Giovanni Franco: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
'''Giovanni Franco''', o '''Ivan Anz Frankopian''', chiamato anche (svedese: '''Johan Vale'''), era un [[balivo]] al servizio di [[Eric di Pomerania]], che negli anni Venti del 1420 proprietario del castello di [[Castello di Stegeborg|Stegeborg]]. Era il figlio del [[viceré]] croato, [[Nikola IV Frankopan|Nikola Frankopan]].<ref name=":0">{{Cita libro|cognome=Larsson, Lars-Olof, 1934-|titolo=Kalmarunionens tid : från drottning Margareta till Kristian II|url=https://www.worldcat.org/oclc/186057943|accesso=2020-12-03|edizione=2. uppl|data=2003|editore=Prisma|p=160|OCLC=186057943|ISBN=91-518-4217-3}}</ref>
 
Il re Eric incontrò Franco a Venezia durante il suo [[Pellegrinaggio cristiano|pellegrinaggio]] a [[Gerusalemme]], e fu designato come interprete. Dopo l'arrivo a Gerusalemme, il Re è stato dichiarato [[Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme|Cavaliere del Santo Sepolcr]]<nowiki/>o dalla [[Custodia di Terra Santa]], e successivamente egli stesso ha nominato i suoi compagni pellegrini, tra i quali Ivan Anz Frankopian.<ref>Larsson{{Cita (2003)libro|autore=[[Felix Fabri]]|titolo=Fratris Felicis Fabri Evagatorium in Terrae sanctae, p.Arabiae et Aegypti 190peregrinationem}}</ref>
 
Dopo il viaggio a Gerusalemme, Franco si trasferi nei paesi nordici diventato balivo a Stegeborg.
Nel 1432, un equipaggio di navi veneziane fece naufragio al largo della costa norvegese verso Stegeborg dopo un viaggio a [[Jämtland]], [[Dalarna]] e [[Västmanland]]. Si prese cura di loro e li portò con loro a [[Vadstena]] per una celebrazione in chiesa, diede loro doni di commiato e li ospitò nelle fattorie durante il loro viaggio a [[Lödöse]].<ref name=":0" />
 
Franco aveva anche il feudo di Köpingshus, e qui si trovò nella [[ribellione di Engelbrekt]], quindi si ritirò prima che Engelbrecht nel 1434 conquistasse e bruciasse il castello.<ref>Larsson [3](2003), p. 190</ref> Successivamente, lasciò anche Stegsholm.<ref>Larsson (2003), p. [4]198</ref>
<references />
Utente anonimo