Differenze tra le versioni di "Geroglifici egizi"

Etichetta: Annullato
Etichetta: Annullato
I '''geroglifici egizi''' sono i segni scolpiti che compongono il [[sistema di scrittura]] monumentale utilizzato dagli [[Antico Egitto|antichi Egizi]], che combinano elementi ideografici, sillabici e [[alfabeto|alfabetici]]. L'uso di questo tipo di scrittura era riservato a monumenti o qualsiasi oggetto, come [[stele]] e statue, concepiti per essere eterni; la scrittura corrente e quotidiana in Egitto era quella [[scrittura ieratica|ieratica]].
Un sistema simile venne utilizzato anche dalla [[civiltà minoica]], tra il [[2000 a.C.]] e il [[1650 a.C.]] circa.
 
== Etimologia ==
Il termine ''geroglifico'' deriva dal [[lingua latina|latino]] ''hieroglyphicus'', a sua volta dal [[lingua greca antica|greco]] ἱερογλυφικός (''hieroglyphikós'') nella locuzione ἱερογλυφικά [γράμματα] ''hieroglyphikà'' [''gràmmata''], "[segni] sacri incisi" composta dall'aggettivo ἱερός ''hieròs'', che significa "sacro", e il verbo γλύφω ''glýphō'', che significa "incidere"<ref>{{cita libro | cognome=Devoto | nome=Giacomo | titolo=Avviamento all'etimologia italiana | editore=Mondadori | città=Milano | anno=1979 | p=186 }}</ref>. Il riferimento all'''incisione'' risiede nel fatto che questi simboli erano solitamente incisi, appunto, sulla pietra e quindi utilizzati come scrittura monumentale (come ad esempio i templi, assumendo quindi valore ''sacro''), accanto allo [[scrittura ieratica|ieratico]] utilizzato invece per la scrittura corrente su [[papiro]]. Il termine egizio per ''geroglifici'' è traslitterato come ''mdw nṯr'' (spesso trascritto, perché così convenzionalmente pronunciato, ''medu netjer''), letteralmente "parole del dio", con riferimento al dio [[Thot]] cui era attribuita l'invenzione della scrittura.
 
== Storia ed evoluzione ==
Utente anonimo