Differenze tra le versioni di "Mitsubishi L200"

 
|didascalia=
|versioni=[[Pick-up (veicolo)|Pick-up]]
|anni_produzione=[[1978]]-[[1986]]
|stelleEU=
|stelleEUanno=
|didascalia2=
}}
La prima serie del pick-up compatto di Mitsubishi venne presentato in Giappone come '''Mitsubishi Forte''' nel 1978 e venne venduto fino alla fine del [[1986]].
[[File:1984 Mitsubishi L200 Express (MC) 2.3 Diesel 4WD utility (22551245861).jpg|thumb|left|Mitsubishi L200 4x4 prima serie del 1984]]
Venne disegnato da Shinichi Mitsuhashi all’epoca direttore del centro stile giapponese ed esteticamente riprendeva il [[Design automobilistico|design]] frontale dalla contemporanea [[Mitsubishi Galant|Mitsubishi Galant Eterna]] con la [[Calandra (veicoli)|calandra]] cromata che incorporava i quattro [[Fanale (veicoli stradali)|fari]] circolari. Era disponibile con cabina singola a due posti e cassone posteriore oppure in versione ''chassis'' con [[Telaio (meccanica)|telaio]] nudo per gli allestitori. La gamma [[Motore a combustione interna|motori]] comprendeva il 1,6 litri 4G32 [[Motore a benzina|benzina]] da 92 CV disponibile solo con [[trazione posteriore]] e successivamente nel 1981 venne presentato un leggero [[Restyling (auto)|restyling]] dove venne adottata una nuova calandra in plastica che incorporava quattro fari rettangolari e il vecchio 1.6 venne affiancato dalla nuova versione 1.6 G32B MCA-JET da 86 CV conforme alle nuove normative anti inquinamento giapponesi abbinato anche alla [[trazione integrale]] e da un più potente motore 2.0 benzina Sirius G63B da 110 CV.
 
Nelle versioni di esportazione, denominate Mitsubishi L200, la versione a benzina da 2,0 litri erogava 93 CV (il 1.6 non venne offerto) mentre venne proposta anche un'unità più grande da 2,6 litri che erogava 105 CV oltre ad un motore diesel aspirato da 2,3 litri da 67 CV disponibili sia a trazione posteriore che integrale. La produzione avveniva in Giappone nello stabilimento di [[Nagoya]] e dal 1981 venne avviata anche in [[Tailandia]] nello stabilimento di [[Laem Chabang]] della United Development Motor Industry Co (UDMI), una controllata della [[Mitsubishi Heavy Industries]].
 
===Meccanica===
Il telaio di base era derivato da quello della Galant di terza generazione nella versione [[Station wagon|wagon]] ma profondamente rivisto e irrobustito essendo un mezzo prettamente da lavoro. I [[Freno|freni]] anteriori erano a [[Freno a disco|disco]] e le [[Sospensione (meccanica)|sospensioni]] anteriori avevano uno schema a ponte rigido con molle elicoidali mentre le posteriori erano a [[Balestra (meccanica)|balestra]]. La versione a trazione integrale fu aggiunta nel 1981 e aveva una nuova sospensione anteriore con barra di torsione anteriore. Il sistema di trazione integrale aveva quattro marce ridotte e diventerà la base per lo sviluppo dei sistemi di trazione integrale dei fuoristrada Mitsubishi che verranno adottati dai successivi [[Mitsubishi Pajero|Pajero]], L200, [[Mitsubishi Pajero Sport|Pajero Sport]] e [[Mitsubishi Delica|Delica]].
 
===Mercato americano===
Negli Stati Uniti venne importato dal [[Gruppo Chrysler]] e venduto tramite una strategia di [[badge engineering]] dal 1989 al 1990 come '''Dodge D-50''' mentre successivamente come '''Dodge Ram 50''' e '''Plymouth Arrow''', fino al 1982. Dal 1982 la versione a marchio [[Plymouth]] venne soppressa e la Mitsubishi iniziò a importare direttamente il veicolo tramite la propria rete di vendita ribattezzandolo '''Mitsubishi Mighty Max'''. Nello stesso anno anche la versione a marchio [[Dodge]] venne ristilizzata e venne introdotta la versione la trazione integrale (denominata Power Ram 50) e il motore [[motore diesel|turbo diesel]] 2,3 litri erogante 86 cavalli.<ref>{{cita web|url=https://www.thetruthaboutcars.com/2020/02/buy-drive-burn-compact-and-captive-pickup-trucks-from-1982/|data=14 febbraio 2020|titolo=Buy/Drive/Burn: Compact and Captive Pickup Trucks From 1982|lingua=en|accesso=31 maggio 2020}}</ref>
 
In Australia venne importato dalla Chrysler dal 1979 ribattezzato '''Chrysler D-50''' e l'anno seguente il nome venne cambiato in '''Chrysler L200''' per uniformarlo alla gamma [[Veicolo commerciale|veicoli commerciali]] che comprendeva anche il commerciale L300 Express. Tuttavia dall'ottobre del 1980 la Chrysler cessò le vendite dei veicoli Mitsubishi in Australia e di conseguenza tutte le attività vennero assorbite dalla casa giapponese che continuò a vendere i propri modelli con il proprio marchio.
 
==Seconda generazione (1986-1996)==
Utente anonimo