Differenze tra le versioni di "Pietro Carlo"

nessun oggetto della modifica
m (fix link)
|stemma = Template-Bishop.svg
|motto =
|ruoliricoperti = * [[Vescovo]] di [[Diocesi di Caorle|Caorle]] <small>(14731470-1513)</small>
* [[Vicario generale|Vicario ''in pontificalibus'']] del [[Patriarcato di Aquileia]] <small>(1485-1494)</small>
|nato = a [[Venezia]]
|ordinato =
|nomvescovo = 410 giugno [[14731470]] da [[papa Paolo II]]
|consacrato =
|deceduto = [[1513]]
== Biografia ==
 
Scarne sono le notizie che riguardano Pietro Carlo, nominato [[vescovo]] di [[Diocesi di Caorle|Caorle]] il [[410 giugno]] [[1473]] da [[papa Paolo II1470]]<ref name=caorlesacraEubel>PaoloKonrad FrancescoEubel, GussoHierarchia eCatholica RenataMedii Candiago GandolfoAevi, Caorle sacra, 2012Regensburg, MarcianumLibraeriae PressRegensbergianae, Venezia1914</ref> da [[papa Paolo II]], antecedenti l'ultimo decennio del [[XV secolo]]. È noto che era il figlio di Niccolò e Caterina Carli, nobili [[Repubblica di Venezia|veneziani]]; di quest'ultima, Pietro era anche il ''commissario''<ref name=memorie>AA. VV., Memorie per servire all'istoria letteraria (Tomo X), 1757, appresso Pietro Valvasense in Merceria all'Insegna del Tempo, Venezia</ref>. Molti storici riportano di lui nella cronotassi della sede episcopale di [[Diocesi di Caorle|Caorle]] per aver sovrainteso al rifacimento del palazzo vescovile nel [[1490]]<ref name=bottani>Trino Bottani, Saggio di storia della Città di Caorle, 1811, nella Tipografia di Pietro Bernardi (Venezia)</ref><ref name=musolino>Giovanni Musolino, Storia di Caorle, 1967, La Tipografica, Venezia</ref><ref name=ughelli>Ferdinando Ughelli e Nicola Coleti, Italia Sacra sive de episcopis Italiae et insularum adjacetium (Tomo V), 1720, presso Sebastiano Coleti, Venezia</ref>, come attestato in una lapide affissa in [[Duomo di Caorle|cattedrale]] recante il suo stemma:
{{citazione|PETRVS CARLO VENETVS
EPVS CAPRVLAR NICOLAI
Lo stesso stemma è riportato anche in ''Memorie per servire all'istoria letteraria'', sotto l'emblema di [[Santo Stefano protomartire]] (patrono della [[Diocesi di Caorle|diocesi]]), e riferito come riproduzione del sigillo in rame del vescovo<ref name=memorie/>.
 
Le maggiori notizie riguardanti il vescovo Carlo si rinvengono nelle fonti [[Friuli|friulane]] della fine del [[XV secolo]]. Le fonti più importanti sono contenute nei diari di viaggio di [[Paolo Santonino]], notabile [[Umbria|umbro]] trasferitosi in Friuli al servizio del [[Patriarcato di Aquileia]]. A quell'epoca era patriarca il [[cardinale]] [[Marco Barbo]], il quale però non risiedette mai ad [[Aquileia]], impossibilitato a lasciare la [[curia romana]] di papa Paolo II. Nel [[1485]] fu quindi nominato [[Vicario generale|vicario ''in pontificalibus'']] il vescovo di Caorle, in sostituzione del vicario generale del patriarcato che non era vescovo. Racconta il Santonino dei tre viaggi compiuti insieme al vescovo Carlo, il primo nel 1485 in [[Carinzia]], il secondo nel [[1486]] ancora in Carinzia e poi in [[Carniola]] ed il terzo nel [[1487]] nei territori soggetti ai conti di [[Gorizia]]<ref name=santonino>Giuseppe Vale (trad. E. Pascolo), Itinerario di Paolo Santonino in Carinzia, Carniola e Stiria negli anni 1485-1486-1487, 2003, Pasian di Prato</ref>. Durante questi viaggi, il vescovo Pietro Carlo riconsacrò [[Altare|altari]] e [[Chiesa (edificio)|chiese]] dissacrati in precedenza da invasioni turche<ref name=caorlesacra>Paolo Francesco Gusso e Renata Candiago Gandolfo, Caorle sacra, 2012, Marcianum Press, Venezia</ref> e amministrò [[Cresima|cresime]] ed altri [[Sacramento (cristianesimo)|sacramenti]] alla popolazione.
 
Nel [[1491]] fu eletto dal [[Capitolo (cristianesimo)|capitolo]] della [[Basilica di Santa Maria Assunta (Aquileia)|cattedrale di Aquileia]] per officiare le funzioni [[Pasqua|pasquali]] in assenza del patriarca Barbo; invito ripetutosi nel [[1494]], anno in cui ricevette da [[papa Alessandro VI]] il beneficio della stessa cattedrale<ref name=musolino/><ref name=caorlesacra/>. Consacrò il [[3 luglio]] [[1491]] la [[Pieve di San Silvestro (Motta di Livenza)|Pieve di San Silvestro]] a [[Lorenzaga]] e compì altri viaggi, insieme al Santonino, nelle regioni del patriarcato di Aquileia nel [[1494]]<ref name=caorlesacra/>.
|carica=[[Diocesi di Caorle|Vescovo di Caorle]]
|immagine=BishopCoA PioM.svg
|periodo=[[14731470]] - [[1513]]
|precedente=[[Giacomo Mariani]]
|successivo=[[Daniele De Rubeis]]
3 158

contributi