Differenze tra le versioni di "Mito dei cacciatori"

m
→‎I figli dei lupi: + wikilink, corr. wikilink
m (→‎Mito e leggenda: corr. wikilink)
m (→‎I figli dei lupi: + wikilink, corr. wikilink)
Romolo e Remo erano in questo caso i ''figli di una lupa'' perché come i lupi si aggiravano nelle selve, cacciati dagli uomini.
 
In una prima fase della loro religione, i Romani consideravano sacro il bosco, il '' lucos'', la dimora del lupo e a metà febbraio festeggiavano i ''[[Lupercalia|Lupercali]]'', la festa del Diodi [[FaunusFauno]], il Diodio delle selve.
 
Il lupo appare evidentemente come il personaggio centrale di un antico scenario mitico e si constata pertanto che il periodo della caccia ha prodotto tra popoli diversi e lontani miti analoghi e che le somiglianze rimangono anche a distanza di millenni, anche quando i lupi-guerrieri, i lupi fuggiaschi e i lupi-giovani iniziati scompaiono dal mondo mitico e al loro posto appaiono i lupi mannari della [[leggenda]] vodu, germanica e dell'[[Europa orientale]].
21 731

contributi