Differenze tra le versioni di "Il Borsacchiotto"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: Correzione di uno o più errori comuni)
}}
 
'''''Il Borsacchiotto''''' era un [[programma televisivo]] [[italia]]no, trasmesso per 10 puntate il lunedì sera su [[Rai 2|Rete 2]] dal 23 maggio al 1 agosto [[1977]]<ref name="radiocorriere1">''Giochiamo al «Borsacchiotto»'', [[Radiocorriere TV]], 1977, n. 21, p. 84</ref><ref>''Telequiz anticonformista'', [[Radiocorriere TV]], 1977, n. 29, p. 34</ref>. Era unoun quiz condotto da Carlo Croccolo, che cantava anche la sigla ("''O la borsa o la vita''"), con il supporto della "''Ragioniera''" [[Loredana Piazza]].
 
==Il programma==
Il meccanismo del gioco era ispirato a quello della [[borsa valori]] (da cui il [[neologismo]] "borsacchiotto", fusione di borsa e orsacchiotto). Ogni settimana quattro concorrenti dovevano scegliere dei "pacchetti azionari" abbinati a personaggi famosi dello sport, della politica, della cultura o del cinema.
 
A inizio gioco i concorrenti potranno chiedereottenevano quindici azioni a testa, intestate ai diversi personaggi. Le azioni potrannopotevano poi essere puntate nei diversi giochi e raddoppiate (in caso di vincita) o perse. Il vincitore del gioco doveva poi indicare al pubblico una specifica qualità fisica o caratteriale in base alla quale il pubblico avrebbe dovuto dare un valore alle diverse azioni dei personaggi<ref name="radiocorriere1"/> È evidente che il vincitore doveva scegliere una caratteristica in cui il suo personaggio era molto forte in modo da guadagnare rispetto agli altri; questo meccanismo era anche la chiave comica del programma, visto che in certi casi il pubblico si trovava a a valutare caratteristiche inconsuete, come le gambe di [[Giulio Andreotti|Andreotti]].
 
Fra i giochi a cui dovevano partecipare i concorrenti c'era ''Passaparola'', in cui si dovevano indovinare tre parole mediante associazione di idee, ''I mistificatori'' in cui bisognava individuare quale fra tre persone che dichiarano di chiamarsi allo stesso modo e di esercitare la medesima professione è quella autentica.