Guarniero V di Speyergau: differenze tra le versioni

m
Aggiunto link
mNessun oggetto della modifica
m (Aggiunto link)
{{Monarca
|nome = Guarniero (V)
|titolo = [[Wormsgau|Conte di Worms]]
|data di nascita = [[889]] circa
|data di morte = [[935]] circa
|dinastia = [[Dinastia salica|Salica]]
|predecessore = Megingoz[[Megingaudo I di Worms|Megingaudo I]]
|successore = [[Corrado Kurzbold]]
|coniuge 1 = ''una figlia di [[Corrado il Vecchio]]''<br/>oppure<br/>Hicha
{{Bio
|Nome = Guarniero V di Speyergau
|PostCognome = ,({{Tedesco|Werner}} in tedescoo '''Werner'Walaho'',)
|Sesso = M
|AnnoNascita = ca. [[899]]
 
== Biografia ==
Le origini di Guarniero non sono certe, infatti, presumibilmente suo antenato fu il conte di [[Wormsgau]] [[Guarniero IV|Guarniero (Werner) IV]], noto anche come ''Walaho'', vissuto attorno all'[[840]]. Guarniero IV era sposato con Oda, figlia del conte [[Robertingi|robertingio]] [[Roberto III di Hesbaye|Roberto III]], dalla quale ebbe la figlia Viltrude, andata in sposa al [[Corradinidi|corradinide]] Eberardo (? - ca. [[903]]), fratello di [[Corrado il Vecchio]]. Quando [[Roberto il Forte]], fratello di Oda, divenne [[marchese di Neustria]], Guarniero IV ereditò i possedimenti che questi, suo cognato, aveva a [[Wormsgau|Worms]].
 
Guarniero V viene attestato come conte per la prima volta come nel [[906]] e, probabilmente ottenne questa carica poiché era imparentato con le più potenti dinastie della [[Ducato di Franconia|Franconia]]. Infatti, in quell'anno divenne [[duca di Franconia]] il cognato [[Corrado il Giovane]], il quale venne eletto [[re dei Franchi Orientali]] nel [[911]]. Secondo la cronaca di [[Flodoardo di Reims]], Guarniero V fece confiscare i possessi ecclesiastici dell'[[arcidiocesi di Reims]] nel [[Palatinato (regione)|Palatinato]] e ordinò che il [[Diocesi di Spira|vescovo di Spira]] fosse accecato.
 
Secondo il ''Reginonis Chronicon, Continuator Reginonis Trevirensis'', Guarniero sposò con una figlia di [[Corrado il Vecchio]]. Secondo la ''Cronaca di [[Tietmaro di Merseburgo|Tietmaro]]'', invece, sposò Hicha<ref>{{Cita libro|autore=[[Tietmaro di Merseburgo|Tietmaro]]|traduttore=Matteo Taddei|titolo=Cronaca di Tietmaro|collana=Fonti tradotte per la storia dell'Alto Medioevo|editore=Pisa University Press|p=319|capitolo=Tavola genealogica|ISBN=978-8833390857}}</ref> (ca. [[905]] - [[950]]), figlia del [[Ducato di Svevia|duca di Svevia]] [[Burcardo II di Svevia|Burcardo II]] e di sua moglie Regilinde di Zurigo. Gli successe il figlio [[Corrado il Rosso]]<ref name="Continuator">{{la}} [http://www.dmgh.de/de/fs1/object/goToPage/bsb00000868.html?pageNo=619&sortIndex=010%3A050%3A0001%3A010%3A00%3A00#ES Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus I: Reginonis Chronicon, Continuator Reginonis Trevirensis, anno 943, p. 619] {{Webarchive|url=https://web.archive.org/web/20160310195030/http://www.dmgh.de/de/fs1/object/goToPage/bsb00000868.html?pageNo=619&sortIndex=010:050:0001:010:00:00#ES|date=10 marzo 2016}}</ref>, che fu nominato [[Duchi di Lorena|duca di Lotaringia]] nel 944.