Differenze tra le versioni di "Genocidio"

20 byte rimossi ,  1 mese fa
 
== Origine ed etimologia ==
Il termine "genocidio" è una [[parola d'autore]] coniata da [[Raphael Lemkin]], giurista [[Polonia|polacco]] di origine [[Ebreo|ebraica]], studioso ed esperto del [[genocidio armeno]], introdotta per la prima volta nel 1944, nel suo libro ''Axis Rule in Occupied Europe'', opera dedicata all'[[Europa]] sotto la dominazione delle [[Potenze dell'Asse|forze dell'Asse]].<ref name=Lemkin79>{{cita|Lemkin, 1944|p. 79}}.</ref><ref name=Leotta3-10>{{cita|Leotta|pp. 3 e 10}}.</ref><ref name=Leotta76>{{cita|Leotta|pp. 76-77}}.</ref> L'autore vide la necessità di un [[neologismo]] per poter descrivere l'[[Olocausto]] e dei fenomeni di persecuzione e distruzione di gruppi nazionali, razziali, religiosi e culturali, in particolare alla ricerca di idonei strumenti, nel diritto internazionale, a garantire la tutela di tali gruppi.<ref name=Leotta46-47>{{cita|Leotta|pp. 46-47}}.</ref>
 
La parola, derivante dal [[lingua greca|greco]] ''γένος'' (''ghénos'', "razza", "stirpe") e dal [[lingua latina|latino]] ''caedo'' ("uccidere"), è entrata nell'uso comune e ha iniziato ad essere considerata come indicatrice di un crimine specifico, recepito nel [[diritto internazionale]] a partire dal secondo [[dopoguerra]] e quindi nel diritto interno di molti paesi.<ref name=Leotta76>{{cita|Leotta|pp. 76-77}}.</ref>
[[File:Raphael Lemkin 01.jpg|thumb|[[Raphael Lemkin]], ideatore del termine "genocidio".]]
Il primo utilizzo del termine in ambito giudiziario avviene un anno dopo il lavoro di Lemkin durante il [[processo di Norimberga]] celebrato a partire dall'autunno del 1945. Anche se non espressamente menzionata nella carta di Londra, l'accordo stipulato dalle [[Alleati della seconda guerra mondiale|nazioni Alleate]] per dar vita al Tribunale Militare Internazionale chiamato a giudicare i crimini commessi dalle [[Potenze dell'Asse|forze dell'Asse]] durante la seconda guerra mondiale, la parola "genocidio" è presente nell'atto di accusa degli imputati del 18 ottobre, non come crimine specifico, ma come termine descrittivo seppur con riferimento ai crimini di guerra e non ai crimini contro l'umanità:<ref name=Leotta117>{{cita|Leotta|p. 117}}.</ref>