Differenze tra le versioni di "Frammenti dei lirici greci"

m
→‎Saffo: ritocchi di ortografia
m (→‎Saffo: ritocchi di ortografia)
[[Ippolito Pindemonte]], nella sua mirabile traduzione<ref>In "Giornale de' letterati", Tomo XLII (1781), Anno MDCCLXXXI, pp. 257-258.</ref>, è riuscito a cogliere e a rappresentare lo stato d'animo che la poetessa ha trasfuso nell'[[ode]], mantenendo al contempo la potenza della passione e la soavità del tono poetico.
 
{{Citazione|Afrodite eterna, in variopinto soglio,<br />Di Zeus fìglia, artefice d'inganni,<br />O Augusta, il cor deh tu mi serba spoglio,<br />Di noie e affanni.<br /><br />E traggi or quàqua, se mai pietosa un giorno,<br />Tutto a' miei prieghi il favor tuo donato,<br />Dal paterno venisti almo soggiorno,<br />Al cocchio aurato<br /><br />Giugnendo il giogo., Ii passer lievi, belli<br />Te guidavano intorno al fosco suolo<br />Battendo i vanni spesseggianti, snelli<br />Tra l'aria e il polo,<br /><br />Ma giunser ratti: tu di riso ornata<br />Poi la faccia immortal, qual soffra assalto<br />Di guai mi chiedi, e perché te, beata,<br />Chiami io dall'alto.<br /><br />Qual cosa io voglio più che fatta sia<br />Al forsennato mio core, qual caggìa<br />Novello amor ne' miei lacci: chi, o mia<br />Saffo, ti oltraggia?<br /><br />Se lei fugge, ben ti seguirà tra poco,<br />Doni farà, s'ella or ricusa i tuoi,<br />E s'ella non t'ama, la vedrai tosto in foco,<br />Se ancor nol vuoi.<br /><br />Vienne pur ora, e sciogli a me la vita<br />D'ogni aspra cura, e quanto io ti domando<br />Che a me compiuto sia compi, e m'aita<br />meco pugnando.||ποικιλόθρον' ἀθανάτ' Αφρόδιτα,<br />παῖ Δίος δολόπλοκε, λίσσομαί σε,<br />μή μ' ἄσαισι μηδ' ὀνίαισι δάμνα,<br />πότνια, θῦμον,<br /><br />ἀλλὰ τυίδ' ἔλθ', αἴ ποτα κἀτέρωτα<br />τὰς ἔμας αὔδας ἀίοισα πήλοι<br />ἔκλυες, πάτρος δὲ δόμον λίποισα<br />χρύσιον ἦλθες<br /><br />ἄρμ' ὐπασδεύξαισα, κάλοι δέ σ' ἆγον<br />ὤκεες στροῦθοι περὶ γᾶς μελαίνας<br />πύπνα δίννεντες πτέρ' ἀπ' ὠράνωἴθε-<br />ρος διὰ μέσσω.<br /><br />αἶψα δ' ἐξίκοντο, σὺ δ', ὦ μάκαιρα,<br />μειδιαίσαισ' ἀθανάτωι προσώπωι<br />ἤρε' ὄττι δηὖτε πέπονθα κὤττι<br />δηὖτε κάλημμι<br /><br />κὤττι μοι μάλιστα θέλω γένεσθαι<br />μαινόλαι θύμωι. τίνα δηὖτε πείθω<br />ἄψ σ' ἄγην ἐς σὰν φιλότατα;τίς σ', ὦ<br />Ψάπφ', ἀδικήει;<br /><br />καὶ γὰρ αἰ φεύγει, ταχέως διώξει,<br />αἰ δὲ δῶρα μὴ δέκετ',ἀλλὰ δώσει,<br />αἰ δὲ μὴ φίλει, ταχέως φιλήσει<br />κωὐκ ἐθέλοισα.<br /><br />ἔλθε μοι καὶ νῦν, χαλέπαν δὲ λῦσον<br />ἐκ μερίμναν, ὄσσα δέ μοι τέλεσσαι<br />θῦμος ἰμέρρει, τέλεσον,σὺ δ' αὔτα<br />σύμμαχος ἔσσο.|lingua=grc}}
 
Una traduzione più letterale e moderna:
 
{{Citazione|O Afrodite, dal trono adorno, immortale<br />figlia di Zeus, che tessi inganni, ti prego:<br />non piegarmi, o signora, con tormenti<br />e affanni il cuore.<br /><br />Vieni qui, come altre volte,<br />udendo la mia voce da lontano,<br />tu mi esaudisti; e lasciata la casa d'oro<br />del padre venisti.<br /><br />Aggiogato il carro, belli e veloci<br />passeri ti conducevano intorno<br />la terra bruna, con battito fitto di ali,<br />dal cielo attraverso l'aere.<br /><br />E presto quelli giunsero. Tu beata<br />sorridevi nel tuo volto immortale,<br />e mi chiedevi del mio soffrire,<br />perché di nuovo ti invocavo,<br /><br />e cosa mai io desiderassi, che accadesse<br />al mio animo folle:<br />«Chi di nuovo io devo persuadere a rispondere al tuo amore?<br />Chi ti offende, Saffo? Se fugge, presto diti inseguirà,<br />se non accetta adesso i doni, te li offrirà,<br />se non ti ama, subito diti amerà,<br />pur se non lo vuole.»<br /><br />Vieni da me ancora: liberami<br />dagli affanni angosciosi,<br />tutto quello che il mio cuore desidera<br />che accada, tu esaudiscilo,<br />e quindi sii mia alleata.}}
 
L'inno, composizione in onore di una divinità, recitata davanti alla sua statua in quanto considerata sua incarnazione terrena, è da dividersi in tre parti: la prima parte, ''epìklesis'', nella quale la poetessa invoca la divinità ed esprime le sue principali invocazioni utilizzando l'imperativo e forme esortative; la seconda parte, ''omphalòs'', la parte narrativa dell'inno, in cui la divinità viene presentata nel contesto di un'azione della quale è protagonista, di solito di carattere mitico; la terza parte, ''euchè'', la preghiera vera e propria, la cui metrica è simile alla epiclesi.