Notazione scientifica: differenze tra le versioni

Nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
{{Vedi anche|Numero normalizzato}}
 
Qualsiasi [[numero intero]] può essere scritto nel formato ''m'' × 10<sup>''n''</sup> in molti modi: ad esempio, 350 può essere scritto come {{m|3,5 × 10<sup>2</sup>.5e2}} o 35 × 10<sup>1</sup>{{m|35e1}} o 350 × 10<sup>0</sup>{{m|350e0}}.
 
Nella notazione normalizzata, l'esponente ''n'' è scelto in modo che il valore assoluto di ''m'' rimanga almeno uno ma inferiore a dieci (1 ≤ |''m''| < 10). Quindi 350 è scritto come {{m|3,5 × 10<sup>2</sup>.5e2}}. Questa forma consente un facile confronto dei numeri, in quanto l'esponente ''n'' fornisce l'ordine di grandezza del numero. Nella notazione normalizzata, l'esponente ''n'' è negativo per un numero con valore assoluto compreso tra 0 e 1 (ad es. 0,5 è scritto come 5 × 10<sup>{{m|5e-1</sup>}}). Il 10 e l'esponente sono spesso omessi quando l'esponente è 0.
 
La forma scientifica normalizzata è la tipica forma di [[Espressione genica|espressione]] di grandi numeri in molti campi, a meno che non si desideri una forma non normalizzata, come la [[Notazione scientifica#Notazione ingegneristica|notazione ingegneristica]]. La notazione scientifica normalizzata viene spesso chiamata '''notazione esponenziale''', anche se quest'ultimo è più generale e si applica anche quando ''m'' non è limitato all'intervallo da 1 a 10 (come nella notazione di ingegneria per esempio) e a basi diverse da 10 (come in 3,15 × 2<sup>20</sup>).
Utente anonimo