Differenze tra le versioni di "Massimo Priviero"

 
A fine 2014 insieme ai [[Luf]] realizza un lavoro di musica e memoria intitolato ''Terra e pace'' dove vengono rilette le più celebri melodie della tradizione alpina.
 
{{cn|Numerosissimi in tutti questi anni i concerti ed anche i riconoscimenti di pubblico e di critica, insieme ai premi ( citiamo Premio Lunezia e Premio Enriquez, tra i tanti). Per varie volte vince come album italiano dell'anno il referendum della rivista musicale Buscadero che lo definisce “la voce più bella e più vera del rock d’autore italiano”.}} 
 
A fine 2017 esce ''All’Italia'', un concept-album che omaggia storie di vita degli italiani di ieri e di oggi parlando di rinascita e di forza con dolcezza e amore per il nostro paese. Viene presentato in anteprima all’Ariston di Sanremo dove Massimo torna come ospite speciale al Tenco. Seguirà un lungo tour, italiano e non solo, che terminerà a Città del Messico dove è invitato dall’Università e dall’Istituto di cultura italiano. Alla fine del ’18  celebra 30 anni di carriera nella cornice del Teatro della Triennale di Milano. Le canzoni di “All’Italia” diventano colonna sonora del docufilm Italia Addio non tornerò (prodotto dalla fondazione Paolo Cresci,  programmato nelle reti Mediaset, proiettato al Senato della Repubblica e in vari istituti di cultura italiana del mondo).
 
Durante questo periodo, scrive di getto il libro ''Amore e Rabbia'' che esce nella primavera del 2019. Un mix di autobiografia, romanzo e percorso di autocoscienza scritto durante un inverno in riva al suo mare d’alto Adriatico in un ideale ritorno a casa.<ref>http://www.fieradelleparole.it/evento/amore-e-rabbia/</ref>
 
== Premi e riconoscimenti ==
 
{{cn|NumerosissimiNel in2010 tuttiriceve questiil anni[[Premio iLunezia]] concertinella edcategoria ancheRock id'autore riconoscimentiper diil pubblicobrano e di critica, insieme''Lettera aial premifiglio (Se)''<ref>http://www.premiolunezia.it/edizioni/edizione-2010/</ref> citiamo Premio Lunezia {{cn|e Premio Enriquez, tra i tanti). Per varie volte vince come album italiano dell'anno il referendum della rivista musicale Buscadero che lo definisce “la voce più bella e più vera del rock d’autore italiano”.}} 
 
== Discografia ==