Differenze tra le versioni di "Taoismo"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  7 mesi fa
Per il mondo cinese un Dio creatore sopramondano, di carattere personale è inconcepibile. Ne consegue che nella cultura cinese non esiste un'ascesi orientata sulla antitesi tra Dio e creatura<ref name="Weber 1982 p. 245">{{Cita|Weber 1982|p. 245}}.</ref>.<br>
 
{{senza fonte|Il concetto di causalità è assente nel pensiero originario cinese.; da questo ne segue l'assenza di una idea di Dio come primum movens. Ovviamente l'entrata in Cina del Buddhismo (verso il I secolo d.C.) ha modificato di non poco questo atteggiamento tipico (si pensi infatti all'idea di [[Karma]]).}} <br>
 
{{senza fonte|Anche l'dea di libertà non è stata elaborata dal punto di vista concettuale; essi hanno però elaborato la disponibilità. Ad esemplio lo [[I Ching]] deve essere utilizzato non per il singolo, ma per il bene comun.comune: Ilil mio Bene può essere messo da parte se fa il Bene adi tutto.}}
 
Il daoismo (in particolare quello dei due principali maestri) tende a non dare chiari codici comportamentali, (a differenza ad esempio del confucianesimo) ritenendo che la [[#La spontaneità|spontaneità]] sia la miglior guida. Tuttavia se «vivere il taoismo significa accettare il caos [...], non legittima la licenziosità, l'arroganza, la violenza, la sopraffazione, uno stato di natura per cui "tutto va bene"»<ref name="Arena 1996 pp. 28-29">{{Cita|Arena 1996|pp. 28-29}}.</ref>
9 774

contributi