Differenze tra le versioni di "Galileo Cavallari Murat"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  2 mesi fa
m
nessun oggetto della modifica
(Nuova pagina: {{Bio |Nome = Galileo |Cognome = Cavallari Murat |Sesso = M |LuogoNascita = Comacchio |GiornoMeseNascita = |AnnoNascita = 1877 |LuogoMorte = Lanzo Torinese |GiornoMese...)
 
m
Esordì come ritrattista: del 1898 è una sua immagine a [[sfumino]] della concittadina Ines Samaritani. Nel 1902, Cavallari Murat si occupò dei restauri alla cappella di Santa Filomena nel [[Duomo di Comacchio]]<ref>Antonio P. Torresi, ''Secondo dizionario biografico di pittori restauratori italiani dal 1750 al 1950'', Liberty House, Ferrara, 2003, p. 60</ref>. Nel 1907, ormai trentenne, decise di trasferirsi a [[Chiavenna]], dove insegnò disegno e calligrafia nelle scuole superiori.
 
In seguito si trasferì a [[Torino]], ma non troncò mai i rapporti con la provincia d'origine: nel 1914 infatti aderì ad una collettiva tentuatenuta presso il [[Palazzo dei Diamanti]] e fu costantemente paesaggista di Comacchio e delle sue [[Valli di Comacchio|Valli]].
 
Negli [[anni 1920|anni venti]] e [[anni 1930|trenta]] fu autore di vedute di Torino e del [[Piemonte]], ma anche di nature morte, come documentano alcune opere presso collezioni private a Comacchio. Fu anche scultore e, nel 1945, eseguì il [[busto]] in marmo del partigiano [[Edgardo Fogli]], collocato nella sala consiliare del Municipio di Comacchio: l'opera fu donata «''dai Comacchiesi residenti a Torino''», come recita la sottostante lapide<ref>Lucio Scardino, ''Appunti sparsi sulla quadreria di Comacchio'', in ''Anecdota'', anno XVII, n. 2, Comacchio, dicembre 2007</ref>.
11 201

contributi