Differenze tra le versioni di "Econofisica"

Fix link
(Fix link)
L'econofisica è stata sviluppata sul finire degli [[anni 1990|anni novanta]] da diversi fisici con interessi nel campo della [[meccanica statistica]]. Questi decisero spontaneamente di affrontare i complessi problemi posti dall'[[economia]], soprattutto nell'ambito della [[finanza]]. Non soddisfatti dai tradizionali modelli adottati dagli [[economista|economisti]] (diversi dei quali mancavano di un solido fondamento empirico), applicarono strumenti e metodi della [[fisica]], in primo luogo cercando di replicare i dati finanziari osservati, poi tentando di spiegare fenomeni economici in maniera più generale. A questo proposito si segnalano i risultati ottenuti dalla [[finanza frattale]].
 
Un importante motore dello sviluppo dell'econofisica nel [[Novecento]] è stata [[Big data|l'ampia disponibilità di dati]] su variabili finanziarie, soprattutto a partire dagli [[anni 1980|anni ottanta]]. Divenne presto evidente che i metodi di analisi tradizionale erano insufficienti: i modelli economici standard si fondavano sull'ipotesi di omogeneità degli agenti e sul concetto di [[Equilibrio economico|equilibrio]], laddove diversi e interessanti fenomeni osservati nei mercati finanziari sembrano dipendere in maniera fondamentale dall'eterogeneità degli agenti e da dinamiche di non-equilibrio.
 
== Descrizione ==
356 341

contributi