l'avanzare dell'agricoltura dall'Anatolia, nel 2013 [[Colin Renfrew]] ha proposto una "Europa antica" dei Balcani dal VI al V millennio a.C. come il luogo in cui i [[Proto-Indoeuropei]] discesero dai precedenti (VII millennio a.C.) Pre-Proto-Indoeuropei (Proto-Indoittiti).<Ref name=Renfrew1973>{{Cita libro|titolo =L'Europa della preistoria |autore =Colin Renfrew |wkautore =Colin Renfrew |curatore = |traduttore =F. Pinnock |illustratore = |altri = |url = |via = |editore =Laterza|città =Bari-Roma |anno =1996 |lingua =italiano |annooriginale =1973 |volume = |opera = |edizione = |capitolo = |url_capitolo = |p = |pp = |posizione = |ISBN =9788842049449 |LCCN = |DOI = |OCLC = |id = |cid = |citazione = |accesso = |urlarchivio = |dataarchivio = |urlmorto = }}</ref><Ref name=Renfrew2003>{{Cita libro|titolo =The Journal of Indo-European Studies|autore =Colin Renfrew |wkautore =Colin Renfrew |curatore = |traduttore =F. Pinnock |illustratore = |altri = |url = |via = |editore =Institute for the Study of Man|città = |anno =2003 |lingua =inglese |annooriginale = |volume =Vol. 27, 3-4 (FALL/WINTER) |opera = |edizione = |capitolo =Time Depth, Convergence Theory, and Innovation in Proto-Indo-European
'Old Europe' as a PIE Linguistic Area |url_capitolo = |p = |pp =257-294 |posizione = |ISBN =|LCCN = |DOI = |OCLC = |id = |cid = |citazione = |accesso = |urlarchivio = |dataarchivio = |urlmorto = }}</ref>
 
Recenti studi genetici avrebbero dimostrato la validità della teoria kurganica della Gimbutas piuttosto che la tesi dell'origine anatolica o balcanica di Renfrew.<ref>Science News. 2015. “Genetic Study Revives Debate on Origin and Expansion of Indo-European Languages in Europe.” March 4, 2015. https://www.sciencedaily.com/releases/2015/03/150304075334.htm</ref><ref>* {{Cita pubblicazione|cognome1=Haak |nome1=W. |cognome2= Lazaridis |nome2= I. |cognome3= Patterson |nome3= N. |cognome4= Rohland |nome4= N. |cognome5= Mallick |nome5= S. |cognome6= Llamas |nome6= B. |cognome7= Brandt |nome7= G. |cognome8= Nordenfelt |nome8= S. |cognome9= Harney |nome9= E. |cognome10= Stewardson |nome10= K. |cognome11= Fu |nome11= Q. |cognome12= Mittnik |nome12= A. |cognome13= Bánffy |nome13= E. |cognome14= Economou |nome14= C. |cognome15= Francken |nome15= M. |cognome16= Friederich |nome16= S. |cognome17= Pena |nome17= R. G. |cognome18= Hallgren |nome18= F. |cognome19= Khartanovich |nome19= V. |cognome20= Khokhlov |nome20= A. |cognome21= Kunst |nome21= M. |cognome22= Kuznetsov |nome22= P. |cognome23= Meller |nome23= H. |cognome24= Mochalov |nome24= O. |cognome25= Moiseyev |nome25= V. |cognome26= Nicklisch |nome26= N. |cognome27= Pichler |nome27= S. L. |cognome28= Risch |nome28= R. |cognome29= Rojo Guerra |nome29= M. A. |cognome30= Roth |nome30= C. |anno=2015 |titolo=Massive migration from the steppe was a source for Indo-European languages in Europe |rivista=Nature | doi =10.1038/nature14317 | biorxiv =013433 |cid=harv | bibcode=2015Natur.522..207H |volume=522 |pp=207–211 | pmid=25731166 | pmc=5048219| arxiv = 1502.02783 }}</ref>
 
== Note ==
1 792

contributi