Differenze tra le versioni di "Programma della Stazione Spaziale Internazionale"

 
=== Riparazioni ===
Dall'inizio della costruzione, il programma della Stazione Spaziale Internazionale ha dovuto affrontare diversi problemi di manutenzione, problemi imprevisti e guasti. Questi incidenti hanno influito sui tempi di montaggio, hanno portato a periodi di ridotte capacità della stazione e in alcuni casi avrebbero potuto costringere l'equipaggio ad abbandonare la stazione spaziale per motivi di sicurezza, se questi problemi non fossero stati risolti.
 
=== Centri di controllo della missione ===
* [[Automated Transfer Vehicle|Centro di controllo ATV]] dell'ESA, presso il [[Centro spaziale di Tolosa]] (CST) a [[Tolosa]], Francia - voli controllati del [[Automated Transfer Vehicle|veicolo di trasferimento automatizzato]] europeo senza [[Automated Transfer Vehicle|equipaggio]]
* Il centro di controllo JEM e il centro di controllo HTV della JAXA presso il [[centro spaziale di Tsukuba]] (TKSC) a [[Prefettura di Ibaraki|Ibaraki]], in Giappone, responsabili della gestione del complesso ''Kibō'' e di tutti i voli del veicolo spaziale White Stork HTV Cargo, rispettivamente
* Il [[Centro di controllo missione Christopher C. Kraft Jr.|Christopher C. Kraft Jr. Mission Control Center]] della [[Centro di controllo missione Christopher C. Kraft Jr.|NASA]] presso il [[Lyndon B. Johnson Space Center]] di [[Houston]] , Texas, funge da principale struttura di controllo per il segmento statunitense della ISS <ref name="ISSRG">{{Cita libro|autore=Gary Kitmacher|titolo=Reference Guide to the International Space Station|anno=2006|editore=[[Apogee Books]]|città=Canada|pp=71–80|opera=Apogee Books Space Series|ISBN=978-1-894959-34-6|issn=1496-6921}}</ref>
* Il Payload Operations and Integration Center della NASA presso il [[Marshall Space Flight Center]] di [[Huntsville (Alabama)|Huntsville]], Alabama - coordina le operazioni di carico utile nell'USOS
* Il Columbus Control Center dell'ESA presso il [[Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt|German Aerospace Center]] di Oberpfaffenhofen, Germania - gestisce il laboratorio di ricerca europeo ''Columbus''
== Futuro ISS ==
[[File:Heads_of_Agency_International_Space_Station.jpg|miniatura| I capi delle agenzie ISS provenienti da Canada, Europa, Giappone, Russia e Stati Uniti si incontrano a Tokyo per esaminare la cooperazione con la ISS.]]
L'ex amministratore della NASA [[Michael Douglas Griffin|Michael D. Griffin]] afferma che la Stazione Spaziale Internazionale ha un ruolo da svolgere mentre la NASA avanza con un nuovo obiettivo per il programma spaziale con equipaggio, che è quello di andare oltre l'orbita terrestre per scopi di esplorazione umana e scoperta scientifica. "La Stazione Spaziale Internazionale è ora un trampolino di lancio sulla strada, piuttosto che essere il capolinea", ha detto Griffin. <ref name="Explore">{{Cita web|url=http://www.nasa.gov/mission_pages/exploration/main/griffin_why_explore.html}}</ref> Griffin ha affermato che gli equipaggi della stazione non solo continueranno a imparare a vivere e lavorare nello spazio, ma impareranno anche a costruire hardware in grado di sopravvivere e funzionare per gli anni necessari per compiere il viaggio di andata e ritorno dalla Terra a Marte.
 
Nonostante questo punto di vista, tuttavia, in un'e-mail interna trapelata alla stampa il 18 agosto 2008 da Griffin ai dirigenti della NASA,<ref name="leak">{{Cita news|nome=Tariq|cognome=Malik|url=http://www.space.com/news/080907-nasa-griffin-email.html|titolo=NASA Chief Vents Frustration in Leaked E-mail|pubblicazione=Space.com|editore=Imaginova Corp|accesso=2008-11-06|anno=2008}}</ref> <ref name="leak3">{{Cita news|cognome=Orlando Sentinel|url=http://www.spaceref.com/news/viewsr.html?pid=29133|titolo=Internal NASA email from NASA Administrator Griffin|editore=SpaceRef.com|data=July 7, 2008|accesso=2008-11-03}}</ref> <ref name="emailimage">{{Cita news|nome=Michael|cognome=Griffin|url=http://blogs.orlandosentinel.com/news_space_thewritestuff/files/GriffinEmail.jpg|titolo=Michael Griffin email image|pubblicazione=Orlando Sentinel|accesso=2008-11-06|formato=jpg|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20081216230642/http://blogs.orlandosentinel.com/news_space_thewritestuff/files/GriffinEmail.jpg|dataarchivio=December 16, 2008|anno=2008}}</ref> Griffin apparentemente comunicò la sua convinzione che l'attuale amministrazione statunitense non avesse reso possibile prevede che gli equipaggi statunitensi partecipino all'ISS dopo il 2011 e che l'[[Ufficio per la gestione e il bilancio|Ufficio di gestione e bilancio]] (OMB) e l'[[Ufficio della politica della scienza e della tecnologia|Office of Science and Technology Policy]] (OSTP) stessero effettivamente cercando la sua fine. L'e-mail sembrava suggerire che Griffin riteneva che l'unica soluzione ragionevole fosse quella di estendere il funzionamento dello [[Space Shuttle]] oltre il 2010, ma ha osservato che la politica esecutiva (ovvero la [[Casa Bianca]] ) era ferma sul fatto che non ci sarebbe stata alcuna proroga del pensionamento dello Space Shuttle data, e quindi nessuna capacità degli Stati Uniti di lanciare equipaggi in orbita fino a quando il [[Orion (veicolo spaziale)|veicolo spaziale Orion]] non diventerà operativo nel 2020 come parte del [[programma Constellation]]. Non vedeva l'acquisto di lanci russi per gli equipaggi della NASA politicamente fattibile dopo la [[Seconda guerra in Ossezia del Sud|guerra dell'Ossezia meridionale]] del [[Seconda guerra in Ossezia del Sud|2008]], e sperava che l' [[Barack Obama|imminente]] amministrazione [[Barack Obama]] avrebbe risolto il problema nel 2009 estendendo le operazioni dello Space Shuttle oltre il 2010.
 
Una sollecitazione emessa dal [[Lyndon B. Johnson Space Center|JSC della]] NASA indica l'intenzione della NASA di acquistare da Roscosmos "un minimo di 3 posti Soyuz fino a un massimo di 24 a partire dalla primavera del 2012 "per fornire il trasporto dell'equipaggio della ISS".<ref>{{Cita web|url=http://prod.nais.nasa.gov/cgi-bin/eps/synopsis.cgi?acqid=134686}}</ref><ref>{{Cita web|url=http://prod.nais.nasa.gov/cgi-bin/eps/synopsis.cgi?acqid=134857}}</ref>
''Firmato - Michael D. Griffin''
 
Il 15 ottobre 2008, il presidente [[George W. Bush|Bush]] ha firmato il NASA Authorization Act del 2008, fornendo fondi alla NASA per una missione aggiuntiva per "fornire esperimenti scientifici alla stazione". <ref name="loc">{{Cita web|url=http://thomas.loc.gov/cgi-bin/bdquery/z?d110:h.r.06063:|anno=2008}}</ref> <ref name="approve">{{Cita news|nome=Brian|cognome=Berger|url=http://www.space.com/news/080619-house-shuttle-flight-bill.html|titolo=House Approves Bill for Extra Space Shuttle Flight|pubblicazione=Space.com|editore=Imaginova Corp|data=June 19, 2008|accesso=2008-10-25}}</ref> <ref name="Congress Passes Final Version HR6063">{{Cita news|cognome=NASA|url=http://www.spaceref.com/news/viewpr.html?pid=26558|titolo=House Sends NASA Bill to President's Desk|editore=Spaceref.com|data=September 27, 2008|accesso=2008-11-23}}</ref> <ref name="act2">{{Cita news|nome=Mark|cognome=Matthews|url=http://blogs.orlandosentinel.com/news_space_thewritestuff/2008/10/bush-signs-nasa.html|titolo=Bush signs NASA authorization act|pubblicazione=Orlando Sentinel|data=October 15, 2008|accesso=2008-10-25|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20081019025713/http://blogs.orlandosentinel.com/news_space_thewritestuff/2008/10/bush-signs-nasa.html|dataarchivio=October 19, 2008}}</ref> La legge consente un ulteriore volo dello Space Shuttle, [[STS-134]], verso la ISS per installare l' [[Alpha Magnetic Spectrometer]], che era stato precedentemente cancellato.<ref name="obama1">{{Cita news|cognome=Berger, Brian for Space.com|url=https://www.usatoday.com/tech/science/space/2008-09-23-obama-nasa-shuttle_N.htm|titolo=Obama backs NASA waiver, possible shuttle extension|pubblicazione=USA Today|data=September 23, 2008|accesso=2008-11-06}}</ref>
 
[[Presidente degli Stati Uniti d'America|Il presidente degli Stati Uniti]] [[Barack Obama]] ha sostenuto il funzionamento continuato della stazione e ha sostenuto il NASA Authorization Act del 2008.<ref name="obama1">{{Cita news|cognome=Berger, Brian for Space.com|url=https://www.usatoday.com/tech/science/space/2008-09-23-obama-nasa-shuttle_N.htm|titolo=Obama backs NASA waiver, possible shuttle extension|pubblicazione=USA Today|data=September 23, 2008|accesso=2008-11-06}}</ref> Il piano di Obama per l'esplorazione spaziale include il completamento della stazione e il completamento dei programmi statunitensi relativi alla [[Orion (veicolo spaziale)|navicella spaziale Orion]].<ref name="obama2">{{Cita news|cognome=BarackObama.com|url=http://www.spaceref.com/news/viewsr.html?pid=26647|titolo=Barack Obama's Plan For American Leadership in Space|editore=Spaceref.com|accesso=2008-11-06|anno=2008}}</ref>
 
=== Nuovi partner ===
Secondo quanto riferito, la Cina ha espresso interesse per il progetto, soprattutto se sarebbe in grado di lavorare con l' [[Roscosmos|RKA]]. A causa di problemi di sicurezza nazionale, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato una legge che vieta il contatto tra i programmi spaziali statunitensi e cinesi.<ref>{{Cita web|url=https://time.com/3901419/space-station-no-chinese/|sito=Time}}</ref> As of 2019, La Cina non è coinvolta nella Stazione Spaziale Internazionale.<ref>{{Cita web|url=https://www.nasa.gov/mission_pages/station/cooperation/index.html|sito=NASA.gov}}</ref> Oltre alle preoccupazioni per la sicurezza nazionale, le obiezioni degli Stati Uniti includono la situazione dei diritti umani della Cina e le questioni relative al trasferimento di tecnologia.<ref name="china">{{Cita news|url=http://www.cnn.com/2007/TECH/space/10/16/china.space.ap/index.html|titolo=China wants role in space station|editore=CNN|data=16 October 2007|accesso=20 March 2008|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20080314104006/http://www.cnn.com/2007/TECH/space/10/16/china.space.ap/index.html|dataarchivio=14 March 2008}}</ref><ref>{{Cita web|url=http://www.nbcnews.com/id/3077826|autore=James Oberg}}</ref> I capi delle agenzie spaziali sudcoreane e indiane hanno annunciato alla prima sessione plenaria del [[International Astronautical Congress|Congresso internazionale di astronautica]] del 2009 il 12 ottobre che le loro nazioni intendono aderire al programma ISS. I colloqui sono iniziati nel 2010 e non hanno avuto successo. I capi dell'agenzia hanno anche espresso sostegno per prolungare la durata della ISS.<ref name="ISRO and KARI to join ISS">{{Cita web|url=http://www.flightglobal.com/articles/2009/10/14/333406/south-korea-india-to-begin-iss-partnership-talks-in.html}}</ref> Ai paesi europei che non fanno parte del programma della Stazione Spaziale Internazionale sarà consentito l'accesso alla stazione per un periodo di prova di tre anni, affermano i funzionari [[Agenzia spaziale europea|dell'ESA]].<ref>{{Cita web|url=http://www.space-travel.com/reports/EU_mulls_opening_ISS_to_more_countries_999.html|autore=|sito=www.space-travel.com}}</ref> L' [[Indian Space Research Organisation|Organizzazione per la ricerca spaziale indiana]] ha chiarito che non si unirà alla ISS e costruirà invece la propria stazione spaziale.<ref>{{Cita news|url=https://economictimes.indiatimes.com/news/science/india-planning-to-have-own-space-station-isro-chief/articleshow/69771669.cms|titolo=India planning to have own space station: ISRO chief|pubblicazione=The Economic Times|data=2019-06-13|accesso=2019-07-24}}</ref>
 
== Opinioni pubbliche ==
Utente anonimo