Differenze tra le versioni di "T.A.T.u."

91 byte rimossi ,  5 mesi fa
nessun oggetto della modifica
(Corretto l'errore di traduzione, eliminate le ridondanze.)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
== Storia ==
=== Formazione del gruppo e debutto (1999–2000) ===
Il progetto t.A.T.u. è stato sviluppato da un ex-psicologo ed operatore di marketing russo, [[Ivan Šapovalov]], divenuto produttore discografico e loro manager. Lena e Julia si conoscevano già da tre anni prima di formare il gruppo; entrambe cantavano in un popolare coro di musica pop russo, il ''[[Neposedy]]'' (Непоседы), dal quale pare che Julia fosse stata espulsa per comportamenti inappropriati: Julia inizialmente sosteneva di esser stata cacciata per aver molestato altre ragazze del coro; più tardi negò questa versione, affermando di esser stata punita per aver fumato, bevuto e bestemmiato. A poco tempo dall'abbandono di Julia, anche Lena lasciò il coro.
 
Šapovalov inizialmente scelse Lena Katina ad un casting del 1999 per farle cantare una canzone sulla guerra in [[Repubblica Federale di Jugoslavia|Jugoslavia]]. Più tardi decise di formare un duo, scegliendo anche Julia Volkova. In quel periodo entrambe avevano 14 anni. Elena Kiper, ex-fidanzata di Šapovalov e responsabile delegato del progetto t.A.T.u., affermò che l'idea alla base dell'immagine del gruppo fosse sua, e non di Šapovalov. La scelta di imprimere una connotazione [[lesbismo|gay]] al duo sarebbe stata ispirata da un sogno provocatole dall'anestetico di un dentista, nel quale baciava una donna ascoltando le parole ''Ja sošla s uma'' (letteralmente "sono uscita di testaimpazzita"). Quindi la donna scrisse una canzone dallo stesso titolo, che divenne il primo singolo del gruppo. Kiper affermò anche che l'idea per l'immagine del gruppo sarebbe derivata da un film svedese del 1998, ''[[Fucking Åmål - Il coraggio di amare]]'', diretto da [[Lukas Moodysson]]. Šapovalov negò il ruolo creativo di Kiper nel progetto, negandole ogni rimborso per la proprietà intellettuale.
[[File:Тату-logo.png|miniatura|Il primo logo delle t.A.T.u. (Тату)]]
Il [[videoclip]] di ''[[Ja sošla s uma]]'', versione in russo della loro hit internazionale ''[[All the Things She Said (t.A.T.u.)|All the Things She Said]]'', inizialmente non venne trasmesso né da [[MTV]] Russia (una volta trasmesso vinse il premio del pubblico agli MTV's Russian Awards) né dalla [[BBC]] o altri canali televisivi. Nelle scene incriminate le ragazze, vestite con una divisa scolastica, sotto una fitta pioggia e con i vestiti fradici che lasciano intravedere alcuni dettagli anatomici, piangono dietro a dellele sbarre cantando la canzone, mentre dall'altra parte delle sbarre degligli astanti fissano la coppia con disapprovazione.
Il brano narra una storia d'amore tra due ragazze, ostacolata dai rispettivi genitori. Nel video le cantanti si esibiscono in un bacio saffico che provocò molto scalpore. Alla fine delladel clip si nota che, al contrario di quanto si capiscefa per l'intero videointendere, sono le persone ad esser dietro la recinzione metallica, mentre le ragazze corrono via: questa è una metafora. perCiò farfa capire che le vere persone libere sono le due che possono esprimere il proprio amore e non le personequelle che invece le guardanogiudicano.
 
Le t.A.T.u. si esibirono per la prima volta nel novembre del 2000, eseguendocon ''Ja sošla s uma'' in un club a [[Mosca (Russia)|Mosca]], scambiandosi per la prima volta un bacio di fronte ad un pubblico.
Una volta trasmesso, il singolo riscosse velocemente un inaspettato successo, e il 19 dicembre venne pubblicato e presentato in una conferenza stampa tenutasi nella scuola superiore di Julia, in cui le ragazze apparivano assieme al loro manager di fronte alle telecamere di MTV. VenneroFurono vendute oltre 50.000 copie in brevissimo tempo.<ref>{{Cita web |url=http://tatu.ru/en/history3.html |titolo=Official Site History 2000 |lingua= inglese |accesso=17 ottobre 2020 |urlmorto=no }}</ref>
 
=== ''200 po vstrečnoj'' e successo oltreconfine (2001–2002) ===
Utente anonimo