Differenze tra le versioni di "Maria Sofia di Baviera"

Le sue ricchezze e tutti i suoi privilegi erano, in un certo modo, compromessi da tali tragedie personali.
Il suo matrimonio restò inconsumato per molti anni a causa del fatto che Francesco soffriva di [[fimosi]].
La timidezza e il fanatismo religioso del consorte, inoltre, impedivano alla coppia lo sviluppo di qualsiasi tipo di intimità e ciò rese il matrimonio sterile per molti anni. Questo disagio ebbe il naturale sviluppo durante l’esilio romano dei monarchi, infatti Maria Sofia si innamorò di un ufficiale della guardia pontificia, il conte belga Armand de LawayessLawayss, con il quale ebbe una relazione, e rimase incinta. Per nascondere la gravidanza si recò a casa dei genitori a Possenhofen, dove, su consiglio della famiglia, decise che partorire in segreto per evitare lo scandalo. Il 24 novembre 1862 Maria Sofia diede alla luce due gemelle, nel convento di S. Orsola ad Augusta. Una bambina venne immediatamente affidata alla famiglia di Lawayss e l’altra a degli zii materni. Un anno dopo, su consiglio della famiglia, Maria Sofia decise di confessare la relazione a suo marito. Successivamente, il rapporto tra i due migliorò, infatti Francesco si sottopose a un'operazione per ridurre la fimosi e fu in grado di consumare il matrimonio,
Maria Sofia rimase incinta e diede alla luce un'altra bambina, chiamata [[Maria Cristina Pia di Borbone-Due Sicilie|Maria Cristina Pia.]] La bambina fu tenuta a battesimo dalla zia, l'imperatrice [[Elisabetta di Baviera|Sissi]].
Maria Cristina Pia visse solo tre mesi e morì il 28 marzo 1870.
241

contributi