Differenze tra le versioni di "Edda Ciano"

nessun oggetto della modifica
m (→‎Biografia: |date ----> |data)
|Categorie = no
|FineIncipit = è stata una dei cinque figli di [[Benito Mussolini]] e sua moglie [[Rachele Guidi]]
|Immagine = Adhemar de Barros e Edda Ciano Mussolini - 1939Ciano.jpg
|Didascalia =
|Didascalia = Con [[Adhemar de Barros]], durante una visita a [[San Paolo (Brasile)|San Paolo]] del [[Brasile]], nel 1939.
|DimImmagine = 250
}}
 
== Biografia ==
[[File:1931 zhang xueliang comtesse ciano.jpg|thumb|Da destra a sinistra: Yu Fengzhi (moglie di Zhang Xueliang), W.H. Donald (console australiano), [[Zhang Xueliang]], Edda Ciano (al centro) a Pechino in [[Cina]] nel [[1931]].]]
Edda nasce a [[Forlì]] ed è la primogenita di [[Benito Mussolini]] e [[Rachele Guidi]]. La coppia in quel tempo non è sposata, in ossequio alle idee anarco-socialiste di Mussolini, quindi Edda viene registrata nell'atto di nascita come figlia illegittima dal padre Benito, con l'indicazione "N. N." al posto del nome materno. Ciò farà poi nascere la leggenda (sfruttata talvolta a scopi politici) secondo cui sua madre sarebbe stata [[Angelica Balabanoff]], una militante socialista israelita di origine russa che ebbe una relazione con [[Benito Mussolini|Mussolini]] all'epoca in cui entrambi erano esuli in [[Svizzera]].
 
Dopo una parentesi in diplomazia, Ciano diventa prima sottosegretario alla stampa e propaganda e poi ministro degli esteri. Nel [[1939]], con l'occupazione italiana dell'[[Albania]], la città di [[Saranda]] prende il nome di Porto Edda, che conserva fino al [[1944]]. Filotedesca, Edda appoggerà sempre le posizioni del padre sulla guerra, più tentennante sarà il marito Galeazzo.
 
[[File:Adhemar de Barros e Edda Ciano Mussolini - 1939.jpg|miniatura|DidascaliaEdda =Ciano Concon [[Adhemar de Barros]], durante una visita a [[San Paolo (Brasile)|San Paolo]] del [[Brasile]], nel 1939.]]
[[File:1931 zhang xueliang comtesse ciano.jpg|thumb|Da destra a sinistra: Yu Fengzhi (moglie di Zhang Xueliang), W.H. Donald (console australiano), [[Zhang Xueliang]], Edda Ciano (al centro) a Pechino in [[Cina]] nel [[1931]].]]
 
Di personalità intraprendente e irrequieta, presenta comportamenti da lei stessa in seguito definiti "da maschiaccio", che la porteranno non di rado a scontrarsi col potente padre che, pare, ebbe a dire: "Sono riuscito a sottomettere l'Italia, ma non riuscirò mai a sottomettere mia figlia". Il suo carattere indomito si manifesta sia da bambina (portata a studiare nel collegio delle signorine "bene" di [[Villa Medicea del Poggio Imperiale|Poggio Imperiale]], si fa ritirare dopo poco), sia da ragazza (è una delle prime donne a portare i pantaloni e il bikini), sia da adulta (tradisce - ricambiata - il marito, fuma, gioca d'azzardo).
2 036

contributi