Differenze tra le versioni di "Baldini+Castoldi"

→‎Storia: Ripristinato link interrotto con archive.today
(→‎Storia: Ripristinato link interrotto con archive.today)
Nel maggio 2003, la società assume il nome di ''Baldini Castoldi Dalai Editore'', poi solo ''B.C. Dalai Editore''. Ancora, nel 2011 cambia il nome in ''Dalai Editore''; il marchio "Baldini & Castoldi" viene mantenuto come nome di collana.
 
Tra il 2011 e il 2012, tuttavia, la casa editrice si trova ad affrontare una nuova crisi aziendale, che infine nel giugno 2013 l'ha portata a richiedere al Tribunale di Milano la possibilità di accedere al [[concordato preventivo]], la procedura concorsuale volta a evitare il fallimento.<ref>{{cita web |url= http://www.bcdeditore.it/comunicato-aziendale/ |titolo= Comunicato aziendale |accessodata= 510 agostogiugno 2013 |dataaccesso=30 10dicembre giugno2020|urlarchivio=https://archive.is/U4rfy|dataarchivio=5 agosto 2013 |urlmorto= sì }}</ref> A febbraio 2014 la società fallisce definitivamente con provvedimento del Tribunale di Milano.
 
Nel frattempo la sigla editoriale è stata presa in affitto, con l'obiettivo di continuarne l'attività, da una nuova società denominata nuovamente ''Baldini&Castoldi'', distribuita da [[Messaggerie Italiane]], promossa da Libromania e fondata da [[Michele Dalai]] (figlio dell'editore) e da Filippo Vannuccini (direttore finanziario della vecchia società).<ref>{{cita web |autore= Cristina Taglietti |url=http://www.cinquantamila.it/storyTellerArticolo.php?storyId=0000002240659 |titolo= Crisi e debiti, Dalai chiude. Apre «Baldini e Castoldi» |data= 11 giugno 2013}}</ref><ref>{{cita web |autore= Cinzia Meoni | url=http://www.lettera43.it/it/articoli/economia/2013/05/30/dalai-verso-il-concordato-preventivo/176659/ |titolo= Dalai verso il concordato preventivo |data= 30 maggio 2013}}</ref>