Differenze tra le versioni di "Andrea da Montecchio"

Le notizie relative al suo governo pastorale nella diocesi caprulana sono pressoché assenti. È probabile che la nomina episcopale fosse essenzialmente un riconoscimento per i suoi meriti in terra veneta<ref name=compagnoni/>, e non stupisce che in un periodo molto difficile per Eugenio IV, costretto a lasciare la città di [[Roma]] per degli aspri scontri avuti con la [[famiglia Colonna]], il vescovo Andrea venga traslato alla [[Diocesi di Fossombrone|diocesi di Fossombrone]], il [[6 settembre]] [[1434]]<ref name=ughelli/><ref name=compagnoni/>. Questa non fu, tuttavia, una destinazione definitiva, in quanto già il [[29 ottobre]] dello stesso anno gli succedeva sulla cattedra Forosemproniense Gabriele Benveduti, mentre il vescovo Andrea appare destinato alla [[diocesi di Osimo]]. Questo si deve probabilmente ad un rapporto privilegiato con il papa veneziano, come attesta lettera inviata dal [[Concilio di Basilea]] al [[Osimo|comune di Osimo]] datata [[22 novembre]] 1434<ref name=compagnoni/><ref name=cappelletti>Giuseppe Cappelletti, Le Chiese d'Italia dalla loro origine sino ai giorni nostri, G. Antonelli editore, Venezia, 1848</ref>, con il quale si elogiano le qualità umane e pastorali del vescovo Andrea, che proprio quale legato di Eugenio IV stava partecipando a quel Concilio. Inoltre Osimo era a quel tempo sotto il dominio di [[Francesco Sforza]], nemico del papa, al quale dunque serviva un legato fedele per constrastarne il potere<ref name=cappelletti/>.
 
Era questoquello di Basilea un concilio avverso al papa di Roma, il quale di lì a breve lo avrebbe chiuso, per riaprirlo in seguito a [[Ferrara]]; non deve dunque stupire che Andrea da Montecchio, che già godeva della fiducia del pontefice in terra veneziana, fosse spostato ad una sede più vicina a quella romana. In questo stesso periodo, infatti, e precisamente nell'anno [[1437]] si trova il vescovo Andrea quale vicario ''in spiritalibus'' per la città di [[Roma]] (che, come sopra menzionato, il papa aveva lasciato per partire in esilio)<ref name=compagnoni/>. In qualità di vicario di Roma, inoltre, il vescovo Andrea partecipò anche al Concilio riaperto a Ferrara nel [[1438]]. È inoltre menzionato per aver voluto aprire il processo di [[canonizzazione]] di [[Santa Francesca Romana]] nel [[1440]], anno della morte della santa<ref name=compagnoni/>.
 
In qualità di vescovo di Osimo, Andrea da Montecchio viene ricordato per aver traslato le reliquie dei santi [[Martire|martiri]] Fiorenzo, Sisinnio, Diocleziano e Massimo dalla chiesa loro dedicata alla [[Duomo di Osimo|cattedrale]] il [[13 settembre]] [[1444]], per aver organizzato le [[Missione|missioni]] di [[San Giacomo della Marca]] e Giovanni da Ischia nella diocesi e per diversi atti e donazioni<ref name=compagnoni/><ref name=cappelletti/>. Nel [[1448]] compare con il titolo di [[governatore]] della [[Marca Anconitana|Marca]] per conto del [[papa Niccolò V]], succeduto al suo mecenate Eugenio IV, come scritto in uno degli statuti di una confraternita della città di [[Montecchio]]<ref name=compagnoni/>.
3 159

contributi