Differenze tra le versioni di "Cricetinae"

408 byte aggiunti ,  12 anni fa
I criceti sono [[animale notturno|animali notturni]], e in cattività sono particolarmente attivi all'[[Alba (giorno)|alba]] e al [[tramonto]].
Si cibano di semi, frutta e verdure varie.
Essendo animali territoriali e solitari se ne consiglia l'allevamento individuale. È tuttavia possibile far convivere due individui, specialmente se di sesso opposto, purché siano stati abituati fin da tenera età. In ogni caso, in qualunque momento è possibile che individui che sono sempre andati d'accordo comincino a litigare pesantemente, con grave pericolo per la loro incolumità, pertanto occorre sempre essere pronti a separare una coppia di criceti. Il criceto di RoborowskijRoborovskij è l'unico, invece, che di norma vive in coppia tutta la vita, addirittura il maschio assiste la femmina durante il parto e nell'allevamento della prole.
 
===Riproduzione e longevità===
I criceti in cattività vivono tipicamente tra i due e i tre anni. A causa della loro breve vita, crescono rapidamente e diventano sessualmente maturi a partire dall'età di 30 giorni (per i criceti siriani o dorati),per i russi invece lo diventano a circa 2-3 mesi di vita. SiIn natura tendono a riprodursi all'inizio della primavera, in modo da avere le cucciolate nel pieno della primavera/estate, la stagione in cui la disponibilità di cibo è maggiore; in cattività, invece, vista la temperatura più o meno costante e la perenne disponibilità di cibo, i criceti si riproducono tutto l'anno. Durante la gravidanza, che dura dai 16 ai 20 giorni ed è multipla, e per il primo mese dopo il parto, maschio e femmina devono essere tenuti separati, difatti il maschio potrebbe tentare in alcuni casi di uccidere la propria prole, per far sì che la femmina vada nuovamente in calore e il maschio possa accoppiarsi nuovamente. La femmina non deve essere disturbata e la sua abitazione deve essere posta in un luogo tranquillo. Va nutrita con cibi ricchi di proteine per favorire la produzione di latte (ottimo il tuorlo d'uovo sodo). Se la femmina si sente minacciata dall'esterno, può mangiare i propri piccoli appena nati.
I piccoli nascono ciechi, con gli occhi chiusi e senza pelo ma hanno già i denti; a 2 giorni incominciano a mettere su uno strato di peluria, a 5 il pelo è totalmente formato, a 10 giorni i piccoli aprono gli occhi e incominciano a girare per la gabbia, a circa 15 giorni iniziano a mangiare anche cibo solido ma hanno ancora bisogno di essere allattati. Dopo tre settimane circa la cucciolata può definirsi svezzata; soltanto allora si potranno toccare, prima bisogna assolutamente evitare ogni contatto. Se proprio necessario (ad esempio nel caso che un piccolo si allontani inavvertitamente dal nido e la madre non lo recuperi) spostarlo molto delicatamente indossando un guanto sterile da [[chirurgo]], oppure adoperare un cucchiaino.
 
===Habitat ===
[[Image:Hamster in hand.jpg|thumb|right|300px|Criceto in cattività]]
Possono essere tenuti in apposite teche in plexiglass espandibili con tubi e accessori, in [[terrari]] dalle pareti di vetro o in alternativa in gabbie a maglie strette (meno di 1 cm tra sbarra e sbarra) per evitare che fuggano o restino incastrati con le zampe. Sono soliti infilarsi negli anfratti più reconditi (per esempio tra la ruota e la parete della casa) ma non avendo un gran senso delle proporzioni e dello spazio, può restargli difficile uscirne. È opportuno quindi accertarsi che non si creino intercapedini troppo strette al momento di disporre gli arredi.
È essenziale la presenza di una [[ruota]] perché si mantengano fisicamente in salute e di una tana per dormire. Tuttavia la sola ruota può diventare alienante se non hanno altro modo di sfogarsi. Occorre quindi fornirgli anche altri accessori per creare dei percorsi all'interno della casa (anche l'anima del rotolo della carta igienica può andare bene se non si vuole spendere, a patto di cambiarla periodicamente); sarebbe inoltre opportuno far girare quotidianamente il proprio criceto in una stanza assente da ogni tipo di cavo elettrico e piccoli anfratti, sarebbe un ottimo modo per tenere il criceto in allenamento e per un suo cambio di routine.
 
Sono da evitare i seguenti prodotti:
* cotone per foderare il nido (può causare amputazione degli arti, e se ingerito blocchi intestinali e morte per soffocamento), compreso il cosiddetto "cotone per criceti" che si trova in commercio
* elementi in legno di cedro o di pino che causano problemi respiratori
 
Utente anonimo