Differenze tra le versioni di "Guerra degli Stretti"

→‎Svolgimento del conflitto: Corretta grammatica
(Aggiunte info infobox)
(→‎Svolgimento del conflitto: Corretta grammatica)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile Modifica da applicazione Android
=== L'alleanza con gli aragonesi ===
{{Doppia immagine|right|John VI Kantakouzenos.jpg||Rotlle-genealogic-poblet-pere-IV-darago.jpg||[[Giovanni VI Cantacuzeno|Giovanni VI]] e [[Pietro IV di Aragona]]|larghezza totale=300}}
[[File:Methoni Sapientza.jpg|miniatura|L'[[Sapienza (Grecia)|isola di Sapienza]] vista dalla città fortificata veneziana di [[Modone]].]]Per combattere efficacemente i genovesi Venezia fu costretta a trovarecercare degli alleati trovandoli negli [[Corona d'Aragona|aragonesi]]. Nonostante decenni di tensioni derivate dall'espansione catalana verso il [[Ducato di Atene|ducato di Atene e Negroponte]] veneziani e aragonesi tornaronoriuscirono alleatia stipulare un'alleanza contro Genova che si stava adoperando per il dominio della Sardegna, all'epoca sotto il controllo catalano. Nel gennaio 1351 il governo veneziano concluse un trattato con [[Pietro IV di Aragona]] dove prometteva di armare diciotto galere spesate per i due terzi dalla Repubblica di Venezia. Nel maggio del 1351 anche l'[[Imperatori bizantini|imperatore bizantino]] [[Giovanni VI Cantacuzeno|Giovanni VI]] entrò a far parte dell'alleanza impegnandosi a fornire una dozzina di navi, anch'esse spesate per i due terzi da Venezia. Le quaranta navi veneziane sommate alle diciotto aragonesi e alle dodici bizantine avevano l'obiettivo di impadronirsi dei [[Fondaco|fondaci]] genovesi, restituire ai bizantini [[Galata (Istanbul)|Galata]] e [[Chio (isola)|Chio]] e distruggere le flotte genovesi per neutralizzare definitivamente la Repubblica di Genova<ref name=":3" /><ref>{{Cita|Romanin, 1855|pp. 160-161}}.</ref>.
 
Nel 1351 una grande flotta genovese al comando di [[Pagano Doria]] assediò la colonia veneziana di [[Calcide|Negroponte]] prima di avanzare a Costantinopoli. L'imperatore bizantino [[Giovanni VI Cantacuzeno|Giovanni VI]], che aveva perso una breve guerra con i genovesi nel 1348-1349 vedeva di buon occhio un'alleanza con i veneziani che li aveva già aiutati negli attacchi nel quartiere bizantino di Pera. Una flotta veneziano-catalana sotto Niccolò Pisani arrivò poco dopo e unì le forze con i bizantini. Nel febbraio 1352 avvenne la battaglia del Bosforo, entrambe le parti subirono gravi perdite, ma le perdite più gravi furono inflitte agli Aragonesi, inducendo Pisani a ritirarsi e permettendo a Doria di costringere Bisanzio a uscire dalla guerra. Nell'agosto 1353 la flotta Veneziano-Aragonese comandata da Pisani ottenne una schiacciante vittoria sui genovesi sotto Antonio Grimaldi al largo di [[Alghero]], in Sardegna nella battaglia della Lojera. Provati dalla sconfitta la Repubblica di Genova si sottomise a [[Giovanni Visconti (arcivescovo)|Giovanni Visconti]], [[Governanti di Milano|signore di Milano]], per assicurarsi il sostegno finanziario.
Utente anonimo